“Nessuna giustificazione legale”, afferma il rapporto sull’abbattimento di visoni di massa correlato al Covid in Danimarca

75

Secondo la ricerca, lo sterminio danese dei grandi visoni Covid in Danimarca non aveva basi legali. L’annientamento di 15 milioni di animali e la sospensione ingiustificata di un intero settore è costato ai contribuenti miliardi di dollari.

(Foto: Getty Images)

Indagine ufficiale

Secondo un’indagine ufficiale sulla prima chiusura obbligatoria del settore agricolo in Europa, che è costata ai contribuenti miliardi di indennizzi agli agricoltori, il governo danese non aveva basi legali. Ha fatto commenti “grossolanamente falsi” quando ha ordinato lo sterminio di massa di visoni due anni fa.

La Danimarca, il più grande produttore mondiale di visoni, ha dichiarato nel novembre 2020 che avrebbe massacrato l’intera popolazione di visoni d’allevamento di 15 milioni di animali a causa della preoccupazione che una mutazione Covid-19 che si diffonde dai visoni all’uomo possa mettere a repentaglio le future vaccinazioni.

La strategia di eradicazione era piena di complicazioni, come storie di visoni che emergono da fosse comuni, pericoli di inquinamento da cadaveri sepolti e timori che i visoni in fuga avrebbero infettato quelli in natura, creando un serbatoio virale permanente da cui nuovi ceppi potrebbero infettare le persone.

L’illegalità del Cull

Mette Frederiksen, il primo ministro danese, ha anche affermato di essere stata informata dell’illegalità dell’abbattimento dopo che era iniziato.

Nonostante le segnalazioni di epidemie di Covid nei visoni d’allevamento in tutta Europa e Nord America, la Danimarca è stato l’unico paese a ordinare un’abbattimento di massa e a sospendere l’attività.

Lo State Serum Institute (SSI) della Danimarca ha dichiarato all’inizio di quest’anno che il Cluster 5, il virus mutante che ha causato l’estinzione dei visoni, è stato ora dichiarato estinto. Nel novembre 2020, la SSI ha avvertito che nello “scenario peggiore, il Cluster 5 potrebbe innescare una seconda pandemia e la Danimarca potrebbe diventare la prossima Wuhan”. Inoltre, le vaccinazioni in fase di sviluppo potrebbero non essere efficaci”.

Martin Merrild, un allevatore di visoni danese, ha dichiarato: “Loro [the Danish government] in preda al panico.” È stato un grande shock poiché abbiamo perso tutta la nostra compagnia durante la notte.

“Poiché era vicino alla stagione della scuoiatura, avremmo potuto ridurre il numero e preservare una piccola popolazione riproduttiva per l’anno successivo, che avrebbe potuto essere vaccinata”. “Tuttavia, hanno trascurato i metodi standard di consulenza con l’industria che abbiamo in Danimarca”, ha spiegato.

Il divieto della Danimarca sull’allevamento di visoni rimane in vigore, con una decisione sull’opportunità di consentire la ripresa dell’allevamento di visoni il prossimo anno.

Decisione corretta

Nonostante i risultati dell’indagine, Britta Riis, CEO di Animal Protection Denmark, ritiene che un divieto sia una decisione corretta. Ha definito l’allevamento dei visoni “crudeltà verso gli animali, una minaccia per la salute umana e dannoso per l’ambiente”. Dato che il contribuente danese “aveva già pagato miliardi… per chiudere il settore”, crede che la gente comune dovrebbe “raccogliere i vantaggi del divieto permanente”.

Secondo le statistiche ufficiali più recenti, solo 15 allevatori di visoni hanno accettato un pacchetto di compensazione che consentirebbe loro di continuare l’allevamento di animali da pelliccia se il divieto fosse revocato.

La compensazione del governo per l’industria del visone danese dovrebbe costare tra 1,8 miliardi di sterline e 2,2 miliardi di sterline. “Non credo che si siano resi conto dell’importanza del nostro settore in Danimarca”. “Hanno pensato che fosse una nicchia minore e non avevano idea che la scelta sarebbe costata miliardi ai contribuenti”, ha detto Merrild.

Leggi anche: Il visone europeo ha trovato rifugio dopo essere stato spinto sull’orlo dell’estinzione

Decisione del governo

(Foto: Getty Images)

Secondo la valutazione della commissione, le affermazioni del governo danese durante una conferenza stampa il 4 novembre 2020, quando ha annunciato l’abbattimento, erano “grossolanamente ingannevoli… data la natura molto ampia e intensa delle ramificazioni economiche e sociali”.

Secondo i risultati, “era evidente che non esisteva alcuna base legale” per distruggere tutti i visoni danesi.

La giuria ha anche rimproverato il comandante della polizia nazionale danese per il suo ruolo nell’applicazione dell’ordine di abbattimento pur sapendo che non aveva fondamento legale.

Steen Henrik Møller, ricercatore senior presso il Dipartimento di scienze animali dell’Università di Aarhus, ha affermato che il governo ha fatto una scelta “quando c’era molta preoccupazione per la pandemia di Covid, e non era evidente come il virus stesse viaggiando attraverso gli allevamenti di visoni .” Questa era la mia principale preoccupazione”.

Anche se

Anche se la restrizione verrà annullata, Møller ritiene che l’industria del visone non tornerà in Danimarca. “L’industria dei mangimi per visoni, il settore delle attrezzature e gli allevamenti sono spariti”. I 15 agricoltori che hanno accettato l’accordo che avrebbe consentito loro di iniziare a coltivare potrebbero farlo, ma sarà estremamente difficile”.

Il CEO della International Fur Federation, Mark Oaten, ha affermato che i risultati dell’indagine hanno sollevato “seri dubbi sulla gestione del problema in Danimarca”. “L’intera situazione è stata terribile per gli allevatori e i loro animali”, ha continuato, e “niente potrà mai rimediare”.

Articolo correlato: Anticorpi COVID-19 trovati fino al 40% della popolazione di cervi selvatici degli Stati Uniti

Per ulteriori notizie relative alla salute e alla medicina, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.