Ricercata tigre mangiatrice di uomini uccisa a colpi di arma da fuoco dalle autorità locali in India

85

Una tigre ricercata, conosciuta come la “mangiatrice di uomini di Champaran” e per aver ucciso almeno nove persone nel Bihar, in India, è stata abbattuta durante un’operazione che ha coinvolto centinaia di persone.

Di conseguenza, durante il fine settimana si è verificata una caccia alla tigre diffusa che ha portato alla morte dell’animale selvatico.

L’evento da solo è una delle più grandi operazioni in India contro una singola tigre, le cui ultime vittime erano una madre e suo figlio.

Mangiatore di uomini di Champaran

(Foto: DIPTENDU DUTTA/AFP via Getty Images)

La polizia indiana ha ucciso a colpi di arma da fuoco una tigre responsabile dell’uccisione di almeno nove persone nel distretto di Champaran, nello stato del Bihar.

Il mangiatore di uomini di Champaran è stato ucciso dopo che una caccia è stata effettuata da circa 200 membri delle forze di polizia e funzionari distrettuali.

Alcuni agenti di polizia hanno pattugliato mentre cavalcavano elefanti per trovarlo. La bestia è nota per aver terrorizzato le comunità nella Riserva della Tigre di Valmiki.

La caccia di massa alla tigre è durata sette ore sabato 8 ottobre ed è stata guidata dalla polizia del Bihar, che ha circondato un campo di canna da zucchero vicino al villaggio di Sitaltola Baluwa per uccidere la tigre di tre anni nota come “T-104”, che probabilmente sta per tigre n. 104.

L’operazione speciale doveva concludersi da quando il T-104, che è stato identificato come “pericoloso per la vita umana”, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia del Bihar jawan alle 15:15 ora locale di sabato, secondo il capo guardiano della fauna selvatica Bihar Prabhat Kumar Gupta, che ha detto al Times of India.

L’operazione è stata avviata poco dopo la diffusione della notizia che la tigre mangiatrice di uomini ha sbranato a morte una donna di nome Parvati Devi, 35 anni, e suo figlio Shivam Yadam, 8 anni, del villaggio di Balua.

Leggi anche: La Cina ha in programma di insegnare ai cuccioli di tigre nella “scuola materna” come essere un vero gatto selvatico

Attacchi della tigre indiana

L’India ospita oltre il 70% delle tigri selvatiche del mondo, inclusa la feroce tigre del Bengala.

Le riserve di tigri del paese dell’Asia meridionale, le aree protette dove possono vivere gli animali selvatici non si sono espanse allo stesso ritmo della crescita della sua popolazione.

Ciò ha portato alcuni dei grandi felini a inciampare negli insediamenti umani per sopravvivere, incluso il depredare il bestiame e talvolta gli umani, ha riferito la BBC.

Le tigri in India uccidono dalle 40 alle 50 persone ogni anno, secondo i dati del governo nel 2019 del Ministero indiano dell’ambiente, delle foreste e dei cambiamenti climatici.

Tra il 2015 e il 2018, i dati hanno mostrato che i seguenti stati indiani hanno subito attacchi di tigri:

  • Assam
  • Karnataka
  • Kerala
  • Madhya Pradesh
  • Maharashtra
  • Mizoram
  • Odisha
  • Tamil Nadu
  • Uttar Pradesh
  • Uttarakhand
  • Bengala occidentale

Sulla base del conteggio del governo, lo stato con il maggior numero di vittime umane è stato registrato nel Maharashtra, con sei morti nel 2015, sei nel 2016, 24 nel 2017 e 15 nel 2018.

Gli attacchi di tigri sono comuni in tutta l’India, specialmente nelle aree in cui c’è una stretta vicinanza tra la popolazione di tigri e gli insediamenti umani.

Considerata una forma estrema di conflitto uomo-fauna selvatica, gli attacchi di tigri in tutta la nazione sono aumentati negli ultimi anni.

Nell’aprile 2022, il governo indiano ha dichiarato che un totale di 108 persone sono morte a livello nazionale a causa degli attacchi di tigri tra il 2019 e il 2021, secondo il Times of India.

Articolo correlato: Animale selvatico non identificato uccide un adolescente nella riserva della tigre di Sanjay in India

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.