Un nuovo sensore a basso costo consente agli scienziati di monitorare da remoto i nidi e stimare quando i piccoli emergeranno praticamente durante il giorno

39

Gli scienziati possono ora monitorare a distanza i nidi e prevedere quasi esattamente quando emergeranno i piccoli grazie a un nuovo sensore a basso costo modellato su un uovo di tartaruga marina.

Queste informazioni sono fondamentali per la gestione dei nidi di tartarughe e gli sforzi di conservazione.

Lo studio è stato condotto da Samuel Wantman di Nerds Without Borders e Erin Clabough dell’Università della Virginia. Sarà pubblicato il 26 ottobre sulla rivista ad accesso aperto PLOS ONE

L’uso di TurtleSense

(Foto: Olga ga/Unsplash)

Le attività umane stanno facendo diminuire il numero di tartarughe marine in tutto il mondo; le tartarughe marine caretta, verde, embricata, Kemp’s Ridley, Leatherback e Olive Ridley sono tutte considerate specie minacciate, secondo ScienceDaily.

Per garantire che i piccoli vulnerabili viaggino verso il mare piuttosto che verso le luci delle città, la maggior parte delle iniziative di conservazione delle tartarughe marine si concentra sulla loro salvaguardia una volta emerse.

I conservazionisti possono monitorare il nido e calcolare i giorni da quando sono state deposte le uova per stimare quando si schiuderanno, ma questo è errato e richiede tempo.

Per indagare se potevano stimare in modo più corretto quando le tartarughe si schiuderanno dal nido, i ricercatori hanno utilizzato la tecnologia TurtleSense per tenere d’occhio i nidi di tartarughe caretta sulla spiaggia nazionale di Cape Hatteras.

Hanno posizionato un piccolo sensore delle dimensioni di un uovo all’interno del nido e hanno collegato un cavo a una torre di comunicazione in modo che potessero trasmettere informazioni sul movimento dei piccoli a distanza.

Gli scienziati hanno scoperto uno schema di vigorosa attività dei piccoli all’interno del nido, seguito da una pausa, che ha permesso loro di prevedere praticamente con precisione il giorno in cui le giovani tartarughe sarebbero emerse dalla sabbia.

Le loro scoperte implicano che i piccoli possono riconoscere il movimento, il che consente loro di comunicare e muoversi come gruppo.

Inoltre, il sistema ha individuato correttamente i nidi non vitali in modo che il monitoraggio non fosse più necessario.

Il nuovo sistema TurtleSense può ridurre il tempo e il denaro spesi per tenere traccia dei nidi di tartarughe in via di estinzione, aiutando anche gli ambientalisti a gestire i nidi in modo più efficace.

L’approccio può anche ridurre la lunghezza delle chiusure delle spiagge e consentire alle località di promuovere l’ecoturismo incentrato sulle tartarughe marine, il che è vantaggioso sia per l’area locale che per gli sforzi di conservazione delle tartarughe marine.

Mentre i ricercatori hanno monitorato i nidi di Olive Ridley e Green Turtle così come i nidi di tartarughe caretta per questo studio, hanno osservato modelli comparabili, indicando che la tecnica funzionerà per una varietà di specie di tartarughe marine.

Erin Clabough ha continuato: “Guardare le tartarughe appena nate alzare la testa dalla sabbia e precipitarsi verso l’oceano è davvero sorprendente, ma è anche un evento imprevedibile.

Il sistema TurtleSense è una soluzione innovativa a basso costo che ci consente di rilevare da remoto come le tartarughe sincronizzano il movimento di sviluppo all’interno del loro nido in tempo reale.

Il sistema può essere utilizzato per rilevare la schiusa e prevedere meglio quando i piccoli emergeranno sulla spiaggia.

Leggi anche: Invasive tartarughe a guscio molle cinesi trovate nelle Filippine, gli esperti di biodiversità iniziano a preoccuparsi

Tassi di sopravvivenza dei piccoli di tartaruga

È un’esperienza emotiva vedere un cucciolo di tartaruga (noto come “hatchling”) che lotta fuori dal suo nido e si fa strada verso l’acqua, come per SeeTurtles.

Tutto, dalle impronte ai legni e ai granchi, è un ostacolo, ma questa fatica è necessaria per la sopravvivenza.

Uccelli, procioni e pesci sono solo alcuni dei predatori che queste creature vulnerabili devono affrontare; gli esperti stimano che solo uno su mille sopravviverà fino all’età adulta in natura.

Secondo le stime, solo uno su 1.000 piccoli sopravviverà fino all’età adulta.

I piccoli di tartaruga marina consumano una vasta gamma di prede, inclusi molluschi e crostacei, idrozoi, alghe sargassum, meduse e uova di pesce.

Sfortunatamente, i piccoli scambiano spazzatura e oggetti come palline di catrame per cibo e li consumano.

I piccoli di liuto e dorso piatto sono molto più grandi di quelle altre specie di tartarughe marine.

Anche come piccoli, le tartarughe liuto sono pelagiche (vivono in acque libere) e le loro dimensioni maggiori aiutano nella regolazione della temperatura.

Quando i piccoli emergono dal nido, usano l’orizzonte di luce naturale, che di solito è sopra l’oceano, così come le creste bianche delle onde, per raggiungere l’acqua.

Altre fonti di luce, come l’illuminazione della spiaggia, i lampioni, la luce delle auto, i fuochi da campo e così via, possono portare fuori strada i piccoli, causando disorientamento.

I piccoli affrontano una varietà di predatori una volta che lasciano il nido, inclusi granchi fantasma, uccelli, procioni, cani e pesci.

Molti scienziati temono che l’aumento delle temperature globali causerà una sabbia più calda, con il risultato di avere più femmine di tartarughe che maschi.

Articolo correlato: Squilibrio inquietante: la maggior parte delle tartarughe marine si trasforma in femmine a causa del cambiamento climatico

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.