Salvare le lontre marine per la biodiversità

350

Le attività umane stanno causando una crisi di biodiversità che minaccia il mondo naturale. La distruzione dell’habitat, l’inquinamento, il cambiamento climatico, la diffusione di specie invasive e lo sfruttamento eccessivo della fauna selvatica hanno spinto innumerevoli specie sull’orlo del baratro. Queste minacce, come il riscaldamento del pianeta e la diffusa estinzione della fauna selvatica, non solo mettono a rischio singole specie e luoghi, ma minacciano anche l’intera rete della vita.

Poiché quasi tutte le specie sulla Terra dipendono dalla presenza e dalla salute di altre specie per sopravvivere, dobbiamo comprendere e supportare queste connessioni. Gli orsi grizzly hanno bisogno di farfalle. Le orche hanno bisogno del salmone. I furetti dai piedi neri hanno bisogno di cani della prateria. Le barriere coralline hanno bisogno degli squali. E tutte le specie, comprese le persone, hanno bisogno di aria pulita, acqua salubre e un clima sostenibile. In breve, quando salviamo le specie dall’estinzione, aiutiamo a preservare la biodiversità. E preservare la biodiversità aiuta a salvare il pianeta.

Immagine

Prendi le lontre marine. Le lontre marine funzionano come una specie chiave di volta, il che significa che la loro presenza produce un’influenza smisurata sulla produttività e sulla diversità del loro ambiente rispetto ad altre specie. In quanto principali predatori, le lontre marine mantengono l’equilibrio degli ecosistemi costieri, come le foreste di alghe, gli argini e gli estuari. Quando i commercianti di pellicce cacciarono le lontre marine fino all’estinzione nel 18° e 19° secolo, gli habitat delle alghe divennero aridi e meno ricchi di biodiversità. Liberati dal controllo dei predatori, i ricci di mare e altre specie di prede di lontre di mare hanno sovrappopolato il fondale marino e hanno devastato le grandi alghe che forniscono riparo e cibo a innumerevoli altri animali e piante marini.

Con la protezione federale, le popolazioni rimanenti di lontre marine si sono ristabilite nel corso del XX secolo in aree del loro areale storico. Gli scienziati ora comprendono l’importanza dei letti di alghe e fanerogame per sequestrare l’anidride carbonica, un gas serra prevalente, e sostenere la biodiversità nelle acque costiere. Se le chiavi di volta come le lontre marine scompaiono per sempre, potremmo non riguadagnare mai i preziosi servizi offerti dalle foreste di alghe e da altri ecosistemi ricchi di biodiversità.

Immagine

NOAA

Per fortuna, oggi sempre più persone sembrano capire quanto siano importanti le creature chiave nel sostenere la biodiversità. Solo nel mese di aprile, i generosi contribuenti della California hanno donato più di $ 110.000 al fondo statale per la ricerca e il recupero delle lontre marine. E, questo settembre, Defenders celebrerà il 20° anniversario della Sea Otter Awareness Week, una settimana dedicata a ispirare una consapevolezza più profonda di questi mammiferi marini unici, della loro importanza ecologica e delle numerose sfide che devono affrontare. La salvezza della lontra marina è solo un esempio di ciò che può accadere quando le persone si uniscono per salvare la fauna selvatica e la biodiversità.

Immagine

Giosuè Asel

Scienziati, esperti ambientali e politici hanno lanciato l’allarme sulla crisi della biodiversità, che minaccia l’estinzione di quasi un milione di specie nei prossimi decenni.

Per affrontare questi terribili avvertimenti, Defenders of Wildlife chiede l’istituzione di una strategia nazionale per la biodiversità per guidare tutti i 50 stati, agenzie governative, tribù e parti interessate private nella protezione della biodiversità della nostra nazione. Essendo l’unica specie che può scegliere di salvare la biodiversità terrestre, abbiamo la responsabilità di agire.

La Giornata internazionale per la diversità biologica è il 22 maggio. Ascolterai l’urgente richiesta di azione? Prendi l’impegno per salvare la biodiversità oggi!