Lavorare per proteggere la fauna selvatica alla conferenza delle parti della CITES

38

In Defenders of Wildlife, facilitare la convivenza equilibrata e sostenibile tra l’incredibile fauna selvatica del nostro pianeta e le nostre diverse società globali è la nostra massima priorità.

Rimaniamo fermi nelle nostre convinzioni per chiedere maggiori protezioni per le specie in pericolo e spingere per politiche globali forti che promuovano il fondamento della vita stessa, la biodiversità.

Per le prossime due settimane, l’appassionato team di avvocati e avvocati internazionali di Defenders of Wildlife sarà a Panama per la 19a Conferenza delle Parti (COP19) della Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, chiamata CITES in breve.

Immagine

Jessica Castillo

Questa convenzione è un accordo internazionale legalmente vincolante che regola il commercio internazionale di fauna selvatica e piante in modo che il sovrasfruttamento (uno dei cinque fattori della crisi della biodiversità) non li spinga all’estinzione. Con 184 partiti o paesi partecipanti, inclusi gli Stati Uniti, ora ci sono più di 37.000 specie che ricevono protezione.

Uno dei motivi principali per cui siamo qui è sostenere i paesi, in particolare quelli dell’America Latina, come i nostri stretti partner in Costa Rica e Messico, nei loro sforzi per far adottare le loro proposte per inasprire la regolamentazione del commercio di specie durante la conferenza di questa settimana. La difesa in questi incontri può essere stressante e la posta in gioco alta funziona poiché molti paesi e gruppi a favore del commercio si oppongono con veemenza a proposte che potrebbero interferire con le loro pratiche attuali, come il commercio di pinne di squalo, il disboscamento, la caccia o la raccolta per il commercio di animali domestici. Con le crisi climatiche e della biodiversità che minacciano gli ecosistemi globali e mettono a rischio di estinzione fino a un milione di specie nel prossimo futuro, la conferenza di quest’anno è della massima importanza.

La squadra dei difensori della fauna selvatica

Alessandra Goyenechea è l’avvocato internazionale senior di Defenders of Wildlife e un veterano della CITES. Ha contribuito a portare molte proposte al traguardo, in particolare anfibi e animali marini come squali e razze. È un’esperta di politica internazionale sulla conservazione della fauna selvatica e sul traffico di fauna selvatica ed è stata una borsista Fulbright.

Immagine

Orione Cruz è un avvocato che lavora come associato internazionale per Defenders of Wildlife. Ha lavorato negli Stati Uniti e all’estero e si occupa di diritto e politica ambientale internazionale, in particolare per quanto riguarda l’America Latina. Prima di entrare a far parte di Defenders, è stato consulente legale del Ministero delle risorse naturali, dell’ambiente e del turismo nella Repubblica di Palau.

Immagine

Con oltre due decenni di lavoro presso Defenders of Wildlife nel nostro ufficio in Messico, Juan Carlos Cantù ha contribuito a ottenere le più alte protezioni CITES per molte specie di pappagalli, rettili, tartarughe marine, alberi neotropicali e squali in via di estinzione e aiuta a gestire un programma di reintroduzione per gli Ara scarlatti. Inoltre, è un esperto di traffico di animali selvatici, conservazione dei pappagalli e diritto della fauna selvatica.

Immagine

Il nostro team internazionale ha trascorso un’enorme quantità di tempo nell’ultimo anno che ha portato alla COP19 a sostenere i paesi che cercano di sfruttare la CITES per proteggere la loro inestimabile biodiversità. Si sono impegnati con i paesi dell’America Latina e con i responsabili politici degli Stati Uniti per generare sostegno per proposte, come quelle che riguardano le razze d’acqua dolce e le lucertole cornute del deserto.

CITES COP19 durerà fino al 25 novembre. Nel corso della conferenza, il nostro staff di comunicazione e social media supporterà questi tre nel loro lavoro, condividendo frequenti aggiornamenti e posizioni attraverso il nostro blog “Postcards from Panama”, comunicati stampa, eventi collaterali al conferenza con i nostri partner ONG e altri alleati, nonché analisi video e foto per educare il pubblico e promuovere le proposte che sosteniamo durante i negoziati.

Seguiremo le proposte per centinaia di specie e sosterremo il loro passaggio da parte dell’intero corpo delle parti alla fine della convenzione; tuttavia, in particolare, daremo il nostro peso alle proposte di elencare l’intera famiglia di rane di vetro, l’intera famiglia di squali requiem, tartarughe acquatiche, lucertole cornute, razze d’acqua dolce e alberi neotropicali, che svolgono un ruolo enorme nel sostenere la biodiversità della foresta pluviale ecosistemi.

Tieni d’occhio tutti questi contenuti, fai tutte le domande che vuoi e, come sempre, apprezziamo il tuo supporto e interesse mentre difendiamo la fauna selvatica da Panama.