Sparare il sangue dai loro occhi non spaventa il commercio di animali domestici: le lucertole cornute del deserto hanno bisogno di protezioni CITES

47

Un formichiere rettile e un re in mimetismo, le lucertole cornute del deserto sono una specie amata endemica degli Stati Uniti e del Messico. Una piccola lucertola, colloquialmente chiamata “rospo cornea” per i suoi lineamenti piatti, era abbastanza comune da far parte di molte storie d’infanzia, ma sta diventando sempre più difficile da trovare.

Immagine

TPWD

A causa del loro aspetto, dimensione e temperamento unici e di un meccanismo di autodifesa piuttosto drammatico per sparare sangue dalle orbite, le lucertole cornute del deserto sono state popolari nell’industria degli animali domestici e sono scambiate a migliaia a livello internazionale. Secondo il Fish and Wildlife Service (FWS) degli Stati Uniti, tra il 2016 e il 2020 più di 23.000 lucertole cornute, di 10 specie diverse tra cui la lucertola cornuta del deserto, sono state intrappolate, imballate e spedite dai loro ambienti nativi.

Con le ulteriori minacce derivanti dalla perdita dell’habitat, dall’aumento dell’uso di veicoli fuoristrada, dalle formiche e dalle piante invasive e dai cambiamenti climatici, quest’anno gli Stati Uniti hanno proposto di aggiungere le lucertole cornute del deserto all’Appendice II alla Conferenza delle Parti della Convenzione sulla Commercio internazionale di specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES COP19) a novembre.

Immagine

Cliff Hance

La protezione di queste lucertole è di fondamentale importanza poiché il mondo affronta la doppia minaccia della perdita di biodiversità e del cambiamento climatico e l’incredibile perdita di un milione di specie nei prossimi decenni.

Con il Messico che rafforza gli sforzi per proteggere tutte le 21 specie di lucertole cornute minacciate dal commercio di animali domestici, tra cui la lucertola cornuta dalla coda rotonda, la lucertola cornuta dalla coda piatta e la lucertola pigmea dalle corna corte, il potenziale per implementare normative significative intorno al commercio di questi lucertole alla CITES COP19 di quest’anno è alta.

Immagine

Robb Hannawacker/NPS

Uno sforzo così espansivo da parte di un paese ricco di biodiversità come il Messico si riflette in molte altre proposte di specie, un aspetto relativamente unico per la convenzione di quest’anno. I paesi non stanno semplicemente proponendo una o due specie all’interno di un genere, ma invece dozzine e, nel caso di alcune rane, tartarughe e alberi neotropicali, centinaia di specie a rischio.

I Defenders of Wildlife continueranno a sostenere normative più severe del commercio internazionale di fauna selvatica e assisteranno paesi come Messico, Costa Rica e Stati Uniti affinché le loro proposte per lucertole cornute e altri come tartarughe di montagna, razze d’acqua dolce, squali e rane di vetro siano adottate in Novembre. La comunità globale e i paesi membri di convenzioni e trattati internazionali, come la CITES e la Convenzione sulla diversità biologica, non possono perdere questi momenti critici per proteggere l’inestimabile biodiversità del pianeta.