Prima dell’esplosione del Cambriano, le prime creature si sono evolute in habitat sofisticati

41

Le prime specie formarono complessi sistemi ecologici più di 550 milioni di anni fa, stabilendo la fase di sviluppo per tale esplosione del Cambriano.

Circa 580 milioni di anni fa, verso la conclusione dell’epoca ediacarana, apparvero le prime creature, secondo ScienceDaily.

Gli animali nel periodo ediacarano

(Foto: SAM YEH/AFP via Getty Images)

La documentazione sui fossili, d’altra parte, dimostra che dopo un’esplosione iniziale, la diversità è diminuita in vista della rapida crescita della biodiversità nella cosiddetta “esplosione del Cambriano” circa 40 milioni di anni dopo.

Gli scienziati ritengono che questo declino della varietà sia indicativo di un grande evento di estinzione circa 550 milioni di anni fa, probabilmente innescato da un disastro ambientale, ma lo studio precedente non ha esaminato l’organizzazione di questi antichi gruppi biologici.

I ricercatori hanno esaminato la struttura della metacomunità di tre assemblaggi fossili degli ultimi 32 milioni di anni dell’epoca di Ediacaran per valutare le prove di un’estinzione di massa di Ediacaran (tra 575 e 543 milioni di anni fa).

Hanno cercato una struttura di metacomunità suggestiva di specializzazioni ecologiche e relazioni tra le specie utilizzando dati paleoambientali esistenti come la profondità dell’oceano e le caratteristiche delle rocce.

La ricerca ha trovato una struttura e una funzione sempre più complicate negli insiemi fossili successivi, il che implica che le specie divennero più specializzate e impegnate in più relazioni tra specie verso la fine dell’epoca ediacarana, un modello comune durante la successione ecologica.

Secondo gli autori, i risultati suggeriscono l’esclusione competitiva piuttosto che l’estinzione di massa come fonte della riduzione della diversità tardo ediacarana.

La ricerca mostra che le prime comunità animali nel tardo Ediacarano stabilirono elementi di dinamiche ecologiche ed evolutive spesso associate al boom del Cambriano, come la specializzazione e la contrazione di nicchia.

Leggi di più: L’antropologo crede che antiche specie umane possano esistere ancora nelle foreste dell’isola di Flores

Periodo Ediacarano

Il periodo ediacarano, noto anche come periodo vendiano, era la divisione più alta dell’eone proterozoico della cronologia precambriana e l’ultima delle tre ere dell’era neoproterozoica, che andava da circa 635 milioni a 541 milioni di anni fa.

Il periodo Ediacarano seguì il periodo criogenico (da circa 720 milioni a circa 635 milioni di anni fa) e fu sostituito dall’età fortuniana del periodo Cambriano (da 541 milioni a circa 529 milioni di anni fa) (da 541 milioni a 485,4 milioni di anni fa), secondo Britannica .

Il periodo Ediacarano ha prodotto alcune delle prime prove conosciute dello sviluppo di creature multicellulari (i metazoi).

La fauna ediacarana dominante nelle prove fossili è una comunità di forme non convenzionali dal corpo molle (invertebrati) che precedettero l’esplosione del Cambriano, l’aumento senza precedenti di forme di vita tra 541 milioni e stimato 530 milioni di anni fa che includeva membri di moltissimi phyla importanti ancora esistente oggi.

Il periodo Ediacarano iniziò circa 635 milioni di anni fa, in coincidenza con il ritiro accelerato delle calotte glaciali e dei ghiacciai affiliati alla glaciazione Marinoan (o Varanger-Marinoan), iniziata verso la fine del Periodo Criogenico e terminata circa 635 milioni di anni fa, e diminuzione della composizione dell’isotopo di carbonio delle rocce marine.

I livelli di ossigeno nell’atmosfera e nei mari sono aumentati e molti scienziati ritengono che lo spostamento degli isotopi del carbonio possa essere collegato all’ossidazione del carbonio organico disciolto negli habitat marini.

Tuttavia, la fine del periodo Ediacarano è stata identificata da un marker biologico, il limite più basso della traccia fossile Trichophycus pedum.

Articolo correlato: Antico fregio scoperto dall’archeologo che mostra “Tempo senza tempo”

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.