Le città degli Stati Uniti utilizzano la tecnologia di controllo delle nascite contro l’infestazione di topi, passando a metodi più umani

51

L’infestazione da topi è un problema crescente di salute pubblica e sanitaria negli Stati Uniti.

I metodi convenzionali di controllo dei parassiti in passato, come veleni e trappole, sono stati considerati solo una soluzione temporanea piuttosto che un approccio olistico per affrontare la crescente popolazione di ratti.

Nel settore del controllo dei parassiti, i recenti sviluppi hanno portato all’emergere di “ContraPest”, un nuovo metodo relativo alla tecnologia di controllo delle nascite.

È stato segnalato per mitigare o vietare la riproduzione dei ratti.

Nella sua fase iniziale, la nuova innovazione affronta le sfide della rapida riproduzione dei ratti precedentemente affrontate dalle società di disinfestazione.

Tecnologia di controllo delle nascite

(Foto: Foto di CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP via Getty Images)

Una società chiamata SenesTech ha prodotto ContraPest, che secondo quanto riferito è l’unico controllo della fertilità per i ratti approvato dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente (EPA).

Secondo il CEO dell’azienda Ken Siegel, è come un “frullato di latte” per i topi.

Contiene una formulazione liquida che i ratti hanno bisogno di consumare circa il 10% del loro peso corporeo ogni giorno affinché il metodo di controllo delle nascite abbia effetto, come citato da Fox News.

A differenza delle pillole anticoncezionali e di altri contraccettivi per l’uomo, il contenuto di ContraPest colpisce entrambi i sessi tra la popolazione di ratti.

Siegel ha aggiunto che vengono impiegati nelle tradizionali scatole per esche, causando la perdita di uova per le femmine di ratto e ostacolando lo sviluppo dello sperma nei ratti maschi.

Leggi anche: 22.000 trappole e 40 tonnellate di veleno non sono sufficienti per sradicare l’infestazione di topi nelle isole di Lord Howe

Infestazione da topi negli Stati Uniti

Solo negli Stati Uniti, l’infestazione di ratti e le malattie associate sono aumentate in modo significativo nel corso degli anni, diventando non solo un fastidio ma anche una minaccia per la salute umana.

Una fiorente popolazione di topi nel paese ha colpito sia le aree rurali che quelle urbane.

Secondo l’US Census Bureau nell’aprile 2021, i residenti di 14,8 milioni di famiglie in tutto il paese hanno riferito di aver visto roditori negli ultimi 12 mesi.

Nel frattempo, i residenti di 14 milioni di unità abitative hanno riferito di aver visto scarafaggi.

L’ufficio ha sottolineato che il problema dei parassiti è diventato un luogo comune nelle unità abitative a livello nazionale.

Tuttavia, ha specificato che ciò è prevalente tra le case e le aree residenziali con problemi strutturali, nonché perdite d’acqua.

Sistema di sicurezza alimentare statunitense

Nelle aree metropolitane, stabilimenti alimentari come i ristoranti hanno assistito a molteplici casi relativi a problemi di topi e sono stati oggetto di rigidi protocolli sanitari da parte del governo degli Stati Uniti.

A rischio di cibo contaminato, il sistema di sicurezza alimentare degli Stati Uniti è governato dalle seguenti agenzie, secondo la National Academic Press:

  • Food and Drug Administration (FDA)
  • Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (DHHS)
  • Servizio di sicurezza e ispezione alimentare (FSIS)
  • EPA

Elenco delle città più stravaganti

Nell’ottobre 2021, la società statunitense di disinfestazione Orkin ha pubblicato la sua “Top 50 Rattiest Cities List” che indicava le città del paese con la più alta popolazione di ratti con una presenza che include sia stabilimenti residenziali che commerciali.

Sotto l’elenco, le città in cima all’elenco sono Chicago, Illinois; Los Angeles, California; New York, New York; Washington DC; e San Francisco, California.

La società ha dichiarato che le risorse alimentari e idriche attirano i roditori; questo è stato evidente quando i residenti urbani sono tornati nelle loro case di città in seguito all’epidemia di COVID-19 nel marzo 2020.

Articolo correlato: L’infestazione da topi provoca il primo focolaio di Hantavirus a Washington, DC

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.