Pascolo del bestiame: un metodo eccellente per ridurre il pericolo di incendio durante la stagione di crescita dormiente di Cheatgrass

67

Cheatgrass, una specie di erba annuale invadente che si è diffusa sui pascoli del Nevada, è la causa di gran parte del crescente rischio di incendi boschivi della regione.

Gli scienziati dell’Università del Nevada, a Reno, hanno stabilito che i rischi di incendio possono essere ridotti utilizzando il pascolo mirato del bestiame durante la stagione di crescita dormiente e attirando il bestiame con stazioni di integratori di mangimi proteici.

Il pascolo del bestiame si riduce a macchia d’olio

(Foto: THEO ROUBY/AFP via Getty Images)

Secondo Barry Perryman, professore di scienze dei pascoli presso l’Università del Nevada, Reno, “La ricerca mostra che gli integratori di mangimi proteici in autunno e all’inizio dell’inverno possono attirare il bestiame in aree dominate da cheatgrass, riducendo notevolmente la materia organica del combustibile fine appesa anche di oltre il 50% consentendo la crescita di erbe autoctone”, tramite ScienceDaily.

Altri studi hanno dimostrato che il pascolo durante la stagione dormiente aiuta a ridurre il predominio di cheatgrass e il nuovo studio aggiunge a questa prova.

Le graminacee annuali invasive sono state e continueranno a essere una delle più grandi sfide ecologiche per gli ecosistemi dell’Intermountain West.

A scala geografica regionale, la cheatgrass non autoctona (Bromus tectorum L.) è l’erba annuale invasiva più fastidiosa.

Cheatgrass è la pianta ecologicamente dominante su oltre il 20% della steppa di artemisia, coprendo circa 11.000 miglia quadrate del Great Basin.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Rangeland Ecology and Management di Elsevier, l’integrazione strategica è una tecnica utile per prendere di mira il bestiame al pascolo in regioni specifiche all’interno di sistemi invasi da cheatgrass per prevenire la formazione di combustibile fine durante la stagione dormiente.

Dal 2014 al 2017, Perryman e i suoi colleghi hanno impiegato integratori proteici liquidi in un ranch di produzione su scala industriale con una mandria di dimensioni comprese tra 650 e 1.200 bovini in ottobre e novembre.

Dopo l’interruzione della coltivazione alla fine degli anni ’70, il pascolo di studio era una combinazione di pascoli e terreni agricoli abbandonati ampiamente infestati da cheatgrass.

Cheatgrass ha dominato la vegetazione del sito, con cetriolo e cheatgrass che coesistono in alcune sezioni.

Leggi anche: Cheatgrass invadente innesca frequenti incendi nel Great Basin

Perché Cheatgrass è cattivo?

Cheatgrass, a differenza delle erbe autoctone perenni, è un’erba annuale che fiorisce in primavera e muore tra la fine di aprile e giugno, a seconda delle precipitazioni locali. E capita di morire appena in tempo per la stagione degli incendi in Occidente, secondo Sage Grouse Initiative.

Cheatgrass si asciuga più velocemente delle piante naturali, prolungando notevolmente la tradizionale stagione degli incendi.

Ha anche foglie e steli molto fini, che lo rendono facile da accendere e diffondere rapidamente il fuoco.

Le piante cheatgrass crescono anche nelle immediate vicinanze (fino a 10.000 piante per metro quadrato), formando una fonte di carburante continua.

L’erba è essenzialmente carta velina che copre il terreno, un combustibile facilmente infiammabile che trasporta e diffonde rapidamente il fuoco.

Interrompe una serie di processi ecologici essenziali.

Cheatgrass, ad esempio, ha una struttura radicale poco profonda con la maggior parte delle sue radici concentrate nei primi 12 pollici di terreno, che gli consente di raccogliere molta acqua e sostanze nutritive durante la stagione di crescita primaverile, superando le piante autoctone per le scarse risorse.

L’estinzione delle piante autoctone comporta la perdita dei loro apparati radicali più profondi, che aiutano a generare terreno sano.

Sagebrush e altri arbusti autoctoni hanno radici che possono crescere fino a otto piedi di profondità, aiutando nel ciclo dei nutrienti e nell’uso dell’acqua più in profondità nel profilo del suolo.

Cheatgrass ha anche un impatto sulla diversità e sul numero di microbi del suolo, limitando così la crescita delle piante autoctone in futuro.

Effetti del pascolo del bestiame?

I bovini calpestano le piante autoctone, degradano i suoli e gli argini dei torrenti, disturbano i processi naturali e inquinano i corsi d’acqua con le feci, secondo il Center for Biological Diversity.

Il pascolo eccessivo di erbe autoctone portatrici di fuoco ha affamato alcune foreste occidentali di fuoco, rendendole troppo dense e soggette a incendi anormalmente gravi.

Le operazioni di “controllo dei predatori” volte a salvaguardare il settore del bestiame hanno spinto i predatori chiave di volta come l’orso grizzly e il lupo grigio messicano estinti negli ecosistemi del sud-ovest.

Per aggiungere la beffa al danno, e a dispetto della scienza della conservazione contemporanea, il settore del bestiame continua a essere l’oppositore più esplicito degli sforzi per ripristinare specie come il lupo grigio messicano in Arizona e nel New Mexico.

Articolo correlato: Il pascolo di alghe ha ridotto le emissioni di gas serra dei bovini fino all’82%

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.