Un nuovo studio sui topi identifica l’ormone antietà in grado di aumentare la durata della vita

45

I pasti a basso contenuto proteico sembrano migliorare la forma fisica e i tassi di sopravvivenza di ratti, moscerini della frutta e persino funghi.

Una recente ricerca sui topi ha scoperto un enzima solitario necessario per questi strani benefici antietà. Il fegato secerne la proteina nota come fattore di crescita dei fibroblasti 21.

Gli effetti anti-età di FGF21 nei topi

Secondo la ricerca attuale, FGF21 reagisce alla limitazione dei peptidi nei roditori maschi, aumentando il tasso metabolico e la sensibilità all’insulina e diminuendo la massa muscolare. Lo stesso gruppo di ricercatori ha scoperto che FGF21 è essenziale anche per le azioni antietà.

Nella loro intervista con ScieceAlert, gli esperti che lavorano nello studio hanno spiegato che in effetti, i roditori con difetti di FGF21 non sono semplicemente immuni ai vantaggi medici del vincolo proteico, ma dimostrano allo stesso modo una dieta a esordio precoce, una maggiore infermità e una ridotta longevità quando somministrati un pasto a basso contenuto proteico.

Le ultime scoperte implicano che i benefici per la longevità della restrizione dei peptidi si basano su un particolare enzima, qualcosa che è anche prevalente nelle persone.

Il Pennington Biomedical Research Center ha anche trattato lo studio affermando che, sebbene non sia sicuro se l’FGF21 abbia una funzione paragonabile nelle persone a quella dei roditori, la ricerca sulle forme di vita rivela che i pasti a ridotto contenuto di proteine ​​​​e ricchi di carboidrati possono avere vantaggi rispetto alla risposta al trattamento. Questi alimenti nutrizionalmente densi hanno anche un effetto sui livelli di FGF21 nel sangue.

Gli esperimenti sui roditori stanno aiutando i ricercatori a comprendere appieno l’impatto che questa sostanza ha nel sistema. I roditori maschi con l’enzima FGF21 spazzato via e successivamente servito un pasto a basso contenuto proteico avevano una vita prevista più breve rispetto ai soggetti di controllo con cibo simile.

Mentre come mostrato nello studio pubblicato sotto il sito web di Nature Communications, i topi privi dell’enzima FGF21 si sono sviluppati per essere più grandi e relativamente snelli nel complesso. Secondo gli inquirenti, avevano completamente sperperato il loro controllo della glicemia. Poiché questi roditori invecchiavano normalmente, hanno gradualmente perso peso corporeo prima, diventando fisicamente più deboli molto più rapidamente rispetto ai roditori con alleli FGF21 intatti.

Leggi anche: Feti di serpente che imparano a cacciare mentre sono ancora nel grembo materno

Aumento della durata della vita dei topi

Secondo i ricercatori, i roditori maturi che generavano FGF21 sembravano più in forma e molto più intellettualmente resistenti a un pasto a basso contenuto proteico a lungo termine. I loro cappotti non erano sfilacciati o irregolari come quelli dei topi privi dell’enzima FGF21.

In poche parole, i dati indicano che la limitazione del cibo migliora la debolezza nei topi trattati mentre maturano e che questo meccanismo è regolato dal fattore di trascrizione FGF21.

FGF21 ha diverse funzioni, ma tra queste c’è il controllo dell’ingestione di carboidrati e il modo in cui questo enzima interagisce con specifici nutrienti importanti ha un effetto sul sistema nervoso.

Uno studio precedente dei suddetti ricercatori ha scoperto che i pasti a basso contenuto proteico a lungo termine aumentavano l’attività dell’FGF21 nel cervello del topo, inducendo le persone a raccogliere pasti a ridotto contenuto di proteine ​​​​e zucchero e più ricchi di aminoacidi quando viene offerta una scelta.

Secondo il neuroscienziato Christopher Morrison della Louisiana State University, i risultati raccomandano che FGF21 comunichi con il sistema nervoso centrale e che senza questo sensore la creatura non “capisce” che sta ingerendo una nutrizione a basso contenuto proteico e, di conseguenza, il topo trascura di acclimatare i suoi livelli di energia o apporto nutritivo.

Le scoperte potrebbero spiegare perché limitare l’assunzione di macronutrienti potrebbe aumentare la longevità dei topi. Va notato, tuttavia, che questa indagine ha esaminato esclusivamente gli animali in natura. I topi femmine potrebbero generalmente rispondere in modo altrettanto forte a pasti identici, secondo Science Direct.

Tuttavia, questa è l’indagine iniziale per scoprire un enzima specifico che regola i benefici favorevoli di un pasto a basso contenuto proteico.

Articolo correlato: Parassita microscopico trovato in grado di infettare permanentemente qualsiasi mammifero in tutti i continenti

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.