L’OMS mette in guardia contro l’attacco delle scimmie da parte di persone che credono che possa fermare l’epidemia di vaiolo delle scimmie

225

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha emesso un avvertimento contro le persone che attaccano le scimmie, nel presunto tentativo di fermare l’epidemia di vaiolo delle scimmie.

Le autorità sanitarie hanno sottolineato che il virus del vaiolo delle scimmie si trasmette tra gli esseri umani e non dalle scimmie; che si basa su incidenti segnalati di alcune persone che credono che l’epidemia globale possa essere mitigata o fermata eliminando i primati.

L’avvertimento dell’OMS è arrivato dopo che sono stati segnalati diversi casi che coinvolgono persone che hanno attaccato, avvelenato e ucciso un certo numero di scimmie in Brasile.

Le suddette uccisioni di scimmie sono state ritenute innescate dai timori che le scimmie potessero essere portatrici del virus, secondo le autorità brasiliane.

Gli attacchi sarebbero avvenuti in natura, dove da allora le autorità hanno aumentato le loro misure.

Molteplici fonti hanno attribuito gli incidenti causati dall’interpretazione letterale della malattia virale, che è stata coniata dopo che i suoi primi due focolai sono stati identificati da scimmie da laboratorio decenni fa.

In effetti, il cosiddetto poxvirus, che causa il vaiolo delle scimmie, è stato trovato comunemente nei roditori.

Sebbene sia una malattia zoonotica, non ci sono prove che suggeriscano che l’attuale focolaio sia diffuso anche dalle scimmie.

Il recente focolaio è stato segnalato per la prima volta all’inizio di maggio 2022 in paesi in cui non è endemico o al di fuori del continente africano.

Da allora, i casi hanno colpito migliaia di persone in dozzine di nazioni in tutto il mondo, con l’Europa che è stata l’epicentro delle infezioni.

L’OMS ha recentemente dichiarato il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (PHEIC).

Condanna dell’OMS

(Foto: Foto di SAJJAD HUSSAIN/AFP via Getty Images)

In una conferenza stampa a Ginevra, la dottoressa Margaret Harris, portavoce dell’OMS, ha affermato che le persone dovrebbero sapere che la trasmissione del vaiolo delle scimmie sta avvenendo tra gli esseri umani.

Il briefing di martedì 9 agosto è stato reso disponibile dalle Nazioni Unite attraverso la sua Web TV delle Nazioni Unite.

Harris ha esortato il pubblico a non attaccare nessun animale.

Ha anche sottolineato che la preoccupazione dovrebbe concentrarsi su dove si trova la trasmissione nella popolazione umana e cosa possono fare gli esseri umani per proteggersi dall’acquisizione e dalla diffusione del virus, come citato da NBC News.

Il portavoce dell’OMS ha inoltre spiegato che il vaiolo delle scimmie ha anche preso il nome perché il virus è stato trovato per la prima volta in un gruppo di scimmie tenute per la ricerca in un laboratorio in Danimarca nel 1958.

Leggi anche: Il virus del vaiolo delle scimmie può vivere negli alimenti refrigerati e nell’acqua per settimane

Uccisioni di scimmie in Brasile

Secondo il canale televisivo locale brasiliano Globo News, la Polizia Militare Ambientale ritiene che i casi di intossicazione da scimmie siano stati guidati dalla paura del “nuovo vaiolo”.

Di conseguenza, le forze di sicurezza hanno rafforzato il suo pattugliamento nei boschi.

Dall’inizio di agosto, un totale di almeno 10 scimmie appartenenti alle specie uistitì e cappuccini sono state salvate dai funzionari locali, che hanno riscontrato segni di aggressività e intossicazione dalle scimmie, nella regione del Rio Preto in Brasile.

Le autorità stanno anche indagando su alcuni organi animali per determinare l’origine della loro morte.

L’indagine è stata condotta poiché c’erano anche casi di persone che lapidavano o sparavano alle scimmie, sollevando preoccupazioni sul fatto che la sua popolazione di animali selvatici potesse essere a rischio.

Gli attacchi alle scimmie nella nazione sudamericana sono emersi dopo un picco di casi di vaiolo delle scimmie che ha già raggiunto 2.131 con una morte segnalata, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Articolo correlato: L’OMS dichiara l’attuale Monkeypox un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.