10 suggerimenti per gestire il dolore

94

La finalità della morte può sembrare quasi incredibile, in particolare quando colpisce un genitore, qualcuno la cui presenza nella tua vita potrebbe non essere mai venuta meno.

Hai finito di crescere e hai raggiunto con successo l'età adulta, ma avevi ancora bisogno (e ti aspettavi) dei tuoi genitori per gli anni a venire.

La perdita del loro sostegno, guida e amore può lasciare un vasto vuoto e dolore che potrebbe sembrare impossibile da guarire, anche se ci si aspettava la loro morte.

O forse tu e il tuo genitore siete stati estranei o avete avuto una relazione complicata, che ha provocato una montagna russa di emozioni contrastanti.

Eppure il mondo in generale può aspettarsi che tu ti riprenda dal tuo dolore abbastanza rapidamente – dopo i 3 giorni prescritti di congedo per lutto, forse riempiti con qualche giorno in più di tempo personale – e riprendi a lavorare.

Non esiste un modo giusto o sbagliato per piangere la perdita di un genitore, ma queste strategie possono offrire un punto di partenza quando inizi a riconoscere la tua perdita.

La tristezza è comune dopo la perdita di un genitore, ma è anche normale che altri sentimenti prendano il sopravvento. Potresti non sentirti triste, e anche questo va bene. Forse ti senti solo intorpidito o sollevato dal fatto che non provi più dolore.

Il dolore apre la porta a una marea di emozioni complicate, spesso contrastanti. La tua relazione con i tuoi genitori potrebbe aver avuto molte sfide, ma ha comunque rappresentato una chiave importante per la tua identità.

Ti hanno creato, o adottato e hanno scelto di allevarti, e sono diventati la tua prima ancora al mondo.

Dopo una perdita così significativa, è naturale lottare o avere difficoltà a fare i conti con la tua angoscia.

Potresti sperimentare:

  • rabbia o frustrazione
  • senso di colpa, forse per non averli contattati frequentemente o per non essere stati presenti per la loro morte
  • shock e intorpidimento emotivo
  • confusione, incredulità o senso di irrealtà
  • disperazione o disperazione
  • dolore fisico
  • sintomi di salute mentale, inclusi depressione o pensieri suicidi
  • sollievo per il fatto che non stanno più soffrendo

Non importa quanto la perdita ti colpisca, ricorda questo: i tuoi sentimenti sono validi, anche se non sono in linea con ciò che gli altri pensano che "dovresti" provare.

Le persone reagiscono al dolore in modi diversi, ma è importante lasciare che tu provi tutti i tuoi sentimenti.

Non esiste un unico modo giusto per addolorarsi, nessun periodo di tempo prestabilito dopo il quale puoi aspettarti automaticamente di sentirti meglio, nessuna fase o fase del dolore per spuntare un elenco. Questo di per sé può essere difficile da accettare.

Negare i tuoi sentimenti può sembrare un percorso verso una guarigione più rapida. Potresti anche ricevere il messaggio che gli altri si aspettano che tu seppellisci il tuo dolore e vai avanti prima che tu abbia fatto i conti con la tua perdita.

Ricorda a te stesso che il dolore è un processo difficile oltre che doloroso. Cerca di non lasciarti influenzare dalle opinioni degli altri.

Alcune persone affrontano il dolore in breve tempo e vanno avanti con i resti della loro tristezza nascosti al sicuro. Altri hanno bisogno di più tempo e supporto, non importa quanto fosse prevista la morte.

Se il tuo genitore è morto dopo una lunga malattia, potresti aver avuto più tempo per prepararti, ma nessuna quantità di preparazione rende il tuo dolore meno significativo quando colpisce. Potresti ancora sentirti sbalordito e incredulo, soprattutto se hai mantenuto la speranza per la loro guarigione fino alla fine.

La morte inaspettata di un genitore ancora nella mezza età, invece, può costringerti a confrontarti con la tua stessa mortalità, una battaglia che può anche complicare il dolore.

Il dolore ha spesso un impatto significativo sulla vita quotidiana:

  • Il tuo stato d'animo potrebbe cambiare rapidamente, senza preavviso.
  • Potresti notare problemi di sonno, più o meno appetito, irritabilità, scarsa concentrazione o aumento dell'uso di alcol o sostanze.
  • Potresti trovare difficile lavorare, occuparti delle faccende domestiche o provvedere ai tuoi bisogni di base.
  • La necessità di concludere gli affari dei tuoi genitori potrebbe lasciarti sopraffatto, soprattutto se devi gestire questo compito da solo.

