Milioni di visoni abbattuti a causa del rischio COVID-19 | Uguaglianza animale

0
29

Il virus COVID-19 è mutato nei visoni allevati per la loro pelliccia in Danimarca, mentre in altri paesi europei migliaia di polli sono stati macellati a causa dell'influenza aviaria e nuovi casi di peste suina stanno emergendo nelle popolazioni di cinghiali che fanno temere che raggiungerà allevamenti di suini commerciali. Di quali ulteriori prove abbiamo bisogno per capire che il modo in cui sfruttiamo gli animali è un pericolo per la nostra salute?

I DETTAGLI: Il 5 novembre 2020, dopo che 12 persone in Danimarca sono state infettate da una nuova mutazione di COVID-19, il Primo Ministro danese, Mette Frederikse, ha annunciato che tutti i circa 17 milioni di visoni allevati per la pelliccia nel paese dovrebbero essere uccisi. Secondo le ricerche in corso, il virus sta mutando nei visoni, e questo comporta la possibilità che emerga un nuovo ceppo contro il quale i vaccini attualmente in fase di sviluppo non sarebbero efficaci.

Circa 2,8 milioni di visoni in Danimarca sono già stati tragicamente macellati. Inoltre, questo abbattimento di massa non risolverà il problema in tutto il mondo. Al contrario: anche i visoni negli allevamenti da pelliccia in altri cinque paesi – Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Stati Uniti – sono risultati positivi al COVID-19.

Ancora una volta, gli animali stanno pagando il prezzo più alto a causa di uno dei più gravi errori umani della storia: trattare gli esseri viventi e sensibili come nient'altro che prodotti.

PERCHÉ I VISONI SONO STATI INFETTI?: I visoni sembrano essere particolarmente sensibili al COVID-19. Inoltre, il modo in cui vengono allevati per la loro pelliccia, come tutti gli allevamenti intensivi, coinvolge migliaia di animali tenuti insieme in spazi ristretti che aumenta la probabilità di infezione. Sembra che il virus sia stato trasmesso dagli esseri umani – come lavoratori agricoli o allevatori – agli animali, e poi ha subito una mutazione nei visoni.

VIRUS, ANIMALI E AZIENDE: C'è qualcosa di cui essere sorpresi? Non proprio. L'allevamento di animali, sia per la produzione di pellicce che per la loro carne, ha sempre rappresentato un rischio per la salute pubblica.

Secondo gli esperti, l'industria zootecnica è un importante fattore di rischio epidemiologico. Particolarmente pericolosi a questo proposito sono gli allevamenti intensivi, dove è confinata la stragrande maggioranza degli animali allevati per il consumo.

A causa del sovraffollamento e della scarsa diversità genetica degli animali, gli allevamenti intensivi favoriscono la rapida diffusione dei virus. Le condizioni innaturali provocano anche stress cronico per gli animali, indebolendo di conseguenza il loro sistema immunitario e rendendoli più vulnerabili a contrarre malattie.

Questo rischio per la salute pubblica si verifica più regolarmente di quanto potresti immaginare. Un ceppo altamente contagioso di influenza aviaria si è diffuso in tutta Europa, con casi segnalati in Germania, Paesi Bassi, Francia, Irlanda del Nord e Gran Bretagna. Il governo del Regno Unito ha confermato che gli uccelli vengono uccisi in diverse aree colpite in tutta l'Inghilterra a seguito di casi rilevati negli allevamenti di polli.

E in Germania, gli sforzi per contrastare la diffusione della peste suina africana nei cinghiali sono in corso da settimane. Si teme che il virus, che attualmente non colpisce l'uomo, possa raggiungere i maiali negli allevamenti commerciali. Ciò avrebbe effetti devastanti per quegli animali infetti e probabilmente porterebbe anche all'abbattimento su larga scala. Lo stesso allarme è scattato anche in altri Paesi europei, Italia compresa.

Questi esempi sono solo la punta dell'iceberg: i tre quarti sbalorditivi delle malattie nuove o emergenti negli esseri umani provengono da animali.

GRANDE RISCHIO: “Il rischio è troppo grande” sono state le parole usate dal Primo Ministro danese riguardo alla sua decisione di consigliare di macellare 17 milioni di visoni. Il rischio di continuare ad allevare, allevare e sfruttare gli animali è davvero troppo grande, ma perché stiamo appena iniziando a rendercene conto solo quando una grave pandemia è già in corso?

Quante altre specie deve mutare questo virus prima che l'umanità capisca quanto sia rischiosa l'agricoltura animale e intraprenda un'azione drastica? E quale percentuale di rischio siamo disposti a tollerare quando è in gioco la nostra sopravvivenza?

Miliardi di animali vengono allevati per uso umano ogni anno. Tutto ciò che serve è che COVID-19 muti una volta all'anno in una popolazione di una specie per prolungare possibilmente questo incubo che stiamo vivendo indefinitamente.

Speravamo che dopo lo scoppio di questa pandemia fosse più chiaro che la salute degli animali, la salute del pianeta e la salute dell'uomo sono strettamente legate, ma l'allevamento non si è fermato. Ad Animal Equality, non ci fermeremo. Continueremo a lavorare con i governi e le istituzioni per garantire che vengano apportati cambiamenti positivi per gli animali.

Tutti noi abbiamo il potere di aiutare apportando piccoli cambiamenti anche alla nostra vita quotidiana. Abbiamo la possibilità di scegliere cosa mangiare, cosa mettere nel nostro carrello della spesa e quali industrie finanziare. Facendo scelte consapevoli e compassionevoli, tutti noi possiamo scegliere di costruire un futuro migliore per gli animali, il pianeta e le generazioni future. Non c'è mai stato momento migliore per provare a base vegetale: inizia oggi!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui