Squali che frequentano le coste rivelate nello studio di Miami

275

Le coste di tutto il mondo si stanno rapidamente urbanizzando, ma non è chiaro come questa maggiore presenza umana influenzerà varie specie marine.

In un nuovo studio condotto da scienziati della Rosenstiel School of Marine and Atmospheric Science dell’Università di Miami, i ricercatori hanno seguito i movimenti di tre specie di squali a Miami, vale a dire l’infermiera, il toro e il grande martello.

Fauna selvatica e aree urbane

Il team si aspettava che gli squali evitassero le aree vicino alla città a causa dell’inquinamento luminoso, chimico e acustico che emana dalla metropoli costiera.

Tuttavia, hanno osservato che non era affatto così.

Procioni e piccioni, ad esempio, prosperano nelle città. Queste specie di “sfruttatori urbani” sono diventate sempre più dipendenti dai rifiuti umani per il cibo.

Altri animali, noti come “adattatori urbani”, possono utilizzare le aree urbanizzate solo in una certa misura, ma fanno ancora affidamento sugli habitat naturali.

Alcune specie, come i predatori terrestri come i lupi, sono estremamente sensibili ai disturbi umani. Le grandi città vengono evitate da questi “evitatori urbani”.

Neil Hammerschlag, l’autore principale dello studio e direttore dell’UM Shark Research and Conservation Program, ha affermato che il suo team è rimasto sorpreso nello scoprire che gli squali che hanno rintracciato hanno trascorso così tanto tempo vicino ai suoni e alle luci della città.

Hanno scoperto che gli squali sono spesso vicino alla riva, a qualsiasi ora del giorno.

I ricercatori hanno concluso che i comportamenti degli squali seguiti erano simili a quelli degli “adattatori urbani” e che gli squali possono essere attirati a riva da attività terrestri, come lo scarto delle carcasse di pesce, che è un’attività commerciale.

Le frequenti visite degli squali cingolati nelle aree urbanizzate possono avere conseguenze sia per gli umani che per gli squali.

Hammerschlag ha sottolineato che gli squali sono a rischio di pesca e di inquinanti tossici perché trascorrono così tanto tempo vicino alla riva, il che potrebbe avere un impatto sulla loro salute e sopravvivenza.

Mentre i morsi di squalo sugli esseri umani sono rari, lo studio ha identificato le aree vicino alla riva che gli utenti umani dell’acqua dovrebbero evitare per ridurre il rischio di un incontro negativo con gli squali e promuovere la convivenza uomo-squalo, riferisce Science Daily.

Leggi anche: Gli avvistamenti di squali elefante diminuiscono al largo della costa della California: conferma un nuovo studio

Spiegazione degli squali

Secondo il National Geographic, gli squali possono essere trovati sia in acque profonde che poco profonde in tutti gli oceani del mondo, con alcune migrazioni a grandi distanze per riprodursi e nutrirsi.

Alcune specie vivono da sole, mentre altre si aggregano in vari gradi. Ad esempio, è stato osservato che gli squali limone socializzano in gruppo.

Gli scienziati stanno ancora cercando di capire per quanto tempo vivono gli squali e solo un piccolo numero di specie di squali è stato studiato.

Lo squalo della Groenlandia, con una durata di 272 anni, è il vertebrato più longevo del mondo.

La maggior parte degli squali mangia piccoli pesci e invertebrati, ma alcune delle specie più grandi cacciano foche, leoni marini e altri mammiferi marini.

Le popolazioni di squali si stanno riducendo a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua e dello sviluppo costiero, che stanno distruggendo le mangrovie e le barriere coralline che gli squali usano per riprodursi, cacciare e proteggere i giovani cuccioli di squalo.

Un calo dei numeri è una cattiva notizia non solo per gli squali, ma anche per la salute degli oceani in generale: in quanto grandi predatori dell’oceano, gli squali sono fondamentali per mantenere una rete alimentare equilibrata.

Articolo correlato: L’operazione di pattuglia degli squali si è mobilitata a Long Island in seguito agli avvistamenti di squali

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.