Questo serpente strappa un buco nei rospi viventi per banchettare con i loro organi

0
97

Alcuni serpenti mangiano i rospi inghiottendo educatamente le creature intere. Altri hanno visto un buco nell'addome di un rospo con i denti, hanno infilato la testa dentro e si ingozzano di organi e tessuti, mentre l'anfibio è ancora vivo.

"I rospi non hanno gli stessi sentimenti e non possono percepire il dolore nello stesso modo in cui possiamo noi", afferma Henrik Bringsøe, un erpetologo dilettante che vive a Køge, in Danimarca. "Ma comunque, deve essere il modo più orribile di morire."

In un nuovo studio, pubblicato l'11 settembre su Herpetozoa, Bringsøe ei suoi colleghi thailandesi documentano tre attacchi di questo tipo ai rospi da parte di serpenti kukri a fascia piccola (Oligodon fasciolatus). È la prima volta che i ricercatori osservano questo comportamento nei serpenti, anche se animali come corvi o procioni mangiano alcuni rospi in modo simile.

È noto che i serpenti kukri a fascia piccola usano i loro denti – che assomigliano a coltelli kukri curvi usati dai soldati gurkha nepalesi – per strappare le uova. E come la maggior parte dei serpenti, anche O. fasciolatus si nutre deglutendo i pasti interi. I serpenti possono utilizzare il metodo appena descritto, dicono i ricercatori, per eludere al meglio una tossina che il rospo macchiato nero asiatico (Duttaphrynus melanostictus) secerne dalle ghiandole sul collo e sulla schiena (SN: 6/19/18).

Un rospo asiatico dalle macchie nere era già morto quando i figli dei coautori Winai e Maneerat Suthanthangjai, entrambi ricercatori ambientali dell'Università Loei Rajabhat di Loei, in Thailandia, si sono imbattuti in un serpente che banchettava nelle sue viscere vicino alla città. Ma l'intera area era insanguinata e il serpente aveva chiaramente trascinato la sua preda in giro. Era chiaro "che era stato un vero campo di battaglia", dice Bringsøe.

Altri due episodi in uno stagno vicino riguardavano rospi asiatici dalle macchie nere viventi. Un combattimento che Winai ha visto è durato quasi tre ore, quando un serpente ha combattuto con le difese tossiche del rospo prima di vincere finalmente. Un serpente kukri sega la sua preda usando i denti come un coltello da bistecca, dice, "rallentando il taglio avanti e indietro finché non riesce a mettere la testa dentro" e mangiare gli organi.

I rettili possono attaccare in questo modo per aiutarli a schivare il veleno di un rospo, dice Bringsøe, ma potrebbe anche essere un modo per i serpenti di mangiare prede troppo grandi per essere ingoiate. Un quarto serpente è stato avvistato dal coautore Kanjana Nimnuam, un collega dei Suthanthangjais, ingoiando un rospo più piccolo con macchie nere intero.