Soggiorno appagante: un anno e una vita di compagnia aviaria

0
6

Con l'aumentare della lunghezza della luce del giorno e il passaggio alla primavera, so cosa aspettarmi perché ho tenuto un registro degli uccelli che ho visto nel mio cortile, con la data di ritorno FOY (Primo dell'anno) annotata per ogni specie migratrice. Con grande attesa, aspetto il pot-pourri di sorprese aviarie che arriveranno rotolando nel mio cortile, fermandomi a banchettare alle mangiatoie per colibrì con acqua zuccherata, alle mangiatoie per semi di girasole con olio nero, al famosissimo ceppo di burro di arachidi o per bere e fare il bagno la nostra vaschetta per l'acqua e il bagno per uccelli. Il "nostro" Say's phoebe potrebbe tornare in aprile, ma la magia migratoria inizia davvero a maggio, quando la nostra proprietà di vegetazione autoctona diventa un piccolo ma sicuro "sito di sosta", nel gergo della conservazione degli uccelli, per i migranti a lunga distanza come il Bullock rigogolo, tanager occidentale e grosbeak dalla testa nera. Questi uccelli appariscenti sono venuti dal Messico e dall'America centrale e abbelliranno il nostro cortile per riposare e fare rifornimento per un paio di giorni prima di continuare a nord verso i loro terreni di riproduzione. Mi chiedo sempre: dove, esattamente, hanno trascorso l'inverno e dove, esattamente, nidificano? La tecnologia all'avanguardia potrebbe essere in grado di dirci questo su alcune persone, ma ciò non smorza la mia curiosità.

Kari Cieszkiewicz / USFWS

Alcuni di questi migranti, come il colibrì dal mento nero e il pigliamosche dalla gola di frassino, faranno della nostra proprietà la loro destinazione finale e si uniranno alle specie residenti per la stagione riproduttiva, creando territori, costruendo nidi e prendendosi cura delle loro covate. Questo ritorno degli uccelli viene celebrato ogni anno a maggio (e in ottobre nei terreni di non riproduzione) attraverso la Giornata mondiale degli uccelli migratori, il caratteristico evento di sensibilizzazione ed educazione di Partners in Flight in tutte le Americhe.

Carol Beidleman / Difensori della fauna selvatica

Tuttavia, non tutto è roseo nel mondo degli uccelli. Parla con qualsiasi birder che abbia una certa età e li sentirai lamentarsi di come vedevano enormi stormi di questa specie e interi campi di quella specie, ma ora ne vedono solo un piccolo numero. La perdita dell'abbondanza di uccelli non è solo un'impressione. È supportato dalla scienza. Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Science verifica che gli uccelli americani sono in crisi. Nell'ottobre 2019, un articolo pubblicato su Science, Decline of the North American Avifauna, ha documentato che quasi il 30% dei nostri uccelli – 2,9 milioni – è scomparso dal 1970. Questa valutazione disastrosa ha motivato e galvanizzato gli amanti degli uccelli e gli ambientalisti in tutto il paese e in Occidente. Emisfero.

Per aiutare a riportare indietro tre miliardi di uccelli (che il mondo della conservazione degli uccelli chiama "BB3BB"), possiamo tutti intraprendere sette semplici azioni, secondo The Cornell Lab of Ornithology:

  • Rendi Windows più sicuro;
  • Tenere i gatti al chiuso;
  • Usa piante native;
  • Evita i pesticidi;
  • Bere caffè coltivato all'ombra;
  • Ridurre l'uso della plastica;
  • e Do Community Science.

La cosa più eccitante è che ogni persona può rendere il proprio cortile un luogo che supporti lo svernamento, la migrazione e / o la riproduzione degli uccelli, soprattutto se si dispone di vegetazione autoctona. Gli uccelli hanno bisogno di cibo, acqua, riparo, spazio e protezione dalle minacce, e questa è una formula piuttosto semplice. Ma i cortili da soli non saranno sufficienti, poiché anche gli uccelli hanno bisogno di paesaggi ampi e protetti con habitat diversi e sani per tutto il loro ciclo annuale. Quando guardi l'habitat, è utile ricordare che gli uccelli sono un indicatore importante della salute ambientale e se stai vedendo molti uccelli o diverse specie di uccelli, probabilmente ti trovi in ​​un ecosistema equilibrato poiché supporta uccelli robusti popolazioni.

Brad Sutton / NPS

Defenders of Wildlife ha affrontato le questioni della conservazione degli uccelli attraverso molte strade, sostenendo la ricerca sullo stato delle popolazioni di uccelli in pericolo, difendendo importanti leggi come il Migratory Bird Treaty Act attraverso contenziosi e commentando le azioni di gestione dell'agenzia federale che potrebbero influire negativamente sugli uccelli. Stiamo anche sostenendo e sostenendo la protezione di almeno il 30% delle terre e delle acque degli Stati Uniti entro il 2030, noto come 30×30, che aiuterà la conservazione dell'habitat vitale per gli uccelli e altri animali selvatici in pericolo. Sappiamo che l'Endangered Species Act ha portato al recupero di molte specie, tra cui il falco pellegrino e l'aquila calva, il nostro simbolo nazionale, che sono passati da poche centinaia di paia negli Stati Uniti nel 1970 a oltre 300.000 oggi. Sappiamo anche che altre importanti leggi ambientali, come il North American Wetlands Conservation Act, hanno contribuito a recuperare le popolazioni di uccelli acquatici. C'è sempre bisogno di più fondi e azioni, più sostegno politico e comunitario, più personale e volontari. Ma abbiamo ciò di cui abbiamo più bisogno, se solo possiamo sfruttarlo: l'amore che tutti hanno per la bellezza e il canto degli uccelli.

Jacob W. Frank / NPS

Poiché il mazzo di solito è contro la conservazione, e siamo ulteriormente sfidati dalla popolazione mondiale e dagli effetti crescenti dei cambiamenti climatici, mi viene spesso chiesto da coloro che non fanno parte della mia professione se trovo deprimente. Ma come posso essere malinconico quando guardo e ascolto le belle canzoni di splendidi uccelli all'aria aperta? E come posso non essere incoraggiato sapendo che i miei colleghi stanno lavorando sodo – proprio insieme a me – per proteggere queste specie straordinarie? Dal Canada ai neotropi, abbiamo una responsabilità condivisa per le specie condivise, per garantire che l'habitat sia presente per le future generazioni di uccelli e per le persone che amano guardarli. E ora che più persone stanno imparando a conoscere e apprezzare gli uccelli durante questa pandemia, abbiamo una squadra più grande!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui