Per lo Stato della Georgia, l’estrazione mineraria di Okefenokee è stata a lungo una cattiva idea

133

Nel clima politico odierno, l’opinione pubblica raramente sembra essere d’accordo su qualcosa, con il consenso spesso precluso da divisioni partigiane. Per lo Stato della Georgia, tuttavia, c’è almeno una costante che ha ispirato per decenni un accordo di buon senso: la protezione dell’Okefenokee Swamp, il più grande rifugio per la fauna selvatica a est del Mississippi, e il bene naturale più prezioso della Georgia.

Immagine

Guglielmo Saggio

Mentre praticamente l’intero Okefenokee stesso è protetto, lungo il suo bordo orientale si trova il Trail Ridge, un’antica duna di sabbia che sostiene la palude. Negli anni ’90, DuPont ha messo gli occhi sull’estrazione delle sabbie minerali del Trail Ridge, innescando un conflitto lungo anni, i cui riverberi si fanno sentire ancora oggi.

DuPont ha assicurato al pubblico che “avrebbe fatto tutto il necessario per proteggere” quello che ha definito un “tesoro naturale”. Fin dall’inizio, DuPont ha affermato di promuovere un “dialogo aperto e onesto”. Furono condotti studi, date assicurazioni, fatte promesse. La palude sarebbe stata colpita, ha ammesso DuPont, ma tali impatti sarebbero quasi irraggiungibili.

Il pubblico non l’ha comprato. Gli oppositori dell’epoca non erano contrari all’estrazione mineraria di per sé, ma alla posizione pericolosa del progetto. “Fai pasticci con Trail Ridge”, ha detto un biologo statale, “e stai pasticciando con la vita degli Okefenokee”.

“Se va”, ha detto un avversario locale, “non potrà mai essere sostituito. La sua perdita è una perdita per sempre”.

Immagine

Disse l’allora responsabile del rifugio del Fish and Wildlife Service (FWS) degli Stati Uniti, “le persone vengono qui per uscire dall’esercizio quotidiano di squilli di telefoni e macchine che suonano il clacson. Vengono qui per fare un passo indietro, se vuoi, in un luogo più primitivo.

Le operazioni si svolgerebbero 24 ore al giorno, secondo FWS, illuminando il cielo dove prevaleva l’oscurità. Nel rifugio si sposterebbero anche polvere, fumo, fuliggine e fumi.

Un locale si è chiesto se, una volta chiuso il negozio di DuPont, qualcuno avrebbe ricordato la natura selvaggia di Okefenokee nel 2052.

Per anni, l’opinione pubblica della Georgia si è mobilitata contro il progetto. Alla fine, le figure politiche se ne accorsero e intervennero in un modo che si addice alla palude.

Davanti a un’udienza locale, il segretario all’Interno Bruce Babbitt ha dichiarato l’estrazione mineraria un vicino “incompatibile” per la palude. “Puoi studiarlo, puoi scrivere tutti i documenti del mondo, ma non dimostreranno oltre ogni ragionevole dubbio che non ci saranno impatti sull’Okefenokee Swamp. Questa non è la natura di queste connessioni idrogeologiche”. Gli studi di DuPont “non possono assolutamente portare a una conclusione che sarà soddisfacente per me”.

FWS ha espresso sentimenti simili. “La falda freatica dell’Okefenokee è al di sopra della profondità più profonda dell’operazione mineraria. Non sappiamo se le acque sotterranee penetreranno dentro o fuori di essa. Qualsiasi cambiamento nella profondità dell’acqua cambia tutto nella palude: le piante, gli animali, i turisti. In ogni caso, avrà un impatto serio”.

FWS ha dichiarato che il progetto è “una delle più grandi minacce che la (palude) abbia mai affrontato”.

Immagine

Dopo aver sorvolato l’Okefenokee, i membri del Georgia Board of Natural Resources sono giunti alla stessa conclusione. Secondo loro, l’attività mineraria sul Trail Ridge costituiva una “minaccia molto seria” e che tale attività mineraria “non sarebbe stata nel migliore interesse dell’Okefenokee Swamp”. In attesa di prove chiare e convincenti del contrario, il consiglio giunse a opporsi a tutte queste operazioni.