Alcune persone trovano conforto nella distrazione del lavoro, ma cerca di evitare di costringerti a tornare prima di sentirti pronto, se possibile. Le persone spesso si lanciano nel lavoro, assumendosi più di quanto possano comodamente gestire per evitare di scalare il muro sempre presente delle emozioni dolorose.

Trovare un equilibrio è la chiave. Alcune distrazioni possono essere salutari, a condizione che tu abbia ancora il tempo per affrontare i tuoi sentimenti.

Potrebbe sembrare difficile, anche sconsiderato, dedicare del tempo alla cura di sé, ma dare la priorità alla propria salute diventa ancora più importante man mano che si riprende dalla perdita.

Tieni a mente questi suggerimenti:

  • Dormire a sufficienza. Metti da parte dalle 7 alle 9 ore ogni notte per dormire.
  • Evita di saltare i pasti. Se non hai fame, scegli spuntini nutrienti e piccoli pasti di cibi che migliorano l'umore.
  • Idrato. Bere molta acqua.
  • Continua a muoverti. Rimani attivo per ricaricarti e risollevare il morale. Anche una passeggiata quotidiana può aiutare.
  • Punta alla moderazione. Se bevi alcolici, cerca di rispettare le linee guida consigliate. È comprensibile voler attenuare il dolore, ma un maggiore consumo di alcol può avere conseguenze sulla salute.
  • Ripristina. Riposati e ricaricati con hobby appaganti, come giardinaggio, lettura, arte o musica.
  • Sii consapevole. Meditare o tenere un diario del dolore può aiutarti a elaborare le emozioni.
  • Parla. Parla con il tuo medico di eventuali nuovi sintomi di salute fisica o mentale. Rivolgiti agli amici e ad altre persone care per ricevere supporto.

Parlare con i membri della famiglia e altre persone care di ciò che i tuoi genitori hanno significato per te e condividere storie possono aiutare a mantenere viva la loro memoria.

Se hai figli, potresti raccontare storie sui loro nonni o portare avanti tradizioni familiari importanti nella tua infanzia.

All'inizio potrebbe sembrare doloroso ricordare, ma potresti scoprire che il tuo dolore inizia ad allentarsi mentre le storie iniziano a scorrere.

Se per il momento non ti senti in grado di parlare apertamente dei tuoi genitori, può essere utile anche raccogliere fotografie di momenti speciali o scrivere loro una lettera in cui esprimi il tuo dolore per la loro morte.

Non tutti hanno ricordi positivi dei loro genitori, ovviamente. E le persone spesso evitano di condividere ricordi negativi su persone che sono morte. Se ti hanno abusato, trascurato o ferito in qualsiasi modo, potresti chiederti se ha senso tirare fuori quel vecchio dolore.

Se non hai mai discusso o elaborato quello che è successo, tuttavia, potresti trovare ancora più difficile guarire e andare avanti dopo la loro morte. Aprirsi a un terapeuta o qualcun altro di cui ti fidi può aiutare ad alleggerire il carico.

Molte persone trovano che azioni specifiche possono aiutare a onorare un genitore deceduto e offrire una certa misura di conforto.

Potresti considerare:

  • creando un piccolo monumento commemorativo con foto e ricordi
  • piantando il loro albero o fiore preferito nel tuo cortile
  • adottare il proprio animale domestico o piante
  • il lavoro continuo che trovavano significativo, come il volontariato o altri servizi per la comunità
  • donando alla loro organizzazione di beneficenza o organizzazione preferita

Dopo aver appreso la notizia della morte di un genitore separato, potresti sentirti perso, insensibile, arrabbiato o sorpreso dal tuo dolore. Potresti anche sentirti deriso dall'opportunità di affrontare traumi passati o ferite irrisolte.

La vita non sempre ci dà le risposte che cerchiamo o le soluzioni che desideriamo. A volte devi solo accettare conclusioni inadeguate, per quanto incomplete o dolorose si sentano.

Sapere che non puoi più affrontare il passato potrebbe farti sentire come se fossi condannato a portare quel dolore per sempre.

Invece di aggrapparti a qualsiasi amarezza persistente, prova a vederla come un'opportunità per lasciar andare il passato e andare avanti, per il tuo bene.

Alcune cose sono davvero difficili da perdonare, ma nutrire il risentimento ti fa solo del male, dal momento che non c'è più nessuno a riceverlo.

