Nonostante gli sforzi di salvataggio, l’orca assassina persa nella Senna è stata trovata morta

89

Secondo l’ONG ambientale Sea Shepherd, un’orca malata che ha trascorso due mesi a nuotare lungo la Senna francese è morta per cause naturali. È stato scoperto da una nave mercantile norvegese che si stava facendo strada lungo il canale verso Rouen. Un marinaio ha trovato l’orca sdraiata su un fianco sulle rive del fiume tra Rouen e Le Havre.

Tentativi di salvataggio

Dopo che i tentativi di riportarlo in mare sono falliti, un’orca gravemente malata che si è separata dal suo branco e ha nuotato per decine di miglia lungo la Senna in Francia è morta per cause naturali, secondo l’organizzazione di difesa Sea Shepherd.

Sfortunatamente, abbiamo trovato il corpo dell’orca questa mattina alle 11:48. Attualmente siamo con lei per evitare che il suo corpo venga colpito da una nave, che comprometterebbe l’autopsia. Stiamo aspettando che la squadra mobilitata dallo Stato lo recuperi. pic.twitter.com/kHunMaxGyt

— Sea Shepherd Francia (@SeaShepherdFran) 30 maggio 2022

“Lo abbiamo scoperto stamattina tardi”, ha detto Lamya Essemlali, presidente di Sea Shepherd Francia.

Durante il fine settimana, gli scienziati hanno stabilito che la balena di 4 metri (13 piedi) era malata terminale e probabilmente soffriva di mucormicosi, o fungo nero, una condizione prevalente nelle balene in Nord America ma mai vista prima in Europa.

Osservando l’Orca per settimane

Per settimane, le autorità francesi hanno seguito le tracce dell’orca intrappolata nella Senna. È stato avvistato più volte, nuotando a 30 chilometri dal Canale della Manica dal 5 aprile.

Dopo i tentativi falliti di condurre la balena in acqua, domenica un comitato di scienziati che monitorano l’animale ha deciso di sopprimerlo.

Hanno tentato di riportarlo in acqua usando droni che suonavano i rumori delle orche, ma senza successo. Questa strategia è stata utilizzata per evitare di avvicinare le barche all’animale per paura di stressarlo.

Leggi anche: La focena Vaquita della California in via di estinzione potrebbe essere salvata dall’estinzione se fermiamo la pesca illegale

La reazione dell’orca

La balena ha risposto in modo selvaggio e incoerente ai suoni durante un tentativo di convincerla a tornare in mare con un drone che trasmetteva suoni di orche sabato, secondo la prefettura della zona marittima della Senna. Le registrazioni della balena registravano quelli che dicevano fossero suoni di angoscia.

Essemlali ha affermato che somigliava poco più a “un fantasma di un’orca” lunedì ed è morto prima che si potesse tentare l’eutanasia.

Secondo la prefettura, la mucormicosi può raggiungere il cuore, i polmoni e il cervello dopo aver infettato la pelle di animali vulnerabili, il che spiega il comportamento sconcertante della balena. In questo caso la malattia sembrava essere avanzata e molto probabilmente la balena soffriva molto.

Già in pessime condizioni

I funzionari affermano che l’orca era in cattive condizioni dopo aver trascorso così tanto tempo in acqua dolce che era diventata piuttosto fragile. Sospettavano anche che soffrisse di mucormicosi, o fungo nero, che colpisce i suoi organi, la pelle e le funzioni cerebrali.

Il corpo dell’orca viene attualmente trascinato sulle rive della Senna. “Saranno implementati meccanismi di sollevamento per consentire a veterinari e biologi specializzati di eseguire un’autopsia e procedure di campionamento”, afferma la prefettura della Senna Marittima.

Autopsia

Secondo i funzionari locali, i resti della balena saranno portati sulla riva del fiume e verrà eseguita un’autopsia.

Vogliono raccogliere informazioni sufficienti per determinare il motivo per cui la focena ha viaggiato così lontano da casa ed è finita morta sulle rive della Senna.

Articolo correlato: I lamantini della Florida stanno morendo di fame nonostante gli sforzi per nutrirsi

Per notizie simili, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.