Una nuova analisi sui fossili dei pinguini rivela come hanno abbandonato il volo per nuotare

67

I pinguini sono più riconosciuti come uccelli incapaci di volare con le ali che consentono loro di “volare” attraverso i mari ghiacciati dell’Antartide.

Tuttavia, i pinguini hanno perso la capacità di volare e si sono evoluti per avere pinne idrodinamiche 60 milioni di anni prima, ma gli esperti hanno finalmente scoperto come ciò sia avvenuto.

I pinguini abbandonano il volo per nuotare

Una delle prime ricerche sulle reliquie dei pinguini e sul DNA dei pinguini contemporanei e recentemente estirpati ha scoperto una serie di modifiche genomiche che la specie ha progettato per sopravvivere a un’esistenza acquosa, che vanno dai geni collegati alla funzione respiratoria alle alterazioni della forza ossea, ha riportato Live Science.

I risultati hanno suggerito che i pinguini come specie si siano sviluppati per resistere ai principali cambiamenti climatici che si sono verificati nel corso di eoni.

Secondo gli esperti, la progressione ha prodotto un gruppo disordinato di storie intriganti sui pinguini, che vanno dai pinguini con lunghi becchi a forma di lancia ai pinguini con le ali rosse agli uccelli che sono rimasti un piede per terra o due più alti delle più grandi forme di vita dei pinguini moderni, il monarca, che è alto circa 3 piedi e 7 pollici.

Quei tipi di uccelli che si riproducono a un livello paragonabile ai pinguini si sviluppano abbastanza velocemente, quindi sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire perché i pinguini sono così lenti ad adattarsi.

Secondo Headtopics, i ricercatori hanno affermato che i pinguini possiedono una serie di tratti con alcuni uccelli simili incapaci di volare che probabilmente hanno diminuito le loro ali, così come alleli distintivi che potrebbero aver convertito molti dei muscoli nei lembi degli antenati dei pinguini in legamenti, irrigidendo le punte delle ali dei pinguini e rendendoli più simili a pagaie.

Gli autori hanno ulteriormente studiato i documenti archeologici, nonché il DNA di tutti gli uccelli marini ancora vivi e i geni incompleti di quelli che sono morti naturalmente negli ultimi 200 anni per l’indagine.

Tuttavia, alcune specie più grandi dei pinguini si sviluppano più velocemente dei pinguini. I pinguini erano stati incapaci di volare durante l’epoca, sebbene si fossero distinti notevolmente dagli attuali pinguini.

Leggi anche: La nuova macchia solare cresce di tre volte in un solo giorno

Indagine sul fossile di pinguino

Questo è particolarmente vero per gli animali che vivono in un ambiente specializzato, come i pinguini imperatori (Aptenodytes forsteri), che si riproducono esclusivamente sul ghiaccio artico.

In realtà non colpisce tutti gli animali in modo uniforme, tuttavia è quasi come se qualcuno stesse girando una vite per creare ulteriori tipi di pinguino. Se il ghiaccio marino scompare, i pinguini imperatori potrebbero soffrire per individuare gli habitat di accoppiamento.

Le creature e le specie più grandi che si riproducono raramente, come i pinguini, hanno velocità di sviluppo più deboli, afferma. Nonostante tutte le modifiche, i pinguini hanno la velocità genetica di adattamento relativamente lenta di qualsiasi uccello, secondo uno studio pubblicato il 19 luglio sulla rivista Nature Communications.

Una scoperta intrigante è stata che i pinguini hanno perso numerosi marcatori genetici con l’elaborazione dei carapaci di crostacei inizialmente nella loro storia.

I pinguini divisi si erano sviluppati in numerosi organismi nel periodo in cui il ghiaccio si è ritirato. I risultati indicano che i pinguini sono apparsi per la prima volta in quella che oggi è la Nuova Zelanda prima di 60 milioni di anni fa, poi si sono diffusi in Sud America e in Antartide fino al ritorno in Nuova Zelanda, Flipboard ha aggiornato.

Lo spostamento dei ghiacciai ha spinto i pinguini verso nord, forse isolando alcune colonie e consentendo loro di seguire le loro traiettorie di sviluppo separate per circa 100.000 anni.

Gli scienziati hanno anche scoperto cambiamenti nei geni legati alla ritenzione di calcio, che possono portare a scheletri robusti dei pinguini che consentono loro di immergersi.

Articolo correlato: Animali che formano il più grande gruppo sulla Terra

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.