La vita di una madre all’interno di fattorie industriali

358

L’amore di una madre è universale.

Milioni di animali che vengono allevati e uccisi ogni anno negli allevamenti di tutto il mondo sono madri.

Ma negli allevamenti intensivi, una femmina di animale che partorisce non è considerata madre.

Invece, è considerata una macchina da riproduzione, il cui unico scopo è continuare a partorire per continuare a nutrire gli esseri umani con il suo latte o la carne dei suoi bambini.

Vacche madri nel settore lattiero-caseario

Le mucche utilizzate per il loro latte nell’industria casearia sono tutte madri.

Proprio come gli esseri umani, una mucca produce solo latte per il suo bambino. Una volta rimasta incinta, porta il suo bambino nel suo grembo per nove mesi prima del parto.

Una volta partorito, inizia a produrre il latte per il suo vitello appena nato, latte che il suo bambino berrebbe naturalmente durante i primi 10 mesi della sua vita.

Tuttavia, negli allevamenti, il latte che produce non verrà dato al suo bambino, poiché verrà invece imbottigliato per il consumo umano.

E così il suo vitello viene separato da lei – spesso entro poche ore o pochi giorni dalla nascita – e scambiato con una mungitrice attaccata ai suoi capezzoli.

Questo processo dura tre mesi fino a quando non viene nuovamente fecondata per mantenere rese innaturalmente elevate di produzione di latte.

Questo ciclo crudele e abusivo si ripete in media tre o quattro volte fino a quando la mucca – stremata dalle ripetute gravidanze, nascite e produzione di latte innaturale – viene uccisa e venduta per carne a buon mercato.

La separazione di mucche e vitelli è estremamente dolorosa sia per la madre che per il bambino.

Durante le molteplici indagini condotte da Animal Equality, le mucche madri e i loro vitelli appena nati sono stati filmati mentre si chiamavano disperatamente per ore o si cercavano invano. Queste scene possono essere descritte solo come strazianti.

Maiali madri nell’industria della carne

L’industria della carne utilizza suini femmine, dette anche scrofe, per allevare suinetti destinati al consumo umano. Ciò significa che queste scrofe vengono inseminate artificialmente più volte all’anno per tutta la vita, costringendole a rimanere incinta.

Nell’industria della carne suina statunitense, la maggior parte dei 6 milioni di suini riproduttori femmine, o scrofe, sono confinati in queste casse di 7 piedi per 2 per tutta la durata delle loro gravidanze, il che ha un impatto fisico e mentale sugli animali. Ian Duncan, studioso del benessere degli animali presso l’Università di Guelph, l’ha descritto come “una delle forme di reclusione più crudeli escogitate dall’umanità”.

In questo ambiente miserabile e innaturale, partoriranno e saranno costretti a tentare di allattare i loro maialini mentre sono confinati dietro le sbarre.

Dopo aver attraversato questo ciclo due volte l’anno per diversi anni, le madri vengono uccise e vendute per carne a buon mercato.

Galline nell’industria delle uova

Probabilmente hai sentito l’espressione “mamma chioccia”.

Non sorprende che si siano guadagnati questo soprannome, poiché la ricerca mostra che le galline sono madri molto materne e protettive.

Quando i suoi pulcini sono in pericolo, una gallina reagirà fisicamente, mostrando empatia. La sua frequenza cardiaca aumenterà e inizierà a chiamare i suoi bambini.

Tragicamente, nell’industria delle uova, le galline non hanno la possibilità di essere madri, poiché il loro unico “scopo” è produrre uova destinate al consumo umano.

Allevate selettivamente per produrre il numero massimo di uova, milioni di galline negli allevamenti di uova negli Stati Uniti trascorrono la loro intera vita – fino a due anni – stipate in sudicie gabbie di filo metallico con una sessantina di altri uccelli.

Le gabbie sono così piccole e affollate che le galline non possono nemmeno aprire completamente le ali, fare il bagno di polvere, beccare o giocare. Viene loro impedito di eseguire questi comportamenti naturali più elementari.

I pulcini femmine prenderanno il posto delle loro madri per continuare la produzione di uova. I pulcini maschi invece, incapaci di produrre uova, di solito vengono macinati vivi o gasati a morte.

Puoi aiutare le madri intrappolate nell’industria alimentare

Come gli esseri umani, gli animali sono in grado di fare le proprie scelte, allattare i loro bambini e mostrare amore l’uno verso l’altro. Ma gli animali d’allevamento non hanno la libertà di decidere nulla sulla propria vita o sui propri piccoli. Invece l’industria dell’allevamento animale prende queste decisioni per loro, separandoli, mutilandoli e causando loro immense sofferenze.

Aiutaci a proteggere queste madri facendo un regalo. Una donazione di qualsiasi importo avrà un enorme impatto sulle loro vite e ci avvicinerà al mondo che immaginiamo. Un mondo dove tutti gli animali sono rispettati e protetti. Un mondo dove le mamme ei loro bambini possono stare insieme.