Le popolazioni globali di uccelli continuano a diminuire a causa della perdita di habitat, dello sfruttamento eccessivo e del cambiamento climatico: concludono gli scienziati

185

Le popolazioni globali di uccelli sono notevolmente diminuite a causa di vari fattori come la perdita dell’habitat, il degrado dell’habitat e lo sfruttamento eccessivo, con il cambiamento climatico come una minaccia emergente, secondo un nuovo studio.

Secondo quanto riferito, gli scienziati hanno confermato le “perdite scioccanti”, minacciando la biodiversità aviaria.

Rapporto sullo stato globale

(Foto: Foto di LUIS ROBAYO/AFP via Getty Images)

In un rapporto sullo stato globale pubblicato nella Revisione annuale dell’ambiente e delle risorse mercoledì 4 maggio, scienziati di varie istituzioni hanno fornito una panoramica della distribuzione spazio-temporale globale delle specie di uccelli, della loro conoscenza della biodiversità aviaria e dell’entità di tali minacce .

Gli scienziati hanno citato la valutazione dell’Indice della Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), che ha mostrato un continuo deterioramento dello stato di conservazione dell’avifauna globale negli ultimi tre decenni.

Esaminando i dati esistenti della Lista Rossa IUCN, il nuovo studio fornisce le seguenti statistiche sulle popolazioni globali di uccelli costituite da circa 11.000 specie di uccelli, come citato dall’Associazione americana per l’avanzamento della scienza:

  • Si sospetta o si sa che il 48% delle attuali specie di uccelli sta subendo una tendenza al ribasso della popolazione in tutto il mondo
  • Il 39% ha una popolazione stabile
  • Solo il 6% delle specie mostra segni di aumento delle tendenze demografiche
  • Nel frattempo, lo stato del restante 7% è ancora sconosciuto

Gli autori dello studio hanno affermato che questi impatti negativi sulle popolazioni di uccelli stanno esibendo un modello coerente di tendenze negative in tutto il mondo.

Il nuovo studio è stato condotto da scienziati del Cornell Lab of Ornithology negli Stati Uniti; Manchester Metropolitan University e Birdlife International nel Regno Unito; l’Università di Johannesburg in Sud Africa; Pontificia Università Saveriana in Colombia; e la Nature Conservation Foundation in India.

Leggi anche: Per almeno 50 anni, la popolazione di uccelli ha continuato a diminuire nella foresta pluviale tropicale

Perdita di habitat

Il recente rapporto sullo stato globale si riferiva anche a uno studio del 2019 pubblicato sulla rivista Science, in cui gli scienziati hanno sottolineato che quasi il 30% degli uccelli negli Stati Uniti e in Canada si è estinto dagli anni ’70, come citato dal Cornell Chronicle, la pagina di notizie di la Cornell University.

Il suddetto studio si basava sull’analisi di 529 specie di uccelli, in cui un totale di 2,9 miliardi dei loro membri adulti aviari sono scomparsi.

Gli scienziati sospettano che la perdita di habitat, comprese praterie e foreste, sia il principale responsabile di queste perdite.

Nel frattempo, il nuovo studio ha anche sottolineato la perdita e il degrado dell’habitat, sottolineando che il principale fattore di potenziale pericolo o estinzione è lo sfruttamento eccessivo, con il cambiamento climatico che è il nuovo fattore che contribuisce alla minaccia globale.

Sfruttamento eccessivo e cambiamento climatico

Secondo l’American Bird Conservancy, le attività umane sono ancora uno dei principali fattori che influenzano gli habitat degli uccelli, dove lo sfruttamento eccessivo come i terreni di caccia e le operazioni minerarie hanno portato alla distruzione di questi ecosistemi di uccelli.

Queste attività sono diventate più comuni e intense, soprattutto durante l’industrializzazione globale negli ultimi 150 anni e l’aumento della popolazione umana a circa 7 miliardi.

Questo aumento della popolazione è stato anche in parallelo con l’aumento della domanda di varie risorse naturali, con conseguente aumento delle attività industriali come la combustione di combustibili fossili e le emissioni di gas serra, che numerosi studi hanno confermato essere le principali cause del cambiamento climatico.

Articolo correlato: La popolazione di uccelli della foresta pluviale di Panama continua a diminuire

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.