Le principali protezioni del commercio di fauna selvatica vinte per centinaia di specie alla conferenza globale

68

Dopo innumerevoli ore di lavoro, molte conversazioni con le delegazioni di tutto il mondo e alcuni spettacoli di unità globale davvero stimolanti, centinaia di specie di piante e animali sono state protette dalle nuove norme commerciali alla 19a Conferenza delle Parti della Convenzione sul commercio internazionale di Endangered Species of Wild Fauna and Flora (CITES CoP19), in una netta vittoria per la biodiversità. L’eccessivo sfruttamento e il commercio illegale di specie è una delle principali cause della crisi della biodiversità e uno dei principali fattori di estinzione.

C’erano una serie di proposte su cui i difensori della fauna selvatica avevano lavorato alla CoP19, in alcuni casi per mesi o addirittura anni prima della riunione, che avrebbero dovuto essere piuttosto controverse, comprese proposte sulla limitazione del commercio di squali requiem e bonnethead, razze , rane di vetro e tutta una serie di rettili. Ci sono stati alcuni momenti da mangiarsi le unghie, insieme ad alcune notti molto tarde, ma alla fine quando è arrivato il momento per i paesi di votare, si sono schierati in gran parte con la fauna selvatica. Sebbene questa sia sicuramente una vittoria, convincere i paesi a sostenere le proposte per proteggere le specie in pericolo non dovrebbe probabilmente essere così difficile, specialmente con gli scienziati globali che stimano che un milione di specie sono a rischio di estinzione nei prossimi decenni.

Immagine

Cristoforo Cote

In una votazione storica per la biodiversità marina e una maggiore (e disperatamente necessaria) regolamentazione del commercio di pinne di squalo, più di 100 specie di squali e razze, tra cui squali requiem e bonnethead, pesci chitarra e razze d’acqua dolce endemiche del Brasile, sono state elencate nell’Appendice II.

Uno dei momenti più memorabili dell’intero incontro è stato quando la proposta della rana di vetro per proteggere 158 specie, nonostante la dura opposizione dell’Unione Europea, è stata adottata all’unanimità dopo una travolgente dimostrazione di sostegno globale. Anche l’Unione Europea, che aveva sostenuto che la proposta fosse troppo ampia nel numero di specie incluse, si è fatta da parte e la proposta è stata adottata all’unanimità. Le lacrime sono state versate durante la sessione a tarda notte quando è successo e la sala congressi è stata piena di applausi.

L’argomentazione dell’UE secondo cui le proposte erano eccessive era un ritornello comune e una tattica fondamentale utilizzata per opporsi agli elenchi nella fase iniziale, comprese 52 specie di tartarughe acquatiche e terrestri e 21 specie di lucertole cornute. Sia le tartarughe che le lucertole cornute hanno registrato aumenti sbalorditivi nel commercio internazionale nell’ultimo decennio, con la domanda di tartarughe proveniente dai paesi asiatici e lucertole cornute comunemente esportate nell’Unione europea. Una dopo l’altra, tuttavia, le proposte sono state adottate, molte all’unanimità dopo che è diventato chiaro che il loro sostegno superava di gran lunga qualsiasi capacità anche di un potente blocco di paesi come l’UE di impedirne l’inserimento nelle appendici.

La CoP19 è stata una potente dimostrazione di cooperazione tra le organizzazioni non profit per la conservazione di tutto il mondo e una collaborazione di successo tra i difensori della fauna selvatica e molti paesi dell’America centrale che cercano di proteggere la propria biodiversità. È necessario molto di più per scongiurare l’escalation della biodiversità e le crisi climatiche che dobbiamo affrontare. Avanti verso la Convenzione sulla diversità biologica a Montreal (7-19 dicembre), dove parteciperanno ancora una volta i difensori della fauna selvatica, lottando per un’azione coraggiosa da parte delle parti e un forte impegno da parte degli Stati Uniti in particolare, per attuare la propria strategia nazionale per la biodiversità.