Lo studio ha mostrato come il cervello umano è cresciuto dopo che i grandi animali si sono estinti

0
7

La Dott.ssa Miki Ben-Dor e il Prof. Ran Barkai del Dipartimento di Archeologia Jacob M. Alkow dell'Università di Tel Aviv hanno presentato un recente documento che offre una teoria unificante originale per l'evoluzione fisiologica, comportamentale e culturale della specie umana dalla sua prima comparsa su due milioni di anni fa alla rivoluzione agricola (intorno al 10.000 aC).

Secondo l'articolo, gli esseri umani sono nati come cacciatori di animali di grossa taglia, causandone infine l'estinzione. Gli esseri umani hanno sviluppato capacità cognitive più elevate quando si sono adattati alla caccia di piccole prede veloci, come dimostrato dal cambiamento evolutivo più evidente: l'aumento della capacità cerebrale da 650 cc a 1.500 cc.

(Foto: Javad Esmaeili su Unsplash)

Ad oggi, non è stata suggerita alcuna teoria unificante per i principali eventi della preistoria umana. Quaternary Journal ha presentato la nuova ipotesi.

Negli ultimi anni, si sono accumulati sempre più dati sul fatto che gli esseri umani siano stati una forza significativa nella scomparsa dei grandi mammiferi, portando gli esseri umani a passare alla caccia alla selvaggina più piccola, prima in Africa e poi in tutto il mondo. Quando gli esseri umani arrivarono per la prima volta in Africa, 2,6 milioni di anni fa, la dimensione media dei mammiferi terrestri era equivalente a 500 kg.

Questo numero era sceso di oltre il 90% prima dell'avvento dell'agricoltura, a poche decine di chilogrammi.

Articolo correlato: Nuovo studio: i pesci preistorici avevano arti e polmoni sviluppati, simili agli esseri umani

Correlazione della popolazione

Secondo i ricercatori, la diminuzione delle dimensioni del gioco e la necessità di inseguire creature piccole e veloci hanno indotto gli umani a dimostrare astuzia e audacia, un meccanismo evolutivo che richiedeva un aumento del volume del cervello e alla fine ha contribuito alla creazione del linguaggio, che ha permesso la condivisione di conoscenza di dove si potrebbe trovare la preda. Secondo la filosofia, tutti i mezzi sono stati utilizzati per raggiungere un obiettivo comune: il risparmio energetico del corpo.

(Foto: Prof saxx)

Secondo i ricercatori, i primi umani erano cacciatori all'apice (migliori) che si dedicavano alla caccia alla selvaggina grossa per la maggior parte della loro evoluzione. Questi animali hanno fornito agli esseri umani alti livelli di grassi, un'importante fonte di energia. Consentivano un ritorno di energia maggiore rispetto a una piccola selvaggina, poiché costituivano la maggior parte della biomassa disponibile per la caccia.

Gli elefanti erano presenti in Africa in sei gruppi distinti, rappresentando più della metà della biomassa di tutti gli erbivori uccisi dagli esseri umani. Secondo i rapporti preliminari dell'Africa orientale, l'Homo sapiens è arrivato lì solo dopo che il numero delle popolazioni di elefanti in alcune aree è crollato. Quando i ricercatori hanno confrontato le dimensioni degli animali trovati nelle culture archeologiche che rappresentano vari tipi di esseri umani nell'Africa orientale, nell'Europa meridionale e in Israele, hanno scoperto che c'era una sostanziale diminuzione nell'incidenza di animali di peso superiore a 200 kg, seguita da un aumento nel volume del cervello umano in tutte le situazioni.

Cervello umano

Il dottor Ben-Dor spiega: "Associamo l'aumento del volume del cervello umano al desiderio di diventare cacciatori più intelligenti". La necessità di cacciare centinaia di gazzelle invece di un elefante, ad esempio, ha posto un fardello evolutivo a lungo termine sui sistemi cerebrali umani, poiché gli umani ora spendono ancora più risorse sia per l'azione che per i processi di pensiero. Cacciare piccoli animali, che vengono continuamente attaccati dai predatori e quindi molto facili da correre, richiede una fisiologia adattata all'inseguimento e strumenti di caccia più specializzati.

Un monitoraggio rapido richiede un rapido processo decisionale, che implica una notevole conoscenza delle informazioni sul comportamento degli animali che devono essere conservate in una memoria più ampia ".

Adattamento

Gli esseri umani hanno avuto una grande esperienza nell'adattamento ecologico ", concorda il dottor Ben-Dor." Man mano che il numero degli animali si riduceva, l'invenzione dell'arco e della freccia, così come l'addomesticamento dei cani, ha reso più efficace la caccia alle specie medie. animali di taglia e piccola, finché anche il loro numero non diminuì.

Cambio taglia

(Foto: Library of Congress Country Study of Algeria)

Quando le specie si sono ridotte di dimensioni verso la fine dell'età della pietra, gli umani hanno dovuto spendere più risorse per cacciare di quante ne potessero recuperare. Il movimento agricolo, che includeva l'addomesticamento di animali e piante, ha avuto luogo durante questo periodo. Le dimensioni del cervello degli umani si sono ridotte mentre si stabilivano in villaggi permanenti e diventavano agricoltori, fino all'attuale quantità di 1300-1400 cc. Ciò è dovuto al fatto che, con piante e animali domestici non volanti, non c'era più bisogno di dedicare capacità cognitive straordinarie al ruolo della caccia ".

Il prof. Barkai sottolinea: "Sebbene il cervello dello scimpanzé sia ​​rimasto invariato per 7 milioni di anni, il cervello umano si è evoluto tre volte la sua dimensione originale, raggiungendo la sua altezza circa 300.000 anni fa. Oltre all'aumento del volume cerebrale, la pressione evolutiva ha costretto gli esseri umani a usa il linguaggio, il fuoco e strumenti sofisticati come l'arco e la freccia, adatta le loro braccia e le spalle ai compiti di lancio e lancio, e i loro corpi alla lunga caccia, migliora gli strumenti di pietra, addomestica i cani e alla fine addomestica il gioco stesso e voltati all'agricoltura ".

Chi è il responsabile?

Il prof. Barkai continua: "È importante notare che la nostra opinione non è predeterminata. Gli esseri umani sono responsabili della loro stessa sfortuna. Hanno innescato l'estinzione concentrandosi sulla caccia alle specie più grandi. Ovunque emergano gli esseri umani, che si tratti di homo erectus o homo sapiens, vediamo prima o poi l'estinzione di massa di animali di grossa taglia Il costo di fare affidamento su animali di grossa taglia era alto.

Gli umani sabotano la propria vita. Tuttavia, mentre altri animali, come i nostri cugini di Neanderthal, morirono quando la loro massiccia preda svanì, l'homo sapiens decise di ricominciare, questa volta a seconda dell'agricoltura ".

LEGGI ANCHE: Fossili terrificanti di vermi di sabbia giganti "più grandi degli umani" trovati nell'oceano!

Per ulteriori notizie preistoriche, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2021 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.

© 2021 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui