La verità sui lupi nel Montana

53

Tutti parlano di lupi grigi. Potrebbe essere perché Miley Cyrus ha recentemente affermato che userà la sua fama per combattere per i lupi, o per la controversa spinta del Montana per espandere notevolmente la caccia al lupo nello stato. Ma potrebbe anche essere a causa di una trama in via di sviluppo nella quinta stagione della serie TV di successo Yellowstone. Per coloro che non hanno guardato, ti aggiornerò rapidamente.

Immagine

Lo spettacolo segue John Dutton, interpretato da Kevin Costner, e il suo ranch, lo Yellowstone. Il ranch impiega diversi cowboy che hanno il compito di prendersi cura del ranch e del suo bestiame, e affrontano ostacoli immensi, e talvolta ridicolmente drammatici, lungo la strada. C’è l’omicidio, ovviamente, e il romanticismo, e tutte le altre scene scritte da Hollywood che attirano l’attenzione di circa 10 milioni di spettatori a settimana.

In questa stagione, gli eventi dello spettacolo hanno colpito vicino a casa per Defenders of Wildlife. Mentre cavalcano nell’episodio 2, “The Sting of Wisdom”, i cowboy trovano una mucca madre che è stata uccisa dai lupi… o almeno così sembra. Più tardi quella notte, due dei cowboy vengono mandati a cacciare i lupi e li trovano in agguato intorno ad altri bovini di Yellowstone. I cowboy li sparano da lontano, usando occhiali termici. Mentre i cowboy si avvicinano ai lupi morti, scoprono che alcuni membri del branco indossano collari GPS.

Immagine

William C. Campbell/USFWS

Un lupo grigio dal collare nel Parco Nazionale di Yellowstone.

I collari GPS indicano che sono lupi del Parco Nazionale di Yellowstone. Se il pubblico scopre che i cowboy di Dutton hanno ucciso i lupi del parco nazionale, John Dutton e i suoi cowboy potrebbero trovarsi in grossi guai. “Questi lupi hanno pagine Facebook!” esclama uno dei cowboy.

Ciò rispecchia da vicino la conservazione del lupo nell’area di Yellowstone oggi. I lupi sono tenuti in grande considerazione dal pubblico come una grande storia di successo di conservazione americana. Sono completamente protetti all’interno del parco ma aperti alla caccia e alla cattura quando vagano oltre i confini del parco.

Quando il Congresso istituì per la prima volta il Parco Nazionale di Yellowstone alla fine del XIX secolo, i lupi grigi prosperarono in tutto il paesaggio. Ma a causa di uno sforzo concertato per sradicarli, a metà del 1900, i lupi erano stati quasi completamente eliminati dai 48 stati inferiori.

Immagine

Difensori della fauna selvatica

Volontari con gabbie per lupi prima del rilascio del lupo di Yellowstone nel 1995.

La reintroduzione dei lupi a Yellowstone è avvenuta nel 1995. Il nostro CEO all’epoca era lì. Sin dalla reintroduzione iniziale, Defenders è rimasta impegnata a riportare i lupi in ulteriori luoghi idonei in tutto il loro areale storico e a promuovere la convivenza in questi luoghi.

Sebbene siamo entusiasti di vedere alcune delle complessità del nostro lavoro quotidiano riprodotte sullo schermo davanti a un vasto pubblico, vogliamo assicurarci che gli spettatori e i fan abbiano tutti i fatti sulla storia dei lupi grigi e su ciò che accade realmente nel Montana.

Mito: gli allevatori non possono coesistere con i lupi

Un conflitto primario che alcuni allevatori hanno con i lupi riguarda la perdita di bestiame, anche se molto meno dell’un decimo dell’uno per cento del bestiame nelle aree occupate dai lupi viene perso a causa dei lupi. Sebbene pochissimi allevatori subiscano effettivamente perdite di bestiame a causa dei lupi, può essere significativo per il ranch essere colpito.

