Soia e deforestazione: tutto ciò che devi sapere | Uguaglianza animale

129

Negli ultimi anni gran parte della conversazione sulla soia è stata fortemente incentrata sulla deforestazione e sui cambiamenti climatici. E poiché la soia è spesso un ingrediente chiave nei pasti a base vegetale, è un malinteso comune che gli alimenti promossi come sostituti della carne e dei latticini, come il tofu e il latte di soia, stiano determinando la deforestazione. Ma qual è la verità? In questo articolo rispondiamo alle domande più cercate su Google sulla soia e sfatiamo i principali miti su questo fagiolo tanto dibattuto.

Cos’è la soia?

La soia è una specie di legume molto versatile originaria dell’Asia orientale. Arriva nei supermercati in molte forme: latte di soia, salsa di soia, tofu, tempeh, miso ed edamame sono solo alcuni esempi dei prodotti realizzati con esso.

Negli ultimi 50 anni la produzione di soia è esplosa, aumentando di oltre 13 volte! Mentre negli anni ’60 producevamo da 20 a 30 milioni di tonnellate di soia all’anno a livello globale, ora ne produciamo 350 milioni di tonnellate. Per metterlo in prospettiva, questo è l’equivalente del peso di 2,3 milioni di balene blu.

Questo boom della produzione di soia ha portato inevitabilmente a un aumento della domanda di terreni coltivati, purtroppo a scapito delle preziose foreste del nostro pianeta.

Molti potrebbero pensare che questo umile fagiolo stia guidando la deforestazione per sfamare la popolazione umana. Ma è davvero così? Prima di trarre conclusioni affrettate, dobbiamo prima capire dove viene coltivata la soia e perché esattamente la sua produzione è esplosa.

Dove viene coltivata la soia?

Il più grande produttore mondiale di soia è il Brasile, che rappresenta circa un terzo della produzione mondiale di soia.

Negli ultimi tre decenni, la produzione di soia in Brasile è cresciuta in modo esponenziale. Ma perché?

Alcuni ritengono che questa crescita sia dovuta a un aumento della domanda di prodotti a base di soia consumati da persone che seguono una dieta a base vegetale. Ciò alimenta la narrativa fuorviante secondo cui gli alimenti a base vegetale come il tofu e il tempeh e i sostituti del latte come il latte di soia sono in realtà peggiori per l’ambiente rispetto ai prodotti animali. Ma mentre esploriamo ulteriormente i fatti, è chiaro che non è così.

Infatti, solo il 7% della soia globale viene utilizzata per prodotti come il tofu e il latte di soia, mentre più di tre quarti – uno sbalorditivo 77% – viene utilizzato come mangime per animali allevati per il consumo umano.

Secondo un’analisi pubblicata dal Food Climate Research Network dell’Università di Oxford, oltre un terzo (37%) della soia globale viene trasformata in mangime per uccelli d’allevamento, compresi polli allevati per la loro carne e galline utilizzate per le loro uova; un quinto (20%) ai suini; 6% al pesce d’allevamento; e il 2% alle mucche.

Il restante 16% della soia mondiale viene utilizzato per produrre olio di soia e per scopi industriali, come i biocarburanti.

Da ourworldindata.org/soy. Fonte dei dati: Food Climate Resource Network, Università di Oxford; e database PSD USDA

Con la nostra popolazione globale in aumento e la produzione di carne più che triplicata negli ultimi 50 anni, non sorprende che la produzione di soia sia aumentata in modo così drammatico.

Quindi, sappiamo cos’è la soia, da dove viene e qual è il principale motore della sua produzione in continua crescita. Ma che dire della domanda più urgente di tutte: qual è il costo ambientale di questo boom della produzione di soia? Le foreste lussureggianti sono davvero abbattute per disboscare la terra per la piantagione di soia? Dove trovano lo spazio paesi come il Brasile per tanti milioni di tonnellate di soia?

La soia fa male all’ambiente?

Il Brasile ospita alcuni degli ecosistemi più minacciati: la foresta pluviale amazzonica; il Pantanal – la più estesa zona umida continua del pianeta; e il Cerrado – la savana più varia.

Ad oggi, abbiamo perso più del 20% della foresta pluviale amazzonica, il 25% del Pantanal e il 50% del Cerrado a causa della deforestazione. La situazione è così allarmante che, per la prima volta in assoluto, la foresta pluviale produce più anidride carbonica di quanta ne possa assorbire.

Poiché il Brasile è uno dei maggiori produttori mondiali di soia, la deforestazione nel paese è all’ordine del giorno.

Con la produzione di soia in forte aumento, c’è stato un urgente bisogno di terra e si è dimostrato impossibile tenere il passo con la produzione in modo sostenibile.

L’area utilizzata per coltivare la soia in tutto il mondo è più che quadruplicata! Guardando in particolare al Brasile, è triplicato.

Ma questo è stato a scapito della foresta pluviale amazzonica e degli altri ecosistemi del Brasile?

E mentre la produzione di soia sta devastando la terra e le risorse naturali del nostro pianeta, non è l’unica. Secondo uno studio pubblicato da Science Advances, il principale motore della deforestazione è infatti l’espansione dei pascoli per l’allevamento di mucche da carne.

La soia è un fattore chiave per la perdita di foreste, non per i prodotti a base vegetale, ma per sostenere l’industria dell’agricoltura animale distruttiva e nutrire i miliardi di animali allevati ogni anno.

Da ourworldindata.org/soy. Fonte dei dati: Tipi e tassi di disturbo forestale nell’Amazzonia legale brasiliana, 2000–2013. Progressi scientifici, 3, e1601047.

Che si tratti di liberare la terra per il pascolo delle mucche o di piantare soia per l’alimentazione animale, oggi l’agricoltura animale è responsabile di oltre l’80% della deforestazione in Brasile.

Dal 2013, il tasso di deforestazione in Brasile è in aumento. Nel 2019, il numero di incendi provocati dall’uomo in Amazzonia è aumentato dell’84% e da allora questi tassi non sono diminuiti.

Guarda la nostra indagine sulle foreste amazzoniche bruciate per l’industria dell’agricoltura animale

Cosa sai fare?

Come hanno dimostrato diversi studi, la stragrande maggioranza della deforestazione in Brasile è guidata dall’industria della carne.

Poiché l’agricoltura animale è la principale causa di deforestazione e perdita di habitat, il modo migliore per combattere queste catastrofi ambientali è smettere di mangiare prodotti animali. Come consumatori, teniamo il potere nelle nostre mani e nei nostri portafogli.

Milioni di persone negli Stati Uniti e in tutto il mondo sono passati a una dieta sostenibile a base vegetale. Insieme, stiamo contribuendo ad accelerare la transizione verso un nuovo sistema alimentare che protegga gli animali e il pianeta.