L’incantatore di serpenti muore per un morso di cobra velenoso in bocca e al dito

38

KIGOMA, Tanzania nordoccidentale – James Henry, un incantatore di serpenti di 60 anni, gioca con un cobra e muore dopo che il rettile gli ha morso la bocca e le dita.

Henry era noto nella zona per aver catturato e ucciso serpenti altamente velenosi. L’incidente è avvenuto in un villaggio nella regione di Kigoma quando l’incantatore di serpenti è stato chiamato a catturare e uccidere due cobra che vagavano per la zona.

Henry riuscì a catturare e uccidere il primo cobra. Tuttavia, dopo aver catturato il secondo serpente, iniziò a giocare con il serpente velenoso per affascinare gli spettatori.

James Manyama, vice commissario di polizia, ha riferito che il cobra si è lanciato verso l’incantatore di serpenti ed è riuscito a mordere la bocca e il dito di Henry.

Henry è stato portato in una struttura medica locale e trattato con un colpo di antiveleno per il morso del serpente. Tuttavia, l’uomo è morto mentre era in cura.

Manyama ha spiegato che Henry era venerato principalmente per la sua esperienza nel catturare e uccidere serpenti velenosi. In una svolta inaspettata degli eventi, tuttavia, il cobra si rivolse a lui.

Tanzania e il fascino del serpente

La Tanzania si trova nell’Africa orientale. È meglio conosciuto per le sue vaste aree selvagge, comprese le pianure del Parco Nazionale del Serengeti, il Parco Nazionale del Kilimangiaro e una mecca safari popolata da elefanti, leoni, leopardi, bufali e rinoceronti.

Ospita anche diverse specie di cobra, tra cui il cobra sputatore dal collo nero, il cobra sputatore rosso e il cobra sputatore del Mozambico. I cobra egiziani sono comuni in Tanzania e nel resto dell’Africa.

La specie del cobra che ha morso Henry non è stata identificata.

Gli incantatori di serpenti sono anche conosciuti in Tanzania come artisti di strada, maghi o incantatori. Durante le loro esibizioni, mostrano spesso al pubblico le loro abilità nel persuadere e “ipnotizzare” serpenti velenosi con un flauto, nel giocoleria e nell’esecuzione di altri pericolosi trucchi che comportavano la manipolazione dei serpenti.

Il fascino del serpente fa parte della cultura tanzaniana. In molte cerimonie religiose tradizionali di Sukuma, l’incantevole serpente fa parte della loro musica di adorazione.

In tutta l’Africa, ogni anno vengono segnalati circa un milione di morsi di serpente. Nelle zone rurali, il bilancio delle vittime dei morsi di serpente è più alto perché l’antidoto è meno accessibile.

Poiché i serpenti velenosi spesso si nascondono tra le erbacce, i locali spesso calpestano accidentalmente le creature per errore e vengono morsi.

Incantatori di serpenti come Henry usano la loro esperienza nell’affrontare serpenti velenosi per liberare i villaggi dalle pericolose creature con cui la gente comune è riluttante ad affrontare.

Leggi anche: Bizzarro luogo turistico: come la provincia canadese Manitoba è diventata popolare per migliaia di serpenti di accoppiamento

PETA su Snake Charming

L’organizzazione People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) ha sottolineato che i serpenti velenosi utilizzati negli spettacoli vengono catturati, prelevati dal loro habitat naturale e maltrattati.

L’organizzazione ha spiegato che i cacciatori di cacciatori strappano i denti dei serpenti senza antidolorifici e cuciono le bocche dei serpenti tranne che per un piccolo spazio attraverso il quale vengono alimentati latte e acqua. I dotti veleniferi sono spesso perforati con un ago caldo, provocando lo scoppio delle ghiandole.

PETA spiega che i serpenti non ballano, ma ondeggiano paurosamente in risposta ai movimenti dell’incantatore di serpenti.

L’Indian Wildlife Act del 1972 ha vietato il fascino dei serpenti, ma gli incantatori di serpenti continuano a esibirsi in molte parti del mondo.

Leggi anche: Il serpente eroico che ha salvato le creature dal Queensland Flash Floods diventa virale su Tiktok

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.