Più di mille raggi si trovano a prosperare nelle acque indonesiane

314

Per la prima volta sono state scoperte più di 1.000 mante che dimorano nei mari di un paradiso tropicale in Indonesia, fornendo ottimismo per il futuro della specie assediata.

(Foto: Foto di Emma Li su Pexels)

Più di mille mante

Più di 1.000 mante sono state viste nelle acque vicino all’Indonesia, fornendo ottimismo per la sopravvivenza delle specie assediate. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista peer-reviewed PeerJ.

Per la prima volta, gli scienziati hanno calcolato il numero di raggi al largo della costa del Parco Nazionale di Komodo, patrimonio mondiale dell’UNESCO, dove la specie è una popolare attrazione turistica.

Ritengono che la posizione potrebbe essere cruciale per il recupero regionale delle razze, minacciate principalmente dalla pesca commerciale.

La Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha riclassificato lo stato di conservazione della gigantesca manta in “in pericolo” a dicembre.

Leggi anche: Gli scienziati hanno utilizzato l’IA per analizzare meglio il comportamento degli animali per contribuire a migliorare il benessere degli animali

Sforzi globali

Nell’ambito di uno sforzo di studio quinquennale, gli scienziati della Marine Megafauna Foundation (MMF) e della Murdoch University in Australia hanno collaborato con la popolazione generale.

Le mante della barriera corallina (Mobula alfredi) vivono e si nutrono in ambienti costieri poco profondi, crescendo fino a 16 piedi (5 metri). Vanno anche nelle “stazioni di pulizia” della barriera corallina, dove i pesciolini puliscono i parassiti e la pelle morta.

Le stazioni di pulizia sono anche sede di “treni” di corteggiamento.

Le mante possono essere viste tutto l’anno nel Parco Nazionale di Komodo, in lizza con il leggendario drago di Komodo per il titolo di megafauna più ricercata dai visitatori.

I ricercatori hanno collaborato con la comunità degli operatori subacquei del parco per raccogliere foto identificative delle mante nelle acque del parco e caricarle su MantaMatcher.org, un database online di crowdsourcing per mante e altre razze.

La maggior parte delle foto è stata scattata solo in quattro delle oltre 20 famose destinazioni turistiche. I segni distintivi e occasionalmente spettacolari sull’addome delle singole mante aiutano a identificarle.

Ricerca e collaborazione intensiva

La dott.ssa Andrea Marshall, il principale scienziato e co-fondatore di MMF, ha riconosciuto l’opportunità di includere il pubblico in generale nella raccolta di dati per le creature marine in via di estinzione.

Ha collaborato con la startup di software WildMe per creare una piattaforma di database online sulla fauna selvatica che le ha permesso di abbinare e classificare le mante di varie popolazioni in tutto il mondo.

“Le mante sono una delle specie più iconiche nei nostri mari”, ha detto il coautore dello studio, il dottor Marshall.

Le immagini e i dati di tempo e posizione di supporto sono stati utilizzati per creare record di avvistamento di mante individuali, quindi analizzati utilizzando modelli statistici di movimento.

Secondo i risultati, alcune mante hanno viaggiato nel parco, mentre altre hanno viaggiato fino all’AMP di Nusa Penida, a quasi 270 miglia di distanza.

Tuttavia, le mante hanno rivelato preferenze distinte per diverse parti del parco. Dal 1984, la pesca è stata vietata in diverse regioni costiere del Parco Nazionale di Komodo, compresi gli habitat delle mante, fornendo una certa protezione.

Tuttavia, gli esperti suggeriscono che la specie continua a essere minacciata dalla pesca a causa della pesca illegale e delle migrazioni delle mante nei mari intensamente pescati.

In costante rischio

Secondo lo studio, circa il 5% delle mante di Komodo subisce lesioni persistenti derivanti dalle interazioni con gli attrezzi da pesca.

Durante lo studio, l’attrattiva del Parco Nazionale di Komodo per il turismo si è ampliata, determinando un aumento del 34% delle imbarcazioni turistiche che visitano le aree delle mante.

L’aumento dell’attività delle moto d’acqua e le immersioni e lo snorkeling eccessivi possono essere dannosi per le mante e i loro habitat.

L’Autorità del Parco Nazionale di Komodo ha stabilito limiti al numero di barche e persone autorizzate a visitare uno dei luoghi più famosi per le mante nel 2019.

Il team di studio ha fornito ulteriori raccomandazioni per migliorare la conservazione delle mante all’interno del Parco Nazionale, che potrebbero essere utilizzate come standard per gli habitat delle mante in tutto il mondo.

Articolo correlato: La popolazione di delfini si estingue dopo che l’ultimo membro è rimasto impigliato negli attrezzi da pesca

Per notizie simili, non dimenticare di seguire Nature World News!

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.