Naanibah Begay: Definire i momenti nella mia strada verso la conservazione

0
6

Come molti altri ambientalisti, il mio amore per la vita all'aria aperta ha ispirato il mio viaggio educativo. Prima di andare al college, non sapevo di poter trasformare la passione per la vita all'aria aperta in una professione. Ho notato la disconnessione tra scienza e politici mentre ero al college e volevo contribuire a colmare il divario. Durante il mio primo anno da studente universitario, un amico dell'unione studentesca dei nativi americani mi ha inviato un volantino per un programma chiamato Doris Duke Conservation Scholars Program (DDCSP). Il programma si è concentrato sull'equità e l'inclusione nella conservazione della natura e sono stato entusiasta di partecipare. Ho trascorso due estati nel Pacifico nord-occidentale. Ho viaggiato attraverso lo stato di Washington e mi sono impegnato con pratiche di conservazione attraverso un arco di paesaggi culturali ed ecologici, quindi ho applicato ciò che ho imparato l'anno precedente a un progetto specifico. Ho deciso di trascorrere il mio tirocinio presso la Quinault Division of Natural Resources nella Quinault Indian Nation. Ho lavorato con diverse persone su argomenti relativi alla fauna selvatica come la densità della popolazione degli orsi, l'identificazione delle piante, le pratiche culturali in fiamme, documentando le gamme di puma monitorando i siti dei depositi di cibo e i disturbi dell'habitat dei pesci causati da canali sotterranei e dighe. Sono stato persino in grado di prendere un elicottero per contare i pulcini dell'aquila nella riserva!

Naanibah Begay

Ero circondato da donne biologhe incredibili che erano senza paura sul campo. Le possibilità di imbattersi in un orso durante la raccolta di campioni di capelli erano alte, ma il nostro mentore ha mostrato solo coraggio. In quel momento, sapevo che volevo continuare a conoscere la conservazione della fauna selvatica. Il tempo che ho trascorso imparando con e dal mio collega DDCSP coorte sarà sempre una delle mie esperienze più memorabili e la migliore decisione che ho preso. Sono per sempre grato per l'opportunità. Sebbene la nostra coorte provenisse da comunità molto diverse, abbiamo condiviso un interesse comune nella creazione di spazi all'interno della conservazione per far sentire le nostre voci e idee mentre lavoravamo verso l'obiettivo comune di proteggere il nostro pianeta.

Al college, mi è capitato di assistere a una presentazione di un ricercatore che faceva parte di un gruppo di recupero più ampio che aiutava a reintrodurre i lupi in una parte del Montana. Mentre lo ascoltavo parlare appassionatamente della loro ricerca, continuavo a pensare tra me e me: "Come ci arrivo?" Volevo essere in una professione che mi appassiona in modo da poter contribuire alle vittorie di conservazione grandi e piccole. Non sapevo che pochi anni dopo mi sarei unito a Defenders, l'organizzazione che ha lavorato in prima linea per reintrodurre i lupi nel Parco nazionale di Yellowstone e che continua a difendere i lupi! Negli ultimi anni, sono passato dal lavorare sulla qualità dell'acqua tribale nel New Mexico ad aiutare a costruire importanti applicazioni che possono essere utili per gli ambientalisti. In qualità di coordinatore del Center for Conservation Innovation presso Defenders of Wildlife, lavoro tra i tre team – scienza, politica e tecnologia – per assistere ai progetti. Ho la possibilità di lavorare su più argomenti che non sarei necessariamente in grado di affrontare se facessi parte di un team specifico. Finora ho contribuito a creare un'app che riassume i finanziamenti per i rifugi nazionali per la fauna selvatica negli Stati Uniti. Man mano che il framework 30×30 acquisisce slancio, abbiamo un'app in lavorazione che mostrerà le iniziative 30×30 prese dagli stati! Sono solo all'inizio della mia carriera di conservazione, ma ogni giorno sono incredibilmente grato di essere circondato da persone appassionate di conservazione della fauna selvatica come me.

Naanibah Begay

C'è bellezza, significato e valore nel paesaggio, nelle forme di vita e nelle connessioni che mi circondano. Molte specie e piante chiamano alcune aree del mondo casa. È mia convinzione che tutti gli ecosistemi, non solo l'ecosistema della Navajo Nation, il luogo più vicino al mio cuore, meritino di essere protetti, assistiti e fiorenti. Le ingiustizie ambientali nella riserva Navajo come la contaminazione dell'acqua, oltre 500 miniere di uranio abbandonate, una storia di "fuoriuscite accidentali" nei corsi d'acqua e altre atrocità sono la ragione per cui cerco di proteggere e migliorare lo stato dell'ambiente nella mia città natale e in altri luoghi del mondo. Sono orgoglioso di dire che sono una donna nella conservazione, lavorando ogni giorno per promuovere la giustizia ambientale, la promozione di iniziative basate sulla scienza e la conservazione della fauna selvatica. Gli elementi dell'ambiente definiscono me, la mia gente, il paesaggio, la cultura e la storia. Non c'è davvero nessun altro posto in cui preferirei essere che in prima linea nella conservazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui