Un sito di macellazione di mammut di 37.000 anni scoperto nel New Mexico potrebbe essere la prova più antica dell’esistenza di esseri umani

50

Secondo uno studio controverso su un’area di macellazione di mammut di 37.000 anni scoperta nel New Mexico, questa potrebbe rappresentare la più antica prova dell’umanità in Nord America.

La più antica prova di esseri umani

Secondo le ultime ricerche, alcuni dei resti nel luogo mostrano tracce di essere stati elaborati da persone o forse utilizzati come armi, il che è tra la documentazione adeguata più forte conosciuta che gli esseri viventi sbarcarono in Nord America molto prima di quanto i ricercatori fino ad ora ipotizzassero, Lo ha riferito la CNN.

Se le ipotesi della lega riguardo alle precedenti attività nell’area fossero corrette, quasi triplicherebbe il periodo storico in cui le persone hanno abitato il Nord America.

Tuttavia, individuare il periodo preciso in cui l’umanità è emersa apparentemente in Nord America è diventato un argomento controverso nelle ultime generazioni, con ricerche comparabili considerate non convincenti. Diversi scienziati dubitano anche delle ipotesi della lega basate sui resti dei mammut.

Un’indagine del 2017 su una raccolta comparabile di resti di mammut situata a San Diego pubblicata sulla rivista Frontiers in Ecology and Evolution, ha scoperto che i resti erano posseduti dall’umanità e potrebbero essere precedenti a circa 130.000 anni prima, il che implica che le persone esistono da oltre dieci volte più lungo di quanto si pensasse inizialmente.

Lauriane Bourgeon, una paleontologa dell’Università del Kansas che si occupa esclusivamente di frammenti ossei dell’antichità, come i mammut, e tuttavia non è stata associata alla ricerca, in un’e-mail a Live Science ha detto che gli scienziati hanno chiaramente una linea temporale abbastanza forte per i mammut ‘ passando, tuttavia mancano prove conclusive dell’interazione senziente.

A volte è difficile attribuire resti preistorici ad attività antropogeniche poiché cicli biologici come corrosione, calpestio e accatastamento dei depositi possono creare tipi di degrado paragonabili ai resti.

Mentre Justin Tackney, un biologo evoluzionista dell’Università del Kansas che si concentra principalmente nelle abitazioni permanenti delle Americhe e che non è stato associato all’indagine, ha affermato che è solo chiaramente radicato che le persone pre-Clovis furono le prime persone a risiedere in Nord America, e potrebbero essere direttamente collegati con circa 16.000 anni, secondo Newsweek.

Prima di data odierna, la prova più convincente di un accampamento pre-LGM per antenati pre-Clovis è arrivata dalla ricerca del 2021 del Journal of Early Human Migration And Dispersal che ha trovato un paio di 60 tracce umanoidi nude scoperte nella White Sands Wildlife Reserve del New Mexico.

Leggi anche: Il cambiamento climatico può causare focolai e malattie patogene negli esseri umani, afferma una nuova recensione

Vecchio sito di macellazione in Nord America

Nel limo che circonda i resti è stato rilevato anche carbone cristallizzato proveniente da quello che gli esperti ritengono fosse un camino, probabilmente destinato a preparare la carne di mammut oltre a vari mammiferi della fattoria.

Gli scienziati ammettono che alcuni specialisti potrebbero essere sospettosi dei loro risultati, in particolare se esaminati separatamente, tuttavia ritengono che quando tutti i dati scoperti nell’area di Hartley vengono combinati, ritraggono una rappresentazione convincente della presenza umana.

Fino agli anni 2000, l’indagine archeologica indica che i Clovis, una popolazione di ominidi preistorici caratterizzati da armi insolitamente modellate, furono i primi abitanti ad arrivare in Nord America circa 13.000 anni fa.

Secondo il rapporto, non tutti questi fiocchi e micro fiocchi potrebbero essere assegnati a scheletri particolari, tuttavia vi è indicazione che sono stati tagliati forse trasversalmente o orizzontalmente ad alcuni del sistema scheletrico, indicando anche che non sono stati formati a caso da cicli biologici .

Tra i resti di mammut sono stati scoperti anche un’enorme roccia e numerosi massi delle dimensioni di un pugno, e gli studi suggeriscono che questi potrebbero essere stati usati per aiutare a frantumare e distruggere i frammenti ossei.

Secondo NBC News, molti degli scheletri sembravano essere stati modellati in lame improvvisate, probabilmente impiegate per massacrare i mammut. Gli studi hanno esplorato i resti scoperti nel sito di Hartley impiegando una varietà di metodi, in particolare scansioni TC ad alta risoluzione e microscopia elettronica, nella presente indagine.

Articolo correlato: I cadaveri trovati a Lake Mead sono diventati “insaponati” mentre i livelli dell’acqua diventano i più bassi di sempre

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.