Una vespa è stata ripresa dalla telecamera mentre attaccava e uccideva un uccellino

257

I morsi di una vespa possono essere tanto gravi quanto la sua puntura. Una vespa di carta (Agelaia pallipes) è stata ripresa dalla telecamera mentre attacca e uccide un uccellino nel suo nido, riferiscono i ricercatori il 13 luglio in Ethology.

Il video mostra la vespa che atterra sulla testa del mangiatore di semi foderato di 4 giorni mentre i suoi genitori erano via. La vespa ha morso ripetutamente il nido e ne ha lacerato la carne, lasciandolo insanguinato e ferito a morte. Altri giovani uccelli nella stessa area di Florestal, Brasile, hanno riportato lesioni simili, suggerendo che tali attacchi potrebbero essere più comuni del previsto.

Tendiamo a pensare che gli uccelli predano le vespe, ma può accadere il contrario, dice Thiago Moretti, un entomologo forense a Campinas, in Brasile, che non è stato coinvolto nel lavoro. È noto che le vespe visitano i nidi degli uccelli per ottenere uno spuntino ricco di proteine ​​di parassiti, come acari o pulci, che si soffermano sugli uccelli, dice. Gli insetti raccolgono anche le carogne. Ma raramente attaccano i vertebrati viventi, dice (SN: 21/6/19). Con un uccello vulnerabile, "è una questione di opportunità".

I ricercatori hanno catturato l'omicidio durante le riprese dei nidi per studiare il comportamento dei genitori dei mangiatori di semi allineati (Sporophila lineola). "È stato del tutto inaspettato", afferma Sjoerd Frankhuizen, uno zoologo dell'Università e della ricerca di Wageningen nei Paesi Bassi. Dopo aver trovato il nido ferito, Frankhuizen e la sua squadra sospettarono un rettile, un uccello più grande o forse delle formiche, poiché il corpo era stato lasciato indietro. "Non avevamo idea che sarebbe stata una vespa", dice.

Durante lo studio del comportamento genitoriale dei seminatori allineati in Brasile, i ricercatori hanno trovato un nido ferito a morte. Pensavano che il colpevole potesse essere un rettile, un uccello più grande o forse delle formiche, poiché il corpo era stato lasciato indietro. Il video ha rivelato che l'aggressore era una vespa, vista qui che morde ripetutamente la testa dell'uccellino.

A. pallipes vive in grandi colonie, quindi non ti aspetteresti che uno possa abbattere un annidato da solo, dice Frankhuizen. Durante questo incontro, però, l'unico aggressore ha effettuato 17 visite durante circa un'ora e 40 minuti di video, forse facendo più viaggi per trasportare pezzi dell'uccello al proprio nido, dice.

I ricercatori hanno osservato che molte specie di uccelli nidificano vicino ai nidi di vespe. Gli uccelli possono trarre vantaggio dall'aggressività delle vespe nel difendere le loro colonie, dice Bruno Barbosa, un ecologo presso l'Universidade Federal de Juiz de Fora in Brasile che non faceva parte del lavoro. Gli uccelli attaccati da un predatore diverso possono agitare gli insetti, "facendo sì che le vespe attaccino tutto ciò che li circonda per difendere la loro colonia". E questo potrebbe difendere indirettamente gli uccelli.