Lo scienziato spiega l’incredibile motivo per cui questo mammifero mangia il proprio cervello

95

Scoprire il segreto del toporagno di ridurre il proprio tessuto cognitivo durante l’inverno e ricrescerlo in primavera può aiutare a curare le malattie neurodegenerative nelle persone.

(Foto: FRANK RUMPENHORST/DPA/AFP via Getty Images)

Il toporagno faceva zigzagare il suo piccolo corpo vellutato a destra, sinistra, destra e sinistra mentre si muoveva sulla sabbia. In pochi secondi, ha scoperto il premio nascosto nella sandbox: una deliziosa combinazione di lombrichi, vermi della farina e altra carne.

Il toporagno aveva bisogno di più informazioni oltre alla posizione del suo cibo per risolvere rapidamente l’enigma nel laboratorio di Dina Dechmann. Un altro sorprendente sviluppo ebbe luogo nella sua mente. È stato costretto a far crescere un nuovo cervello.

Comportamento bisbetico

Dechmann, un ecologista comportamentale presso il Max Planck Institute of Animal Behaviour in Germania, ha descritto l’animale come “pazzo”. Abbiamo molto da imparare dai toporagni, credo.

Molti animali rallentano, dormono durante l’inverno o si trasferiscono in regioni più calde per essere pronti per i peggiori mesi invernali quando il cibo è limitato.

Per sopravvivere ai mesi invernali, l’animale consuma fino a un quarto del suo cervello, solo per rigenerarne una parte significativa in primavera.

Gli animali possono ridurre i tessuti che consumano calorie quando le temperature scendono, grazie al fenomeno noto come fenomeno di Dehnel, che fa sì che il cervello e altri organi si restringano e crescano con le stagioni. Le donnole e, più recentemente, le talpe, altri due minuscoli animali altamente metabolici, hanno crani che mostrano un restringimento stagionale.

Il notevole restringimento del cervello del toporagno è più di una semplice curiosità scientifica. I medici potrebbero essere in grado di curare l’Alzheimer, la sclerosi multipla e altri disturbi neurodegenerativi negli esseri umani comprendendo meglio come questi animali possono rigenerare le loro funzioni cerebrali.

Leggi anche: Come hanno fatto polpi e calamari a sviluppare un cervello così grande

Comprensione del comportamento

John Dirk Nieland, professore associato di scienza e tecnologia della salute, sta attualmente esplorando farmaci destinati a duplicare la sostanza chimica che altera il cervello dei toporagni nelle persone. “All’inizio, non riuscivo a capirlo completamente”, ha detto.

Ha continuato dicendo che il modo in cui rispondono e reagiscono “è davvero fantastico”.

Solo alcuni scienziati hanno compreso per molti anni il significato della scoperta di August Dehnel del 1949.

Dehnel, originario di Varsavia, ha iniziato la sua carriera indagando sulle uova di uccelli prima che l’invasione nazista della Polonia lo costringesse a interrompere la ricerca sui castori e altri animali europei.

Mentre prestava servizio nell’esercito polacco, il giovane naturalista rimase impegnato nella sua carriera accademica. Ha tenuto lezioni di biologia in un campo di prigionieri di guerra dopo essere stato catturato dai tedeschi.

Dopo la guerra, è tornato al laboratorio e ha visto che i teschi di toporagno che aveva raccolto nella foresta di Biaowieza, al confine tra Polonia e Bielorussia, si erano rimpiccioliti e cresciuti di dimensioni nel tempo.

Metodi di sopravvivenza

Per sopravvivere, l’animale ad alto metabolismo caccia costantemente insetti, ragni, lumache e vermi. Squittisce a frequenze superiori all’udito umano, dalle Highlands scozzesi alla tundra siberiana, alla ricerca di riverberi per navigare sottoterra.

I toporagni sono troppo piccoli per migrare e troppo attivi per andare in letargo in inverno, a differenza dei cervi o degli orsi. Con una vita media di poco più di un anno, vivono velocemente e muoiono in giovane età. Il loro metabolismo non è progettato per un tale rallentamento, secondo Dechmann.

Ciò rende estremamente difficile lo studio degli animali agitati in cattività.

Articolo correlato: Gli scienziati hanno studiato il cervello delle gelatine di pettine per capire come si sono evoluti i neuroni

Per ulteriori notizie sulla biologia, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.