Uno squalo con 300 denti che è stato sul pianeta per 80 milioni di anni è stato catturato in Portogallo

137

I pescherecci hanno descritto l’incredibile momento in cui hanno catturato uno squalo spaventoso e insolito con 300 denti al largo delle coste del Portogallo.

Lo squalo dalla balza, lungo un metro e mezzo, è stato soprannominato dagli scienziati un “fossile vivente” a causa di quanto poco sia cambiato nei precedenti 80 milioni di anni.

È stato recuperato da quasi 2.000 metri sotto la superficie dell’acqua.

Un antico squalo dal collare trovato in Portogallo

(Foto: Parco marino di Awashima/Getty Images)

Secondo la stazione di notizie portoghese SIC Noticias TV, i ricercatori hanno collaborato con l’UE per ridurre il numero di catture accessorie, o catture indesiderate, a seguito delle attività di pesca.

Gli squali dal collare si sono già spostati nelle profondità da quando i dinosauri hanno abitato la Terra e le loro enormi mascelle incernierate sono efficaci nell’afferrare calamari e altri pesci.

I ricercatori hanno descritto lo squalo come dotato di un “corpo lungo e snello e una testa simile a un serpente” in una dichiarazione rilasciata dall’Istituto portoghese per il mare e l’atmosfera.

Secondo la professoressa Margarida Castro dell’Università dell’Algarve, i 300 denti dello squalo “gli consentono di catturare calamari, pesci e altri squali in rapidi affondi”, secondo Daily Star.

Indipendentemente dal fatto che gli squali dal collare siano stati scoperti nell’Oceano Atlantico vicino ai confini dell’Australia e del Giappone, si sa poco delle specie antiche, secondo la dichiarazione.

Non si sa perché la specie sia sopravvissuta così a lungo, tuttavia, si ritiene che lo squalo dal collare abbia ispirato i resoconti dei serpenti marini dei marinai del XIX secolo.

Gli scienziati non sanno quanti squali dal collare esistano poiché vivono a profondità profonde sotto l’oscurità continua, la pressione schiacciante e le temperature estremamente rigide.

Uno squalo dal collare ritenuto malato o ferito è stato avvistato vicino alla superficie dell’acqua nel 2007 ma è morto non molto tempo dopo essere stato trasferito in un parco marino.

L’Unione internazionale per la conservazione della natura ha considerato lo squalo dal collare una specie di minore preoccupazione, anche se avverte che un aumento della pesca commerciale d’altura potrebbe aumentare il numero di pescherecci da traino che vengono allevati accidentalmente.

Leggi anche: Il Freaky Frilled Shark catturato al largo della costa australiana è un “fossile vivente”

Squali arricciati

Gli squali dal collare, Chlamydoselachus anguineus, sono uno squalo animale invertebrato subacqueo che può raggiungere una lunghezza di 2 m e si ritiene che raggiunga la maturità sessuale tra 1,35 e 1,5 m.

Sono di colore marrone scuro o grigio sopra, spesso più chiaro sotto, e hanno anche sei paia di fessure branchiali “a balze” in cui la prima fessura branchiale è unita sotto le mascelle formando una sorta di colletto.

Gli squali dal collare hanno teste grandi e appiattite con muso corto e arrotondato.

Le loro narici sono aperture verticali divise da un lembo di pelle principale in aperture incorrente ed excorrente.

Gli occhi sono orizzontalmente ovali e alquanto grandi (simili a quelli di un gatto).

Hanno denti tricuspidi corti in entrambe le mascelle e la loro bocca è posizionata sul bordo anteriore del muso (terminale) piuttosto che sotto come gli altri squali.

I loro denti sono alquanto distanziati, con 19-28 denti nella mascella superiore e 21-29 denti nella mascella inferiore.

Ogni dente ha tre cuspidi strette e aghiformi che si alternano a due cuspidi. A differenza di altri squali, le loro mascelle eccezionalmente lunghe sono posizionate in posizione terminale (alla fine del muso).

Presentano una pinna dorsale corta simile a un lobo posizionata molto indietro sopra le pinne pelviche, nonché una pinna anale più grande della pinna dorsale.

Articolo correlato: 5 terrificanti creature degli abissi che sono fuori dal mondo

© 2022 NatureWorldNews.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.