Defenders ha una vasta esperienza nella coesistenza, promuovendo e implementando efficaci strumenti e tecniche non letali per ridurre i conflitti tra fauna selvatica e bestiame in tutto il paese. Ad esempio, addestrando le vacche madri a stare con i loro vitelli ea trovare sicurezza nella mandria quando sono minacciate, è possibile riaccendere l’istinto del gregge dei bovini; istinti che li tengono più al sicuro dai predatori. Poiché i lupi hanno paura degli esseri umani, anche una presenza umana attiva nella gamma può essere inestimabile. I ranger pattugliano dove pascola il bestiame, scoraggiano i predatori e tengono d’occhio la mandria per garantirne la salute e il benessere.

Immagine

Russell Talmo/DOW

Scherma turbo-fladry nel Montana.

Ulteriori strumenti includono l’uso di segnali di recinzione specializzati chiamati turbo-fladry, luci stroboscopiche casuali come Foxlights e produttori di rumore per scoraggiare i lupi dall’avvicinarsi troppo al bestiame. Maggiori informazioni su queste strategie per ridurre i conflitti possono essere trovate in Bestiame e lupi dei difensori: Guida agli strumenti e ai metodi non letali per ridurre i conflitti.

Fatto: la reintroduzione dei lupi ha beneficiato di Yellowstone

I cambiamenti nel parco da quando i lupi sono stati reintrodotti il ​​12 gennaio 1995 sono stati entusiasmanti e significativi. La reintroduzione del lupo ha contribuito a riequilibrare le popolazioni di alci e cervi e li ha portati a spostarsi maggiormente attraverso il paesaggio, consentendo a salici e pioppi tremuli di rimbalzare sul paesaggio. Il ridotto pascolo eccessivo ha stabilizzato gli argini dei fiumi, migliorando la qualità dell’acqua. Gli uccelli canori hanno beneficiato di questi cambiamenti così come i castori, le aquile, le volpi ei tassi. E, mentre il ripristino dei lupi a Yellowstone è costato circa $ 30 milioni in totale, l’ecoturismo del lupo porta $ 82 milioni all’anno.

Mito: i lupi hanno più protezioni adesso rispetto al 1995

Negli ultimi dieci anni, il governo federale ha lentamente rimosso le protezioni federali per i lupi grigi, a partire dai lupi nelle Montagne Rocciose settentrionali nel 2011. Nel novembre 2020, il servizio statunitense per la pesca e la fauna selvatica ha annunciato la sua decisione di rimuovere le protezioni federali per i lupi grigi in tutto il restanti 48 stati inferiori, nonostante la carenza di prove scientifiche per giustificare il trasferimento.

Immagine

Keith Szafrankski

La decisione, entrata in vigore il 4 gennaio 2021, ha colpito i lupi grigi in almeno 44 stati, soprattutto nei Grandi Laghi occidentali, nelle Montagne Rocciose centrali e nella costa del Pacifico. La rimozione delle protezioni ha avuto conseguenze immediate per i lupi, lasciandoli vulnerabili a caccia insostenibile, intrappolamento e altre misure letali. Le protezioni per i lupi sono state ripristinate all’inizio di quest’anno, ad eccezione dell’area delle Montagne Rocciose settentrionali del Montana, dell’Idaho e del Wyoming, comprese le aree che circondano il Parco nazionale di Yellowstone. Durante la stagione di caccia 2021-2022, 24 lupi del Parco sono stati uccisi negli stati vicini. Altre centinaia furono uccise in tutti e tre gli stati: circa 270 nel Montana, 500 in Idaho e 30 nel Wyoming. Purtroppo, il Montana e l’Idaho hanno prodotto attivamente nuove leggi per rimuovere le protezioni per i lupi.

