Lupi nati in cattività — con lo spirito della foresta

0
4

Quando la fauna selvatica è fiorente e la natura è in equilibrio, tutti gli animali dovrebbero nascere allo stato brado.

Ma a volte non è possibile. Oggi potrebbero essere rimasti meno di una dozzina di lupi rossi allo stato brado, tutti nella Carolina del Nord orientale. Sono i lupi più a rischio al mondo, con troppe minacce urgenti per ripopolare da soli.

In effetti, non ci sono stati nuovi cuccioli di lupo rosso nati in natura da almeno due anni. Se non facciamo qualcosa per cambiare questa tendenza, si estingueranno in natura.

Ma ora c'è speranza. Questa primavera, dopo che i Defenders of Wildlife e i nostri partner hanno vinto una battaglia legale critica per il Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti, altri lupi rossi sono stati rilasciati in natura.

Immagine

Credito immagine

Rebecca Bose/Wolf Conservation Center

Rebecca Bose/Wolf Conservation Center

Questi lupi provengono da quelle che vengono chiamate strutture di allevamento in cattività. Sono la progenie diretta di lupi rossi che sono stati salvati dalle ultime popolazioni rimaste negli anni '70 e poi allevati in cattività. Potrebbero essere il futuro della loro specie, ma dobbiamo liberarne di più in natura, e presto.

Ecco perché, con il supporto dei nostri membri, Defenders sta sostenendo ciò che è noto come gestione adattativa. Coinvolge strutture di riproduzione in cattività, autorità di gestione della fauna selvatica e i nostri esperti, che lavorano tutti insieme utilizzando un approccio innovativo su tre fronti:

  • Più rilasci. Oggi ci sono diverse centinaia di lupi rossi nati in cattività la cui prole accuratamente selezionata potrebbe essere rilasciata in natura. Ma non possiamo farlo senza un impegno da parte delle autorità federali, quindi dobbiamo continuare a combattere. Più i lupi sono pronti per il rilascio rimangono in cattività, meno riescono ad adattarsi alla natura.
  • Più sostegno incrociato. Ciò comporta l'introduzione di cuccioli di lupo nati in cattività in una cucciolata selvaggia con una mamma esperta che alleverà i cuccioli come se fossero suoi. Ha funzionato molto bene in passato ed è un elemento importante del programma di recupero del lupo grigio messicano nel sud-ovest americano.
  • Più protezioni per l'habitat del lupo rosso. C'è molto spazio per i lupi rossi per vagare di nuovo, ma il loro habitat deve essere preservato. Hanno bisogno di cibo, protezione dalla persecuzione e corridoi di habitat in modo da poter espandere in sicurezza il loro raggio d'azione. Il nostro lavoro in questo settore è fondamentale.
  • Immagine

    B. Bartel/USFWS

    B. Bartel/USFWS

    Come sappiamo che la gestione adattiva può funzionare? Ha funzionato prima! Nel 2014, c'erano ben 130 lupi rossi in natura. Ma a causa di un decennio di inattività e di retromarcia, potrebbero essercene meno di una dozzina.

    Potresti essere sorpreso di sapere che le strutture di allevamento in cattività, che includono gli zoo, sono una parte fondamentale dei nostri sforzi di conservazione. Siamo orgogliosi di lavorare con una serie di centri straordinari guidati dalla scienza e impegnati tanto quanto noi nel recupero del lupo rosso.

    Alla fine, il nostro obiettivo deve essere il pieno recupero naturale dei lupi rossi. I lupi rossi una volta prosperavano negli Stati Uniti sudorientali e possono prosperare di nuovo. Semplicemente non possono farlo a meno che non agiamo e forniamo un percorso praticabile verso il recupero. Con una dedizione alle innovative tecniche di gestione adattiva, i lupi rossi possono e avranno un futuro.

    Ecco perché sono orgoglioso del lavoro svolto da Defenders of Wildlife: collaborare con queste strutture per introdurre soluzioni immediate, guidando al contempo gli sforzi in tribunale, a Capitol Hill e proprio qui in North Carolina per proteggere i lupi rossi e tutta la fauna selvatica in pericolo.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui