Le tue storie sulla fauna selvatica | Difensori della fauna selvatica

0
4

Jennie R. di Santa Barbara, CA:

Durante la pandemia, sono stato da solo tutto il tempo. Vedo alcuni amici fuori, a distanza con le maschere, ma vivo da solo e la mia famiglia è lontana. Faccio escursioni e amo scattare foto, quindi la fauna selvatica che vedo e di cui posso scattare foto mi ha dato così tanto quest'anno – qualcosa da guardare avanti e anche foto da condividere con amici e familiari. Mi sono particolarmente innamorato di scattare foto alle pozze di marea, alle garzette delle nevi e agli aironi bianchi lì, così come agli anemoni che sono così colorati e unici. Scattare foto alla natura e alla fauna selvatica mi ha davvero salvato quest'anno.

David Krantz

Cathy A. di Derby, CT:

Sin da quando ero piccola, i lupi hanno avuto un posto speciale nel mio cuore. Per me, incarnano la natura selvaggia con la loro bellissima musica da lupo. Li ho conosciuti solo attraverso documentari e diversi libri scritti da esperti che li hanno studiati nel loro habitat naturale. Sono stati perseguitati spietatamente solo per essere se stessi e per aver cercato di allevare i loro cuccioli. Ammiro la dinamica familiare del branco. Noi umani possiamo imparare molto da loro, specialmente nel modo in cui ci trattiamo. Inoltre, i lupi sono estremamente vitali per un ecosistema sano. Yellowstone è un ottimo esempio. Ogni essere vivente, dagli alberelli al castoro all'alce, beneficia della loro presenza. Amo e rispetto tutti gli animali e tutti meritano la nostra protezione. Ascoltare il canto del Canis lupus significa ascoltare il cuore e l'anima della natura.

Hank Perry

Jennifer A. di Bryan, TX:

Nella natura ho sempre trovato ispirazione, intuizione e calma. Essendo da solo in spazi selvaggi, campi, boschi o giardini, ho trovato sollievo dall'ansia e una prospettiva olistica che potevo applicare a ogni area della vita. È anche una fonte di scopo e creatività. In storie basate su un simile apprezzamento della Natura, ho anche trovato modelli di comportamento. La Nausicaä della Valle del Vento di Hayao Miyazaki ha avuto un profondo impatto su di me quando avevo 10 anni. Le opere di Miyazaki continuano a riflettere e ispirare i miei percorsi. La mia carriera e la mia vita personale ruotano tutte intorno al nutrimento e all'essere nutriti dalla natura.

N. Lewis / NPS

Patricia P. di Albuquerque, NM:

Ho sempre amato gli animali, ma non sapevo molto della fauna selvatica e dell'effetto che le attività delle persone potevano avere su di loro. Ho appreso delle difficoltà che gli uccelli azzurri avevano nel trovare cavità in cui nidificare a causa della perdita di habitat e della competizione da parte di uccelli non autoctoni, in particolare i passeri domestici. Ciò ha portato all'installazione di case bluebird nel mio cortile. Ancora più importante, ho iniziato a imparare tutto quello che potevo sull'ambiente, sul nostro pianeta e sugli incredibili animali che lo abitano. Mi sono reso conto delle difficoltà che questi animali devono affrontare, degli sforzi compiuti per aiutarli e della necessità di fermare coloro che li avrebbero danneggiati per guadagno economico o semplicemente per crudeltà. Faccio quello che posso per sostenere le organizzazioni della fauna selvatica e continuare a provvedere ai loro bisogni il più possibile a casa.

N. Lewis / NPS

Janice P. di Warren, OH (Wildlife Guardian):

Nel mezzo di un quartiere di prati erbosi e case di periferia, ho trasformato il mio cortile in un bosco con numerosi alberi che attirano molti uccelli diversi. Sono stato ricompensato vedendo giovani procioni e opossum. Un paio di opossum adulti a volte brucano intorno all'alba. Ho un piccolo stagno delle rane e adoro ascoltare i ficcanaso primaverili. Ho persino avuto bruchi monarca sulle mie piante di euforbia. Amo essere un piccolo paese in città.

Cirico

Suzanne L. di Bend, OR (Wildlife Guardian):

Prima di trasferirmi a Bend, a metà degli anni '60, le mie opinioni sulla fauna selvatica erano formate da un'infanzia in una contea agricola in cui tutta la fauna era considerata potenzialmente minacciosa e fastidiosa. Ricordo di aver ascoltato allevatori e contadini ai barbecue della chiesa condividere le loro ricette per i veleni. Era una routine avvelenare la fauna selvatica, in particolare i parassiti, e la maggior parte degli animali selvatici erano considerati parassiti di una specie o di un'altra. Durante i miei anni da adulto in un ambiente urbano, sono rimasti solo i nomi della fauna selvatica. Vivevamo vicino a Grizzly Peak Blvd. Cougar Reservoir. Poi, mi sono ritirato e mi sono trasferito a Bend, in Oregon, dove nel corso degli anni sono diventato un sostenitore della fauna selvatica, considerandoli esseri senzienti, innocenti e dipendenti dagli umani per dare loro una possibilità di sopravvivenza attraverso il ripristino dell'habitat, la connettività e la riduzione del barriere al passaggio sicuro.

Margaret Waterman

Michela C. di Baltimora, MD:

Ho limitato la mia ricerca di animali selvatici al mio quartiere, ma ho la fortuna di vivere in un luogo che ha diversi stagni. A metà gennaio 2021 è apparso un airone blu. L'airone era straordinario e la sua assoluta immobilità mentre scansiona l'acqua in cerca di cibo era unica. In piedi su un piede, l'airone concentrò tutta la sua attenzione. Per un periodo di una settimana, ho fotografato l'airone e ho provato un senso di fortuna che una creatura così bella abbellisse i nostri stagni. Ci sono molti bambini nella nostra zona, e anche loro erano entusiasti di "vedere un uccello così grande". Poi il tempo è diventato molto più freddo e l'airone era scomparso. Ho detto agli amici che sapevano del mio fidanzamento con l'airone che "volava in un clima più mite dove la pesca era migliore". Ieri è ricomparso l'airone. Ancora una volta, l'airone ha scelto di venire nei nostri stagni. È stata un'ora di riflessione e gratitudine per il fatto che questa creatura selvaggia sia venuta a Baltimora e nel nostro quartiere. In questo periodo buio dominato dalla pandemia, dalla morte e dalla tragedia, l'airone è stato un importante promemoria che esiste un mondo al di fuori del dolore, un luogo in cui esistono creature selvagge. Danno alla nostra vita un significato e una ricchezza che non può essere misurata.

* Nota: alcune storie sono state modificate leggermente per maggiore lunghezza e chiarezza.

Condividi le tue storie sulla fauna selvatica con noi nei commenti! Qual è il tuo ricordo preferito della fauna selvatica? Perché sostieni Defenders of Wildlife?