Fatto: il Montana ha recentemente approvato leggi che incoraggiano più uccisioni di lupi

Al Montana è stata conferita l’autorità di gestire i lupi in tutto lo stato in seguito alla cancellazione federale della popolazione di lupi grigi delle Montagne Rocciose dall’Endangered Species Act. Nel 2021, la legislatura del Montana ha approvato quattro leggi aggressive sulla gestione del lupo che autorizzavano il rimborso per cacciatori di lupi e cacciatori di lupi, aumentavano la durata della stagione per la cattura, aumentavano i limiti del sacco e consentivano metodi di caccia e cattura precedentemente vietati come trappole al collo, uso di esche e caccia di notte con faretti. La caccia al lupo dello scorso anno, una delle più aggressive nella storia moderna del Montana, è culminata con la morte di un quinto dell’intera popolazione di lupi del Parco Nazionale di Yellowstone, con circa tre quarti di quelli uccisi nel Montana.

Immagine

Giovanni Morrison

Al contrario, il Colorado si sta preparando a reintrodurre i lupi grigi nello stato, grazie a un’iniziativa approvata dagli elettori per iniziare la reintroduzione della specie entro la fine del 2023. Questo segna la prima volta che gli elettori di uno stato, non i gestori federali della fauna selvatica, hanno diretto il ritorno dei lupi. L’agenzia statale per la fauna selvatica elenca anche i lupi come in via di estinzione con protezioni complete.

Sfortunatamente, nel novembre di quest’anno, tre lupi ritenuti cuccioli del branco di North Park in Colorado, sono stati uccisi quando hanno attraversato i confini di stato nel Wyoming, dove è legale uccidere i lupi. Il branco di North Park ha prodotto sei cuccioli alla fine di aprile o all’inizio di maggio 2021 nella contea di Jackson, i primi a nascere in Colorado in circa 80 anni, non lontano dal confine con il Wyoming. Non è raro che il branco di North Park viaggi dentro e fuori dal Wyoming. I branchi di lupi di solito cacciano all’interno di un territorio specifico. A volte questi territori possono essere grandi fino a 50 miglia quadrate, ma possono anche viaggiare per più di 1.000 miglia in aree in cui le prede sono scarse. I lupi devono essere in grado di viaggiare liberamente in tutto il loro raggio d’azione per sopravvivere e prosperare. Il loro sostentamento non dovrebbe dipendere dai confini statali.

Fatto: i lupi dal collare radio sono importanti per la ricerca e il monitoraggio

Dalla reintroduzione dei lupi grigi a Yellowstone, i radiocollari sono stati utilizzati come strumento principale per la ricerca e il monitoraggio del luogo in cui si trova la specie. Ora, più di 25 anni dopo, il collare radio rimane un metodo importante per raccogliere tutti i tipi di dati. I lupi dal collare possono anche fornire informazioni importanti ai gestori della fauna selvatica e aiutare a fornire strumenti per la deterrenza dei conflitti con le operazioni di allevamento. I lupi che indossano i radiocollari non si comportano diversamente dai lupi senza radiocollari: non ci sono prove che suggeriscano che i collari influenzino i tassi di dispersione, mortalità, sopravvivenza, successo riproduttivo e leadership.

Immagine

wesdotphotography/Alamy Stock Photo

Il destino dei cowboy di Dutton è ancora sconosciuto, ma speriamo che tu abbia una migliore comprensione del motivo per cui le loro azioni potrebbero avere gravi conseguenze.

Nel mondo reale, il destino dei lupi grigi è nelle mani dell’US Fish and Wildlife Service (FWS). L’agenzia sta attualmente conducendo una revisione per soppesare il ripristino delle protezioni dell’Endangered Species Act federale per i lupi grigi nelle Montagne Rocciose settentrionali. Nel settembre 2021, FWS ha annunciato che avrebbe esplorato la rimessa in vendita dopo aver trovato “informazioni sostanziali e credibili che indicano che un’azione di quotazione potrebbe essere giustificata” in una valutazione iniziale. L’agenzia è in ritardo nel rilasciare tale revisione, che avrebbe dovuto essere completata entro un anno.

I lupi ci stanno permettendo di riscrivere la storia di chi siamo come persone. Sono un simbolo dell’America che vogliamo creare, dove possiamo coesistere pacificamente con la fauna selvatica, a beneficio loro e nostro. Unisciti a noi.