Per la vita sessuale del salmone atlantico, le dimensioni contano

127

26 giugno 2020 09:00 EDT

Ogni estate vede decine di migliaia di salmoni dell'Atlantico migrare dal Mare di Barents al fiume Teno in Finlandia per riprodursi nei torrenti da cui sono nati, e sembra che le dimensioni contino, e più sono grandi, maggiori sono le loro possibilità di sesso vita o per trovare un compagno con cui riprodursi.

Avranno bisogno di estrema resistenza per deporre le uova. Smettono di nutrirsi e nuotano controcorrente contro le acque rapide, superano gli ostacoli e sopravvivono alla miriade di predatori, ami e reti da pesca prima di raggiungere finalmente le zone di riproduzione. Se sopravvivono al loro viaggio, hanno bisogno di combattere gli altri per avere la possibilità di fare sesso e, si spera, generare prole.

Un nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Ecology, che ha scoperto che i pesci con la taglia più grande hanno il maggior numero di prole. Ha anche scoperto che molti meno pesci più grandi sono nelle zone di riproduzione rispetto ai concorrenti più piccoli e più giovani. Il team di ricerca dell'Università di Helsinki, così come l'Istituto per le risorse naturali in Finlandia, ha condotto lo studio come parte di un ampio sforzo di monitoraggio.

Per identificare i pesci, hanno raccolto i tessuti delle pinne e le scaglie da utilizzare nell'impronta genetica di oltre 5.000 giovani e adulti. Gli adulti ricevono anche un cartellino identificativo. I ricercatori hanno utilizzato le scale per registrare la crescita.

L'autore principale Kenyon Mobley ha affermato di aver prestato molta attenzione per evitare di danneggiare i pesci. Hanno ripreso gli adulti e i precedenti giovani che sono diventati adulti che tornano a deporre le uova molti anni dopo il campionamento.

Molti salmoni del fiume Teno sono in mare da uno a quattro anni prima della migrazione e più tempo trascorrono in mare, più diventano grandi. In generale, le femmine impiegano dai due ai tre anni per diventare mature, mentre i maschi impiegano solo un anno. Per ogni anno trascorso in mare, le femmine guadagnano più di quattro chili di peso e hanno il 60% in più di spawn. Per i maschi, il tasso è di quasi 5 chili e il 200% in più di spawn all'anno trascorso in mare. Lo svantaggio di essere in mare, tuttavia, è una maggiore esposizione a predatori, malattie, pesca e, di conseguenza, morte. In effetti, ritornano pochissimi pesci più vecchi e più grandi.

Secondo Jaakko Erkinaro, professore del Natural Resources Institute Finlandese, conoscere questi fatti aiuta a realizzare modelli di riproduzione accurati e a sviluppare linee guida per la gestione. Lo studio ha scoperto che i pesci più grandi, in particolare i maschi, ottengono più compagni e riproducono più prole.

Le femmine sono anche più rare dei maschi, con un rapporto massimo di sette maschi per femmina, almeno nella zona di deposizione delle uova del fiume Utsjoki. Non è ancora chiaro perché qui ci siano meno femmine poiché, in altre parti del fiume Teno, il rapporto è più equilibrato.

I giovani trascorrono spesso dai tre ai cinque anni di vita in acqua dolce e meno anni trascorrono in mare, più piccole diventano le dimensioni degli adulti. Le femmine più piccole depongono meno uova e di conseguenza hanno meno prole. Nel frattempo, i maschi non sono apparentemente influenzati dal tempo trascorso in acqua dolce. Moblew ha detto che conoscere questi dettagli nella storia della vita del salmone atlantico è necessario per la loro conservazione.

© 2018 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza autorizzazione.