Le formiche pazze gialle invasive devastano diversi villaggi in India

80

È stato riferito che le formiche pazze gialle hanno causato devastazione in diversi villaggi del Tamil Nadu, in India, a partire da giovedì 18 agosto.

Le formiche che spruzzavano acido hanno causato la distruzione dei raccolti e la morte del bestiame, compromettendo il sostentamento dei residenti nelle comunità colpite.

La crescente minaccia preoccupa gli esperti, che affermano che la continuazione della manifestazione invasiva potrebbe influire sull’ecologia della regione.

Sebbene non siano state registrate vittime umane, gli esperti chiariscono che l’acido non rappresenta per noi rischi pericolosi per la vita, ma solo reazioni allergiche.

Tuttavia, l’impatto ecologico e ambientale causato dall’invasione delle formiche nello stato indiano potrebbe indirettamente mettere gli abitanti dei villaggi in uno stato di fame o carestia.

Ciò viene dopo che si dice che anche bovini, serpenti e conigli siano morti dopo essere stati attaccati dalle formiche.

Le formiche pazze gialle sono note per essere una specie invasiva che può abbattere gli habitat nativi e, secondo quanto riferito, uccidere vari gruppi di animali come artropodi, uccelli, rettili e mammiferi, sul baldacchino o sul suolo della foresta.

Con questo, gli scienziati sono preoccupati che alcune specie potrebbero estinguersi se la proliferazione delle formiche continua.

Le formiche hanno preso il loro nome poiché si muovono in modo casuale e scoordinato e il loro movimento diventa più frenetico quando disturbato.

Tamil Nadu Invasione delle formiche

(Foto: Fondazione Isole Seychelles tramite Wikimedia Commons)

Sette villaggi composti da centinaia di persone nello stato meridionale stanno affrontando un’insormontabile infestazione di formiche gialle pazze, secondo la BBC Tamil.

In particolare, l’invasione di formiche nel Tamil Nadu sta avvenendo in una regione collinare che circonda la foresta di Karanthamalai nel distretto di Dindigul.

La maggior parte delle persone nella zona sono proprietari di bestiame e agricoltori.

Uno dei residenti di nome, Selvam, un contadino di 55 anni, ha detto alla BBC Tamil che non potevano entrare nella foresta poiché le formiche si arrampicano sugli umani non appena entrano, causando irritazione e vesciche.

Le formiche invasive impediscono loro anche di trasportare l’acqua, che sciamano anche i famigerati insetti.

Leggi anche: Dublino a rischio di infestazione da formiche quest’estate dopo l’aumento dell’80% dei rapporti di formiche a livello nazionale

Formiche pazze gialle

Contrariamente alla credenza popolare, le formiche pazze gialle non mordono ma spruzzano acido formico per accecare e uccidere la loro preda, secondo l’Invasive Species Council.

Nonostante le loro piccole dimensioni, possono sciamare in gran numero in grado di distruggere gli ecosistemi e uccidere animali più grandi come pulcini di uccelli, rane, lucertole, piccoli mammiferi e piccoli di tartarughe.

La formica pazza gialla (Anoplolepis gracilipes) è al n. 6 nella classifica “100 delle peggiori specie aliene invasive del mondo”, basata sul database delle specie invasive globali.

L’elenco indica che Anoplolepis ha invaso molti ecosistemi nativi e ha causato danni ambientali in tutto il mondo, dalle Hawaii, agli Stati Uniti, fino alle Seychelles e Zanzibar.

Nell’Oceano Indiano, le formiche pazze gialle hanno devastato l’isola di Natale dell’Australia formando super colonie multi-regine, sostituendo le formiche autoctone e assumendo il loro cibo e decimando milioni di popolazioni di granchio rosso (Gecarcoidea natalis), secondo l’elenco.

Il suddetto contenuto di dati è stato sviluppato ed è gestito dall’Invasive Species Specialist Group (ISSG) nell’ambito della Species Survival Commission (SSC), una parte dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

Articolo correlato: Le formiche pazze gialle che spruzzano acido trovate per la prima volta nella Gold Coast potrebbero diffondersi in tutta l’Australia

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.