Un nuovo virus è stato identificato in Cina ma gli scienziati affermano che non è fatale

42

Un virus animale nuovo di zecca con potenziale di infezione umana è stato scoperto nella Cina orientale.

Tuttavia, poiché il virus non sembra essere particolarmente contagioso e non sembra essere letale, gli scienziati hanno affermato di non essere preoccupati.

Il nuovo virus identificato in Cina

(Foto: FRANK RUMPENHORST/DPA/AFP via Getty Images)

Il virus, noto come Langya henipavirus (LayV), è strettamente correlato ad altri due henipavirus noti per infettare le persone, il virus Hendra e il virus Nipah, secondo Nature.

Può produrre sintomi respiratori come febbre, tosse e stanchezza. Questi possono essere letali e causare anche infezioni respiratorie.

I ricercatori ritengono che i toporagni, che potrebbero aver infettato l’uomo o indirettamente attraverso un altro animale, siano portatori del virus LayV.

Il 4 agosto, il New England Journal of Medicine1 ha descritto il virus.

Solo 35 persone sono state infettate da LayV, secondo i ricercatori, e nessuno dei casi sembra essere collegato.

Edward Holmes, un virologo evoluzionista presso l’Università di Sydney in Australia, ha affermato che non vi è alcun motivo particolare per essere preoccupati per la nuova scoperta, ma la sorveglianza continua è vitale.

Per comprendere il rischio di malattie zoonotiche, o di quelle che possono essere trasmesse da altri animali all’uomo, ha affermato, sia le persone che gli animali dovrebbero essere regolarmente testati per nuovi virus.

Secondo Emily Gurley, un’epidemiologa di malattie infettive presso la Johns Hopkins University di Baltimora, nel Maryland, epidemie significative di malattie infettive spesso iniziano dopo numerose false partenze.

Le persone sono in una posizione molto migliore per fermare o identificare qualcosa in anticipo se stanno attivamente cercando quelle scintille, ha detto il ricercatore.

Tra aprile 2018 e agosto 2021, il team di ricerca che ha scoperto LayV ha monitorato i pazienti in tre ospedali nelle province cinesi orientali di Shandong e Henan.

Se un partecipante aveva la febbre, veniva invitato a partecipare allo studio.

I ricercatori hanno scoperto 35 individui infetti da LayV, prevalentemente agricoltori, durante l’indagine, con sintomi che vanno da una grave polmonite a una tosse.

In un questionario, la maggior parte dei pazienti ha riconosciuto di essere entrata in contatto con un animale entro un mese dallo sviluppo dei sintomi.

I ricercatori hanno cercato anticorpi LayV in capre, cani, maiali e bovini che vivevano nei villaggi di pazienti infetti e hanno raccolto campioni di tessuto e urina da 25 specie di piccoli animali selvatici per cercare l’RNA LayV.

Hanno trovato anticorpi LayV in alcune capre e cani e hanno trovato RNA virale LayV nel 27% dei 262 toporagni campionati.

Secondo Gurley, questo ha dimostrato che i toporagni sono un serbatoio di virus, diffondendo LayV tra loro e occasionalmente infettando accidentalmente le persone.

Inoltre, secondo Gurley, non è chiaro se le persone abbiano contratto la malattia direttamente dai toporagni o attraverso una specie intermedia.

Pensa che siano ancora necessarie molte ricerche per determinare come si diffonde il virus nei toporagni e in che modo gli esseri umani vengono colpiti.

Per prevenire eventuali pandemie come quella provocata da COVID-19, Holmes afferma che è urgente un sistema di sorveglianza globale per rilevare le ricadute del virus e diffondere rapidamente tali risultati.

Questi eventi di spillover zoonotici si verificano frequentemente, ha affermato.

Leggi anche: I pipistrelli sono un serbatoio globale di coronavirus mortali

Come si diffonde il virus Langya e come trattarlo?

Poiché il virus Langya è un’infezione zoonotica, si diffonde dagli animali alle persone.

Tuttavia, poiché nessuno dei casi in Cina era vicino l’uno all’altro, i professionisti medici ritengono che la trasmissione del virus da uomo ad animale sia ancora rara, secondo Euronews.next.

Il virus è stato indubbiamente trasferito da un animale a un essere umano, ma non si sa ancora se sia addirittura concepibile una trasmissione da uomo a uomo.

Il tracciamento dei contatti di 9 pazienti con 15 familiari stretti non ha mostrato alcuna diffusione del virus, secondo i ricercatori cinesi.

Gli stessi ricercatori, tuttavia, sostengono che il campione esaminato non è sufficiente per concludere se è probabile che si verifichi una trasmissione da uomo a uomo.

I vaccini contro l’henipavirus non sono ancora disponibili per l’uomo, tuttavia esiste una vaccinazione per cavalli contro il virus Hendra.

Articolo correlato: Monkeypox: come proteggersi dal virus e cosa fare in caso di sintomi

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.