Una lettera può aiutarti a esprimere cose precedentemente non dette e fare i primi passi verso l'elaborazione dei sentimenti dolorosi e complessi lasciati dopo la loro morte. Lavorare con un terapista può anche aiutarti a iniziare a guarire il dolore del passato.

Amici e persone care potrebbero non sapere esattamente cosa dire se non hanno affrontato lo stesso tipo di perdita, ma la loro presenza può comunque aiutarti a sentirti meno solo.

È normale aver bisogno di tempo per piangere in privato, ma allo stesso tempo isolarsi completamente in genere non aiuta. La compagnia e il sostegno delle persone a te più vicine possono aiutarti a evitare di essere sopraffatto dalla tua perdita.

Oltre a fornire una presenza di supporto, gli amici possono anche aiutare con i pasti, la cura dei bambini o la gestione delle commissioni.

Assicurati solo di far sapere agli altri di cosa hai bisogno.

Se vuoi parlare dei tuoi genitori, potresti chiedere se sono in grado di ascoltarli. Se desideri una pausa dal pensare alla loro morte, potresti chiedere loro di unirsi a te in un'attività che distrae, che si tratti di giocare, guardare un film o lavorare a un progetto in casa.

Potresti notare che i rapporti familiari iniziano a cambiare dopo la morte dei tuoi genitori.

Il tuo genitore rimanente, se ancora in vita, potrebbe ora chiedere sostegno a te e ai tuoi fratelli. I tuoi fratelli, se ne hai, stanno affrontando la stessa perdita. Il loro rapporto unico con i tuoi genitori può significare che anche loro sperimentano la perdita in modo diverso da te.

La ricerca suggerisce che la morte di un genitore spesso influisce negativamente sulla vicinanza tra fratelli adulti. Non è insolito che i fratelli sperimentino conflitti o si allontanino lentamente, in particolare se sei in disaccordo sulle cure di fine vita dei tuoi genitori.

Eppure i legami familiari possono fornire conforto durante il dolore. Hai sperimentato la stessa perdita, anche se quella persona significava qualcosa di diverso per ciascuno di voi.

Se ami le tue relazioni familiari, sforzati di rafforzare quei legami e avvicinarti.

Ciò potrebbe significare contattarli più spesso che in passato o invitarli più regolarmente a visitare e partecipare alle riunioni di famiglia.

Può anche significare ascoltare con empatia quando un fratello che ha avuto una relazione difficile con i tuoi genitori ora ha difficoltà a venire a patti con le loro emozioni contrastanti.

Amici e persone care possono offrire conforto, ma un gruppo di supporto al dolore può soddisfare un diverso tipo di bisogno sociale mettendoti in contatto con altri che hanno subito perdite simili.

Non è raro sentirsi irritati o frustrati quando persone nella tua vita che non hanno sperimentato la perdita tentano di consolarti o esprimono messaggi di preoccupazione.

Non importa quanto siano gentili o ben intenzionate le loro parole, semplicemente non capiscono cosa stai passando.

In un gruppo di supporto, puoi trovare una comprensione condivisa, insieme alla convalida delle emozioni che ti senti incapace di esprimere a nessun altro.

Non c'è da vergognarsi di aver bisogno di ulteriore supporto mentre inizi a elaborare la morte dei tuoi genitori. In effetti, molti consulenti sono specializzati nel fornire supporto al dolore.

Un terapista può offrire convalida e guida quando inizi a lavorare attraverso le complesse emozioni che tendono ad accompagnare il dolore. I consulenti del dolore possono anche insegnare strategie per affrontare il problema che puoi utilizzare quando inizi ad adattarti alla vita senza i tuoi genitori.

La terapia offre anche uno spazio sicuro per disimballare qualsiasi colpa, rabbia, risentimento o altre emozioni persistenti intorno al comportamento tossico o doloroso di un genitore deceduto e per raggiungere un certo livello di chiusura.

Se vuoi perdonare il tuo genitore ma non sei sicuro di come iniziare, un terapista può fornire un supporto compassionevole.

La nostra guida per trovare una terapia economica può aiutarti a iniziare.

Il dolore dopo la morte di un genitore può prosciugarti e lasciarti vacillare, indipendentemente dal tipo di relazione che hai avuto.

Ricorda, il lutto è un processo normale e sano, che sembra diverso per tutti. Trattati con gentilezza e compassione, abbracciando la pazienza mentre ti prendi il tempo necessario per superare la tua perdita.

Crystal Raypole ha già lavorato come scrittrice ed editrice per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letteratura asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si impegna ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.