Il governatore Zell Miller si è pubblicamente opposto al progetto, così come il senatore statunitense Max Cleland. Praticamente tutti i livelli di governo hanno tracciato una linea inequivocabile sulla sabbia. Il progetto DuPont era la miniera sbagliata, nel posto sbagliato.

Immagine

DuPont ha convocato riunioni delle parti interessate in un ultimo sforzo disperato, ma alla fine ha riconosciuto l’inutilità dei suoi sforzi, ha abbandonato il suo progetto e ha donato gran parte della terra. Un risultante accordo No-Mine ha precluso la futura minaccia dell’estrazione mineraria.

O così si pensava.

Immagine

Sarebbero passati quindici anni prima che Twin Pines Minerals, una società con sede in Alabama, iniziasse a estrarre ciò che DuPont non poteva, su un tratto appena a sud di quello proposto negli anni ’90. Armato delle stesse banalità e assicurazioni usate da DuPont, Twin Pines ha cercato di placare le preoccupazioni del pubblico, ma con scarso successo.

Con il ricordo di DuPont ancora in mente, il popolo della Georgia si è galvanizzato contro il progetto in un modo mai visto da decenni, se non mai:

  • Sono stati presentati oltre 100.000 commenti, con 60.000 inviati alle autorità di regolamentazione statali, un record per lo stato.
  • 45 scienziati hanno messo in guardia congiuntamente sui pericoli di questo progetto.
  • Oltre 100 leader religiosi hanno chiesto alla Georgia di proteggere l’Okefenokee, “uno spazio unicamente santo e sacro”.
  • Due ex membri del gabinetto, tra cui il Segretario degli Interni, Bruce Babbitt, e il Segretario del Tesoro, Hank Paulson; tre direttori del Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti; e due commissari del Dipartimento delle risorse naturali della Georgia, tra gli altri, hanno espresso la loro opposizione.
  • Numerose contee e città, tra cui Ware County, Kingsland, St. Marys, Valdosta e Waycross, hanno approvato risoluzioni esprimendo preoccupazioni per il progetto o il loro sostegno all’Okefenokee
  • Chemours, uno spinoff minerario di DuPont, ha dichiarato di non avere intenzione di acquistare il progetto. Un altro gigante aziendale, TIAA, ha affermato che non supporterà iniziative minerarie sulla sua proprietà.
  • Il senatore Ossoff, il senatore Warnock e il Fish and Wildlife Service degli Stati Uniti hanno ripetutamente espresso perplessità riguardo al progetto, notando il suo potenziale per compromettere permanentemente la palude.
  • E i legislatori statali, repubblicani e democratici allo stesso modo, hanno recentemente introdotto una legislazione che vieta il futuro rilascio di permessi minerari sul Trail Ridge.

Mentre i dettagli sono cambiati, la minaccia più grande no. La proprietà di Twin Pines confina con Swamp Perimeter Road e si trova a 400 piedi dalla palude stessa. Col tempo, dragline e bulldozer avrebbero macinato a un tiro di schioppo dall’Okefenokee, rovinando e potenzialmente minando per sempre un’attrazione di livello mondiale.

Twin Pines ha attualmente permessi in attesa con la Georgia Environmental Protection Division. Sebbene l’EPD non abbia dovuto prendere una decisione sui permessi durante il combattimento con DuPont, questa volta deve farlo.

Poco prima che il Georgia Board of Natural Resources esprimesse la sua opposizione, David Word, vicedirettore dell’EPD, disse al Board che DuPont avrebbe potuto danneggiare l’Okefenokee. “Questo è un problema molto, molto serio”, ha avvertito Ward.

E così rimane oggi.

Puoi incoraggiare l’EPD a portare avanti una tradizione leggendaria, radicata nel buon senso e nel supporto bipartisan, semplicemente rifiutando i permessi del progetto a TwinPines.Comment@dnr.ga.gov.