Protezioni federali per le renne giusto in tempo per le vacanze

52

In questo periodo dell’anno, non mancano le manifestazioni natalizie con le renne che tirano le slitte. Ma nonostante quanto siano comuni durante le festività natalizie, la realtà è tutt’altro che vera. Il 12 dicembre, l’US Fish and Wildlife Service ha aggiunto una nuova popolazione di caribù o “renne” alla sua lista di specie protette a livello federale ai sensi dell’Endangered Species Act degli Stati Uniti.

Immagine

La Celle e Gates

Le renne prendono il nome da “rein” che in norvegese antico significa cervo. Quindi, renna tecnicamente significa “cervo cervo”. Le renne sono una sottospecie addomesticata di caribù selvatico originaria del nord Europa. I tassonomi attualmente riconoscono sei specie e 17 sottospecie viventi di caribù. Il nome caribù deriva dalla parola Mi’kmaq qalipu delle Prime Nazioni del Canada orientale, che significa “spalatore di neve”. Il nome deriva dall’arte di usare i loro nasi larghi, zoccoli e corna per spazzare via la neve esponendo licheni, carici e muschi, che sono una delle principali fonti di cibo.

L’importanza del caribù per l’ecosistema artico non può essere sopravvalutata. Sono motori vitali nei processi ecologici nell’Artico, alterando profondamente le dinamiche della rete trofica e il funzionamento dell’ecosistema. I loro rifiuti sono necessari per ricostituire i terreni della tundra con nutrienti limitati e nutrire la comunità vegetale. Questo crea una vegetazione più sana che richiama i caribù ogni stagione, sostenendo comunità vegetali sane. Sia gli esseri umani che i predatori sono sostenuti dal caribù artico.

Immagine

La Celle e Gates

Nonostante la loro importanza per l’ecosistema artico, le popolazioni di caribù migratori e renne selvatiche sono diminuite del 56% in tutto l’Artico negli ultimi 20 anni a causa dello sviluppo umano e delle emissioni di gas serra. L’aumento delle temperature, il riscaldamento delle precipitazioni e lo sviluppo di petrolio e gas sono la causa principale del rapido declino della popolazione. Il cambiamento del tempo sta portando a un aumento degli eventi di pioggia su neve; aumento della durata, della profondità e della presenza di acqua stagnante; molestie più gravi da parte degli insetti; stagioni senza neve più lunghe; e forse la cosa più importante, i cambiamenti nella composizione e nella disponibilità della vegetazione.

Fare la lista

I caribù sono una specie soggetta a fluttuazioni della popolazione, quindi non è raro che le dimensioni delle mandrie diminuiscano e scorrano. Tuttavia, questo mese il servizio statunitense per la pesca e la fauna selvatica ha riconosciuto la mandria di caribù Dolphin-Union sull’isola di Victoria, in Canada, come a rischio di estinzione. È un “distinto segmento di popolazione” del caribù arido che si trova principalmente su un’isola artica e sulla vicina terraferma. Storicamente, la mandria era di oltre 30.000 capi, ma attualmente ne conta solo 3.800. Solo tra il 2015 e il 2018, la sua popolazione è crollata da 18.000 animali a soli 4.000, in gran parte a causa degli effetti del riscaldamento dell’Artico.

Immagine

La Celle e Gates

I caribù Dolphin-Union attraversano il ghiaccio marino che si forma sopra il Dolphin e lo Stretto di Union, mentre migrano da Victoria Island ai loro pascoli invernali sulla terraferma canadese. Tuttavia, il cambiamento climatico sta sciogliendo quel corridoio di viaggio essenziale e cambiando l’ecosistema e l’approvvigionamento alimentare sulla loro isola.

Il cambiamento climatico sta colpendo anche altre popolazioni di caribù attraverso una riduzione della disponibilità di cibo e un aumento degli eventi di pioggia sulla neve. Ciò si traduce nella formazione di strati di ghiaccio nella neve che rendono molto più difficile scavare per i licheni. Storicamente, i caribù selezionano gamme stagionali che sono fortemente influenzate dal loro foraggio disponibile per massimizzare l’apporto nutrizionale. Lo fanno attraverso movimenti migratori su larga scala, dando la priorità all’habitat di alta qualità, rispondendo ai cambiamenti nella fenologia e nella disponibilità delle piante e reagendo per ridurre le molestie da parte di zanzare e mosche parassite. Pertanto, proteggere la capacità di migrazione dei caribù è fondamentale.

Immagine

Josh Staquet

Le persone rappresentano una minaccia per i caribù e le renne in altri modi oltre a cambiare il loro clima. Il disboscamento, la costruzione di strade, lo sviluppo e l’estrazione di petrolio e gas stanno riducendo e frammentando il loro habitat. Gli scienziati hanno scoperto che, in particolare, lo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas ha avuto un effetto significativo sui caribù. Anche con la mitigazione, le popolazioni di caribù sono gravemente colpite dai meccanismi di esplorazione e sviluppo di petrolio e gas mentre il loro habitat continua ad affrontare la frammentazione. I disturbi della produzione portano a risposte di volo nei caribù, costringendoli a consumare riserve energetiche critiche nei mesi invernali quando il foraggio è limitato e le calorie sono difficili da reperire. I caribù evitano attivamente le strade ghiacciate costruite per collegare i giacimenti petroliferi nell’Artico. È ben documentato che i caribù materni con i giovani vitelli non si abituano al traffico stradale. Ciò influisce sulla loro capacità di attraversare con successo una tundra artica sempre più punteggiata di cuscinetti petroliferi e collegata da strade ghiacciate.

Defenders of Wildlife sta lavorando attivamente per proteggere l’habitat dei caribù dallo sviluppo e sta sostenendo che il governo degli Stati Uniti agisca per ridurre l’impronta di carbonio della nazione nel tentativo di proteggere la fauna selvatica colpita dal cambiamento climatico. In un processo noto come amplificazione artica, l’Artico si sta ora riscaldando quattro volte più velocemente del resto del pianeta e gli scienziati del clima prevedono che il Polo Nord potrebbe essere libero dai ghiacci già nel 2050. Le prospettive per le renne, in questo periodo dell’anno, o qualsiasi, sembra piuttosto desolante a meno che non riusciamo a persuadere i governi ad agire più velocemente e in modo più sostanziale per ridurre le emissioni di gas serra e salvare il ghiaccio marino. Elencare le popolazioni minacciate sotto l’ESA è un passo importante per fornire protezione ai caribù. Al fine di garantire la loro fattibilità in futuro, i difensori continueranno a sostenere la riduzione della nostra impronta di carbonio, la protezione dell’habitat intatto dei caribù e dei corridoi migratori e misure di conservazione adeguate, compresi gli elenchi dell’ESA.