Nonostante lo sviluppo di diverse varianti, SARS-CoV-2 è ancora trasmissibile tra le specie

51

Si pensa che SARS-CoV-2, che ora si è sviluppato in varie varietà, tra cui delta e omicron, sia stato inizialmente trasmesso all’uomo dai pipistrelli nel dicembre 2019.

Uno studio recente mostra che il virus è ancora piuttosto contagioso tra gli animali. Le simulazioni al computer create dai ricercatori del Rochester Institute of Technology (RIT) dimostrano come i coronavirus si connettono alle cellule ospiti nei pipistrelli e nelle persone utilizzando allo stesso modo le loro proteine ​​​​spike.

(Foto: Foto: James Wainscoat / Unsplash)

Studio intensivo

I neolaureati RIT Madhusudan Rajendran ’22 MS (bioinformatica) e il professore associato Gregory Babbitt della Thomas H. Gosnell School of Life Sciences hanno presentato le loro scoperte in una ricerca della Royal Society Open Science. Hanno studiato le interazioni tra le proteine ​​della punta virale in molte varianti SARS-CoV-2 e i recettori delle cellule ospiti sono noti come ACE2 sia nelle persone che in altre specie di pipistrelli Rhinolophus. Babbitt ha detto che i risultati sono stati inaspettati.

Babbitt ha dichiarato: “Abbiamo osservato che non ci sono stati molti cambiamenti. Ci aspettavamo un’evoluzione adattativa spettacolare man mano che il virus si adattava maggiormente alle persone e meno abituato ai pipistrelli.

Leggi anche: Lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe dare vita alla prossima pandemia

Guardando le prove

(Foto: CDC)

Supponiamo di osservare le relazioni filogenetiche dei pipistrelli con gli umani. In tal caso, siamo abbastanza distanti sull’albero dei mammiferi, quindi suggerisce che ci sarebbe una diffusa infettività interspecie, e la letteratura ha dimostrato che ci sono state molte prove di ciò.

Poiché questo sito di legame non si è evoluto molto, non c’è molto che gli impedisca di trasmettersi dagli umani ai pipistrelli.

Le proteine ​​sono state poste in una simulazione solvatata dagli scienziati, che hanno poi osservato come si muovevano usando una tecnica di simulazione al computer chiamata dinamica molecolare.

Il metodo mostra ciò che ogni atomo esegue nel tempo utilizzando calcoli ad alte prestazioni su computer grafici. Secondo Babbitt, questa strategia consente ai ricercatori di esaminare questioni difficili da affrontare in un laboratorio convenzionale.

Secondo Babbitt, le simulazioni basate su computer hanno fornito un’opzione molto più sicura poiché condurre test in cui abbiamo reinfettato i pipistrelli con ceppi di virus umani sarebbe stato rischioso.

Malattie zoonotiche

Gli animali occasionalmente contengono agenti patogeni pericolosi che possono infettare l’uomo e causare malattie; queste condizioni sono chiamate malattie zoonotiche o zoonosi. Le malattie zoonotiche sono causate da microrganismi patogeni come batteri, funghi, parassiti e virus.

Questi microrganismi possono causare una vasta gamma di malattie nell’uomo e negli animali, da malattie minori a malattie gravi e persino la morte. A seconda della malattia zoonotica, gli animali possono occasionalmente sembrare sani anche se sono portatori di agenti patogeni che possono far ammalare le persone.

Le malattie zoonotiche sono piuttosto diffuse negli Stati Uniti e nel mondo. Secondo stime scientifiche, 3 su 4 malattie infettive nuove o emergenti nell’uomo e più di 6 su 10 malattie infettive riconosciute nell’uomo possono essere trasmesse dagli animali.

Di conseguenza, il CDC lavora 24 ore su 24 per salvaguardare le persone negli Stati Uniti e in altri paesi dalle malattie zoonotiche.

Articolo correlato: Gli scienziati raddoppiano gli sforzi per trovare la possibile prossima pandemia, causata da altre malattie zoonotiche

Per ulteriori notizie relative alla salute e alla medicina, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.