“Non dimenticherò mai quello che ho visto”

65

Gli investigatori sotto copertura sono volitivi e dediti nel loro lavoro a esporre la difficile situazione degli animali negli allevamenti intensivi. L’investigatore, Mario, condivide un’indagine che non dimenticherà mai e un messaggio importante sui latticini che dovremmo sempre ricordare.

Mi chiamo Mario e sono un investigatore di Animal Equality. Io e altri come me ci infiltriamo negli allevamenti intensivi e nei macelli per documentare cosa succede lì.

Vi siete mai chiesti come sarebbe camminare all’interno di questi luoghi? O cosa vedresti e sentiresti?

Ti dirò che essere circondato da animali che non hanno alcuna speranza ti cambierà per sempre. È difficile credere che una realtà così ingiusta, così diversa dalla tua vita, sia la loro esistenza quotidiana.

Oggi voglio parlare di uno di loro-ed è una delle cose più strazianti che abbia mai visto.

Nell’industria del latte, i vitelli appena nati vengono separati dalle madri in modo che non bevano il latte imbottigliato per il consumo umano.

La mia indagine ha rivelato come questi vitelli appena nati fossero rinchiusi da soli in casse di plastica dopo questa separazione, scoperti e a temperature di 20 gradi sotto zero, incapaci di riscaldarsi.

Ma c’è di più. L’acqua e il mangime per i vitelli si congelavano a temperature così basse, così tanti morirono di fame e di freddo.

E c’è un’immagine non posso dimenticare.

Era un vitello bianco sepolto in uno strato di neve che cercava di alzarsi ma non ci riusciva.

I suoi arti si erano congelati per la continua esposizione a queste temperature estreme, causando la separazione degli zoccoli dalle gambe.

A causa della sua incapacità di camminare di nuovo, fu abbandonato vivo e lasciato ad agonizzare su un mucchio di vitelli morti.

Quando lasci questi luoghi, provi quella sensazione che rende difficile capire che la vita di questi animali è proprio questo: sofferenza. Non conosceranno altro che il dolore e l’impotenza di non aver mai avuto importanza per nessuno.

Questo vitello sottoposto a tanta crudeltà è rimasto impresso nella mia memoria, e spero che un giorno nessun altro investigatore dovrà mai assistere a una scena del genere.

L’industria lattiero-casearia tratta mucche e vitelli come oggetti: la loro unica preoccupazione è realizzare un profitto.

Ma anche se questo settore sta facendo tutto il possibile per nascondere queste pratiche, il nostro team investigativo si impegna a farle conoscere tutte. Non smetteremo di lottare per gli animali.

Persone compassionevoli e determinate come i nostri sostenitori ci danno il potere di cambiare i cuori e le menti delle persone in tutto il mondo.

Abbiamo visto che questo è possibile con una delle nostre indagini più recenti sull’industria lattiero-casearia trasmessa dalla BBC del Regno Unito. 7,3 milioni di persone l’hanno visto e, in seguito, si sono rivolti ai social media per rifiutare quella crudeltà e incoraggiare gli altri a considerare il loro consumo di latticini.

Sappiamo che le persone che vedranno le nostre immagini non saranno mai più le stesse.

Le nostre indagini sono la pietra angolare della trasformazione, consentendoci di opporci all’industria della carne e cambiare le leggi e le politiche che migliorano la vita di milioni di mucche, galline, polli, maiali e altri animali. Ma non sarebbero possibili senza l’aiuto dei nostri sostenitori.

Le industrie che affrontiamo sono incredibilmente ricche e potenti. Ma se stiamo insieme, possiamo reagire e cambiare il mondo per gli animali.

Difendi le vittime innocenti all’interno degli allevamenti intensivi e risparmia loro una vita di sofferenze. Dona per sostenere la nostra squadra investigativa e illuminare una luce di speranza per le mucche e i vitelli intrappolati nell’industria casearia.

Considera anche che hai il potere di aiutare più mucche facendo scelte compassionevoli e scambiando i latticini con deliziose alternative a base vegetale come latte di mandorle, avena e soia. Con ricette facili e deliziose disponibili su LoveVeg.com, puoi trarre ispirazione per vivere una vita senza prodotti animali.