Mentre l’industria rafforza la sua presa, i granchi a ferro di cavallo hanno finalmente un rifugio sicuro a Cape Romain

50

Sotto le lune piene e nuove dell’inizio dell’estate, un rituale vecchio quasi quanto la vita stessa si svolge sulle spiagge dalla Florida al Maine: la deposizione delle uova del granchio a ferro di cavallo. Spinti da un antico istinto, i granchi emergono dalle profondità, dove sono attesi da nodi rossi, voltapietre e uccelli limicoli migratori in cerca di pasto delle loro uova. Il risultato è un amato spettacolo della fauna selvatica, apprezzato dalle persone lungo la costa.

Proprio come queste specie convergono sulle spiagge per la deposizione delle uova, tuttavia, così fanno anche i pescatori aziendali, che minacciano la loro esistenza.

Immagine

FWS

Nella Carolina del Sud, gli appaltatori dei Charles River Laboratories raccolgono e dissanguano dal vivo circa 150.000 granchi da utilizzare nell’industria biomedica. Per decenni, queste mietitrici hanno lavorato nelle remote isole, nelle saline e nelle insenature di marea di Cape Romain, privando gli uccelli costieri di ciò che probabilmente ammontava a centinaia di migliaia di granchi che altrimenti avrebbero fornito miliardi di uova.

Quel torto è stato finalmente corretto, grazie al contenzioso promosso da Defenders e dal Southern Environmental Law Center.

La raccolta è stata recentemente dichiarata un uso “inappropriato” su una manciata di isole che disturba gli uccelli appollaiati e nidificanti, priva i nodi rossi di calorie e, infine, mina la missione del National Wildlife Refuge System.

Immagine

Carrie Smith

Abbiamo appreso per la prima volta della raccolta illecita circa cinque anni fa. Con la copertura della notte, anche le isole più sensibili del Cape Romain National Wildlife Refuge, altrimenti chiuse a tutti gli ingressi, sono state cacciate di frodo, con il sapiente supporto dei dirigenti dell’azienda. Questa pratica non solo disturba e sottrae cibo agli uccelli costieri, ma può uccidere un terzo delle femmine di granchio, con potenziali impatti a lungo termine. Per aggiungere al danno la beffa, nel rifugio sono state documentate pile di granchi morti, scartati dopo un’emorragia biomedica. I mietitori sono stati anche visti lanciare granchi verso il cielo, dal telson (coda), al ritorno in acqua.

Circa 25.000 granchi sono stati portati via dal rifugio ogni anno.

Cape Romain è stato finalmente risparmiato da questa indegnità, la sua fauna selvatica di livello mondiale è stata protetta per la prima volta dagli anni ’90. A seguito di un’immensa pressione pubblica, lo stato ha anche rifiutato l’apertura alla raccolta della riserva nazionale di ricerca sugli estuari del bacino ACE. Nel complesso, è un briciolo di speranza per due specie assediate, ma il lavoro resta.

Secondo un recente rapporto dei Defenders, il bracconaggio è comune se non dilagante nella Carolina del Sud; i declini si sono verificati praticamente in tutti i principali luoghi di riproduzione; e i leader del Dipartimento delle risorse naturali dell’SC hanno ignorato le loro stesse suppliche e si sono invece rivolti a Charles River, il più importante benefattore finanziario dell’agenzia, minando l’eredità di conservazione dello stato.

Sfortunatamente, questi impatti non sono né unici né isolati nella Carolina del Sud.

Proprio quest’anno, nella baia del Delaware sono stati documentati circa 12.000 nodi rossi, in calo rispetto ai 30.000 di tre anni fa e quasi centomilatre decenni fa. In base a qualsiasi parametro, il nodo rosso è ora alla sua ultima tappa e manca di resilienza critica.

Immagine

Brian E. Kushner

Piuttosto che affrontare questa crisi, la Commissione per la pesca marina degli Stati atlantici (ASMFC) ha mostrato un disprezzo sfacciato, se non sconsiderato, per i fatti. Anche se i nodi rossi stanno morendo di fame, le autorità di regolamentazione hanno in programma di rimuovere le protezioni dalle femmine di granchio di Delaware Bay, da utilizzare come esca.

Annullando anni di protezioni, questo affare affettuoso avvantaggia solo una manciata di pescatori, mentre probabilmente è in contrasto con l’Endangered Species Act, in base al quale il nodo rosso è protetto. Ignorando categoricamente le soglie di mortalità intese a innescare un intervento, anche l’industria biomedica ha avuto libero sfogo.

Il risultato è una prevedibile erosione della fiducia pubblica e una scivolata verso l’estinzione per la fauna selvatica in pericolo.

Negli ultimi mesi, i legislatori statali si sono battuti per ripristinare la trasparenza o usurpare del tutto il controllo di gestione. Il senatore statale George E. “Chip” Campsen III ha introdotto un disegno di legge che impone la divulgazione delle informazioni sul raccolto nella Carolina del Sud. In Connecticut, un disegno di legge che vieta il raccolto è passato all’unanimità in camera ma non è stato approvato dal senato per motivi tecnici. I senatori statali del New Jersey hanno anche adottato una risoluzione che invitava l’ASMFC a proteggere le femmine di granchio a ferro di cavallo di Delaware Bay.

Immagine

Ariane Mueller

Le spiagge viventi, un tempo popolate da uccelli e granchi, non sono più, o l’ombra di ciò che era una volta, a ispirare l’azione delle comunità su e giù per la costa. Sebbene la legislazione sia attesa da tempo, dobbiamo anche alzare lo scudo per gli stessi luoghi riservati alla fauna selvatica, come rifugi, coste nazionali e aree selvagge designate.

Al loro meglio, questi rifugi sicuri forniscono un rifugio raro. Nel peggiore dei casi, vengono direttamente in camicia o rosicchiati lungo i bordi, lasciando poche o nessuna terra per granchi e uccelli. Con l’aumento della domanda, ora più che mai è necessaria una vigilanza costante in loro difesa. Mentre Charles River si trasferisce in nuovi stati, come il Massachusetts, quel lavoro deve iniziare oggi.

Nel frattempo, il granchio a ferro di cavallo, sebbene notevolmente ridotto, può nuovamente trovare rifugio a Cape Romain, lungo alcune delle ultime coste intatte della Carolina del Sud. Col tempo, la specie nutrirà di nuovo non solo gli uccelli costieri, ma anche le tartarughe marine caretta, gli squali e vari pesci, riparando un ecosistema rotto.

Non vediamo l’ora che arrivi quel giorno.