Pangolini probabilmente il "collegamento mancante" alla diffusione del coronavirus

0
70

2 marzo 2020 08:25 EST

Il pangolino in via di estinzione potrebbe essere l'anello mancante tra pipistrelli e umani nella diffusione del coronavirus, rivelano i ricercatori cinesi.

I pipistrelli erano stati riconosciuti come uno dei portatori del coronavirus dopo che un'analisi genetica ha rivelato che il ceppo del virus che si sta diffondendo tra gli esseri umani era per il 96% identico a quello trovato nei pipistrelli. Tuttavia, gli scienziati ritengono che la malattia non sia passata direttamente dai pipistrelli all'uomo. Arnaud Fontanet dell'Istituto France Pasteur ritiene che ci sia un animale che fa da intermediario tra i pipistrelli e gli esseri umani. Diversi studi rivelano che il virus trasmesso dai pipistrelli manca dell'hardware necessario per attaccarsi ai recettori delle cellule umane. Quale animale che collega tra umani e pipistrelli, tuttavia, è ancora sconosciuto. Fontanet deduce che l'intermediario era "probabilmente un mammifero", forse appartenente alla famiglia dei tassi.

Gli scienziati della South China Agricultural University hanno testato più di 1.000 campioni di animali selvatici e hanno appreso che le sequenze genomiche dei virus nei pangolini erano identiche al 99% a quelle dei pazienti con coronavirus.

Altri esperti hanno espresso la loro cautela, dicendo che tali risultati non sono prove scientifiche. James Wood, capo del dipartimento di medicina veterinaria presso l'Università di Cambridge, ha affermato che sebbene le indagini sui serbatoi animali siano imperative, i risultati di detto studio devono essere pubblicati per un controllo internazionale. Ha aggiunto che "la semplice segnalazione del rilevamento di RNA virale con somiglianza di sequenza superiore al 99% non è sufficiente".

Per identificare positivamente l '"anello mancante", ogni specie che era in vendita sul mercato deve essere testata. Tuttavia, questo può sembrare impossibile perché il mercato è ora definitivamente chiuso.

Martine Peeters, virologa dell'Istituto francese di ricerca e sviluppo (IRD), riferisce che durante la ricerca sull'ebola, sono stati raccolti migliaia di pipistrelli caduti da diversi siti in Africa per confermare che il pipistrello era il portatore della malattia. Anche i peeters che credono che questo sia il caso potrebbero essere simili come parte del team che ha identificato l'animale ospite del virus Ebola.

Sebbene possa essere troppo tardi per nominare il portatore di questo particolare focolaio, identificare il "portatore" del nuovo coronavirus è fondamentale per prevenire epidemie imminenti.

Chiede misure più radicali per fermare il commercio di animali selvatici

Fontanet descrive la diffusione del coronavirus come "l'ultimo esempio delle conseguenze potenzialmente disastrose degli esseri umani che consumano animali selvatici portatori di virus". Ha aggiunto che la Cina deve adottare misure radicali per fermare il commercio di animali selvatici in Cina.

Nel 2003, l'epidemia di SAR che ha coinvolto un diverso ceppo di coronavirus è stata trasmessa all'uomo dallo zibetto, un mammifero che è una prelibatezza in Cina. Durante l'epidemia di Sars, la vendita di zibetto fu bandita.

La Cina ha dichiarato un divieto immediato e totale al commercio di animali selvatici lo scorso 24 febbraio, quando l'epidemia ha colpito 31.000 persone e ha provocato 630 vite in tutto il mondo.

Francois Renaud, ricercatore presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica con sede a Parigi, ha osservato che ogni volta che si verifica un'epidemia, vengono compiuti sforzi per fermare il commercio, ma una volta che è già sotto controllo, "aspettiamo il prossimo". Raccomanda che è necessario diventare proattivi nel vedere le epidemie prima che accadano. Deve anche essere fatto un elenco di controllo che compili tutti gli animali che potrebbero potenzialmente trasmettere virus agli esseri umani.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.