Un uomo di New York è stato accusato di aver contrabbandato pitoni nei suoi pantaloni al confine con il Canada

70

Un uomo di New York è stato accusato di aver contrabbandato tre pitoni birmani nei suoi pantaloni mentre viaggiava attraverso il valico di frontiera tra Stati Uniti e Canada.

Il newyorkese rischia una pena massima di 20 anni di carcere e una multa fino a $ 250.000 per aver violato sia le leggi internazionali che i regolamenti federali degli Stati Uniti sul possesso illegale e sul traffico di animali selvatici, tra cui i pitoni birmani.

Contrabbando di pitoni di frontiera canadesi

(Foto: Foto di CHANNA KHANNA/AFP via Getty Images)

L’uomo di New York di nome Calvin Bautista, 36 anni, è stato accusato dalle autorità locali di aver portato i serpenti nascosti su un autobus che ha attraversato il nord di New York nel luglio 2018.

L’accusa si basava sull’importazione di pitoni birmani che è regolata da un trattato internazionale e da leggi locali che li elencano come “dannosi per gli esseri umani”, ha riferito NBC News.

Secondo quanto riferito, Bautista, originario del Queens, New York, è stato citato in giudizio ad Albany martedì 4 ottobre per l’accusa federale di contrabbando ed è stato rilasciato in attesa del processo.

Questo è secondo un comunicato stampa dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti Carla B. Freedman, citato da NBC News.

Leggi anche: I biologi hanno scoperto come crescono e si evolvono i pitoni birmani

Pitoni birmani

I pitoni birmani (Python bivittatus) sono considerati uno dei serpenti più grandi del mondo.

Originaria dell’Asia, questa specie di serpente è considerata invasiva in Florida, dove minaccia la popolazione di animali nativi.

Negli anni precedenti, è stato riferito che le specie invasive hanno colonizzato gli ecosistemi naturali del Sunshine State per decenni, una storia che è stata anche trattata da Natural World News nel novembre 2021.

I pitoni predano piccoli mammiferi e sono concorrenti di altre specie autoctone per il cibo.

Li ha resi una delle crescenti preoccupazioni del sud della Florida dagli anni ’80.

Il grande constrictor non velenoso si trova principalmente all’interno e intorno all’ecosistema delle Everglades nel sud della Florida, dove fino ad ora rimane una minaccia per la fauna selvatica autoctona, secondo la Florida Fish and Wildlife Conservation Commission (FWC).

Il numero esatto di pitoni birmani in Florida rimane sconosciuto.

Tuttavia, rapporti non confermati hanno suggerito che la sua popolazione potrebbe essere più di 100.000 in tutto lo stato.

Secondo Newsweek, la terribile reputazione dei pitoni nel competere con la fauna selvatica nativa per il cibo ha portato alla diminuzione delle popolazioni di mammiferi nativi nelle Everglades.

Specie invasive e vulnerabili

Il pitone birmano è un predatore notturno che uccide la sua preda per costrizione.

È il più grande e più dipendente dall’acqua tra il complesso Python molurus, anche se vive sulla terra o sugli alberi durante i suoi anni giovanili, ha affermato l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

In particolare, questi serpenti invasivi minacciano specie autoctone di anfibi, uccelli, pipistrelli, lucertole e altri serpenti.

Rappresenta anche una minaccia per gli esseri umani, in particolare i bambini piccoli, così come gli animali da compagnia.

Gli sfuggenti rettili sono anche in grado di danneggiare le attività agricole.

Ci sono anche diversi attacchi documentati di pitoni adulti su caimani adulti, capre, maiali e persino proprietari di animali domestici.

Nonostante la natura temibile dei pitoni birmani, sono ancora classificati nella categoria “vulnerabili” dalla Lista Rossa IUCN.

Articolo correlato: I pitoni birmani invadono gli ecosistemi naturali della Florida, terrorizzando le specie native dello stato

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.