Oltre 100 delfini tursiopi pugnalati a morte mentre gli abitanti delle Isole Faroe continuano la loro “tradizionale” caccia ai delfini

59

Circa 100 delfini tursiopi sono morti durante la nuova caccia ai delfini delle Isole Faroe avvenuta venerdì 29 luglio.

Secondo quanto riferito, il mare è diventato rosso quando gli isolani delle Isole Faroe hanno pugnalato a morte i delfini usando una varietà di oggetti contundenti come ganci, coltelli e lance.

Alcuni degli animali marini sono anche soffocati a terra mentre cercavano ossigeno dopo che un certo numero di abitanti delle Isole Faroe li aveva messi in fila in attesa di essere macellati.

Un filmato del display è stato reso disponibile nei giorni successivi all’evento raccapricciante percepito.

Tuttavia, la gente del posto ha affermato che fa parte della loro tradizione.

L’incidente ha anche suscitato nuova indignazione sui social media, in particolare dopo che i dettagli del massacro sono emersi durante il fine settimana.

Sebbene ritenuti normali dai residenti, alcuni appassionati di fauna selvatica e ambientalisti stanno denunciando la pratica, che è in corso già da diversi secoli.

A causa delle sue radici culturali, le autorità faroesi, sin dagli anni ’40, hanno solo regolamentato l’attività di caccia ai delfini, invece di vietarli completamente.

Il paese insulare europeo fa parte della Danimarca ma è un’entità autonoma situata nell’Oceano Atlantico settentrionale tra l’Islanda e la Norvegia.

100 delfini tursiopi uccisi

(Foto: foto di Justin Sullivan/Getty Images)

Un filmato scioccante, inizialmente ripreso dall’organizzazione no-profit per la conservazione della fauna selvatica Sea Shepherd UK, delle uccisioni di delfini è stato caricato dall’Independent sabato 30 luglio.

La registrazione si aggiunge alla miriade di video pubblicati online, che mostrano i mammiferi allineati su un molo.

Il media con sede nel Regno Unito ha affermato che un ambientalista afferma che l’ultimo incidente segnala al mondo che i cacciatori stanno ignorando l’opinione di altri cittadini delle Isole Faroe o della comunità internazionale.

Nel frattempo, il gruppo di conservazione ha stimato che le vittime animali includessero 98 adulti, tra cui un delfino non ancora nato e un giovane vitello.

Le recenti uccisioni di delfini sono arrivate diverse settimane dopo che le autorità locali hanno ridotto il numero massimo di delfini che possono essere uccisi a 500 ogni anno.

Nel settembre 2021, il maggior numero di vittime legate all’evento si è verificato quando sono stati uccisi circa 1.400 delfini dalla coda bianca dell’Atlantico.

Ciò ha fatto eco alla comunità internazionale, in particolare nel Regno Unito.

Leggi anche: La stagione di caccia delle Isole Faroe inizia con la macellazione di 60 balene pilota

Caccia ai delfini alle Isole Faroe

In particolare, l’incidente è avvenuto a Skalafjorour dove i delfini sono stati trascinati nella sua baia.

È anche lo stesso sito in cui è avvenuta la caccia ai delfini delle Isole Faroe del settembre 2021, secondo il Daily Mail.

Il quotidiano britannico ha anche citato il sentimento del gruppo di conservazione, The Blue Planet Society, dopo aver condannato le uccisioni di massa di delfini tramite i social media, oltre a postarne le foto.

Secondo Only One, Inc., un’organizzazione senza scopo di lucro con sede negli Stati Uniti, la cosiddetta caccia annuale ai globicefali, o talvolta denominata “The Grind”, è stata messa in discussione sia dalla gente del posto che dagli esperti di salute.

Secondo quanto riferito, lo scetticismo nei confronti della pratica si basa su decenni di ricerche che mostrano che mangiare carne di delfini e globicefali ha conseguenze sulla salute, inclusa la presenza di livelli di mercurio immagazzinati nei grassi degli animali marini.

Articolo correlato: Le Isole Faroe affrontano un contraccolpo mentre 500 delfini stanno per essere massacrati

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.