Revival della tigre della Tasmania dall’estinzione: ora possibile – Studio

216

Il tilacino, o tigre della Tasmania, è uno degli animali più famosi dell’Australia.

A causa di una serie costante di presunti avvistamenti che ha affascinato il pubblico e i media per migliaia di anni, il marsupiale snello e striato mantiene il suo posto nella mitologia australiana.

Secondo il Washington Post, la tigre della Tasmania si è estinta dal 1936.

Ora, un gruppo di ricercatori dell’Università di Melbourne sta cercando di riprenderlo dall’estinzione.

Grazie a una donazione di 3,6 milioni di dollari, hanno annunciato l’istituzione del Laboratorio di ricerca sul restauro genetico integrato Thylacine (TIGRR).

Il progetto sarà guidato da Andrew Pask, biologo evoluzionista marsupiale ed esperto di tigri della Tasmania presso l’Università di Melbourne.

Pask ha spiegato che la grande sfida della ricerca è riportare in vita la tigre della Tasmania.

Sebbene questo sia l’obiettivo generale, la biotecnologia sviluppata lungo il percorso è fondamentale per gli attuali sforzi di conservazione dei marsupiali.

Pask ha sottolineato che la loro ricerca si concentra maggiormente sull’ottenere le cose necessarie per proteggere i marsupiali, piuttosto che giocare a fare Dio e finire con una situazione in Jurassic Park.

Riportando indietro la tigre della Tasmania

Per circa 20 anni, ci sono state chiamate per resuscitare la tigre della Tasmania.

Michael Archer, direttore dell’Australian Museum, ha promesso 57 milioni di dollari per un progetto volto a clonare l’iconico marsupiale da vecchi esemplari.

Nel 2005 è stato etichettato come “fantasy” e la ricerca è fallita.

Tuttavia, negli ultimi due decenni, le scoperte nell’editing genetico hanno permesso agli scienziati di costruire teorie fondamentali sulla “de-estinzione” o il processo di riportare in vita specie estinte.

CRISPR, un potente strumento di copia e incolla del DNA, offre agli scienziati un modo per ricreare il codice genetico di specie estinte da tempo.

CRISPR è il cuore di una proposta per riportare in vita il Woolly Mammoth entro il 2027, guidata dall’azienda biotech Colossal.

A settembre, la società ha annunciato di aver ricevuto un finanziamento di 15 milioni di dollari e avrebbe tentato di avere i primi vitelli in “quattro o sei anni” e di riportare mandrie di mammut nell’Artico.

Il Codice Tilacino

Pask ha notato tramite CNET che il ripristino di una specie richiederebbe la comprensione del suo codice DNA dall’inizio alla fine.

Gli scienziati sarebbero quindi in grado di utilizzare CRISPR per alterare il codice delle cellule di specie correlate.

Pask ha inoltre spiegato che la tigre della Tasmania è strettamente imparentata con il dunnart simile a un topo, una specie marsupiale.

A partire da una cellula di dunnart, tutte le differenze di DNA tra le due specie possono essere modificate per trasformarla in una tigre della Tasmania.

Il passaggio iniziale è stato completato.

Nel 2017, uno studio pubblicato su Nature Ecology & Evolution ha rivelato che il team di Pask è stato in grado di decodificare l’intero genoma della tigre della Tasmania.

Pask ha stimato che il lavoro necessario per trasformare una specie in un’altra richiederà almeno un decennio e che il progresso dipenderà dai progressi tecnologici nei prossimi anni.

Leggi anche: Ecco come le specie non umane portano gli altri all’estinzione

Resuscitare i morti

Alcuni ambientalisti hanno criticato i progetti di de-estinzione, sostenendo che spendere ingenti somme di denaro per riportare in vita animali dalla morte potrebbe comportare una perdita di biodiversità.

L’argomento contro la reintroduzione delle specie è che il mantenimento delle popolazioni è costoso.

Per Pask, la tigre della Tasmania è un caso unico con evidenti vantaggi.

Era l’apice predatore del suo tempo e viveva in un ambiente che non è cambiato molto in 90 anni. Ha suggerito che potresti rimetterlo nell’ambiente e vederne immediatamente i benefici.

Articolo correlato: gli scienziati mappano il DNA, la sequenza del genoma per far risorgere potenzialmente le tigri della Tasmania estinte

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.