Che cos'è e come prenderlo

100

Lo stress ti ha fatto sentire giù e sopraffatto? Succede, quindi non c'è motivo di vergognarsi.

Qualunque siano le circostanze alla base del tuo stress, potresti vedere solo un'opzione: inciampare in avanti, cercando di evitare che il tuo carico pesante ti seppellisca. Devi lavorare, quindi vai avanti, sperando che lo stress non abbia la meglio su di te e alimenti un collasso emotivo totale.

Tuttavia, potrebbe esserti aperta un'altra possibilità. Ecco cosa sapere sul congedo per stress.

Le esigenze di un posto di lavoro frenetico o tossico possono mettere a dura prova la tua energia fisica ed emotiva, in particolare quando le sfide della vita ordinaria arrivano anche da altri angoli.

E lo stress implacabile può portarti su un percorso rapido verso il burnout, lasciandoti così sopraffatto che potresti non avere nemmeno la forza di considerare come ti senti, a parte "male".

Per poter prendere un congedo per stress, tuttavia, in genere è necessario discutere i sintomi con un professionista della salute mentale o un operatore sanitario, nonché con il dipartimento delle risorse umane (HR).

Ciò significa che dovrai fornire una chiara spiegazione dei tuoi sintomi e illustrare i modi in cui influenzano la tua vita quotidiana, proprio come potresti descrivere i sintomi di una malattia fisica.

Prendersi un po 'di tempo tranquillo da solo può darti la possibilità di eseguire una rapida auto-valutazione. Prendi una penna e un foglio di carta per prendere alcuni appunti, che puoi condividere con il tuo medico.

Considera quanto segue:

Segni emotivi

Quando sei molto stressato, potresti sentire:

  • ansioso o irrequieto
  • più irritabile o più arrabbiato del solito
  • triste o in lacrime
  • preoccupato da preoccupazioni specifiche o da un vago senso di paura
  • immotivato o incapace di concentrarsi

I sintomi emotivi spesso influenzano le prestazioni lavorative e rendono più difficile impegnarsi in attività che aiutano ad alleviare lo stress. Se la tristezza o l'irritabilità ti lasciano disinteressato a vedere gli amici, potresti ritirarti invece di rivolgerti ai tuoi cari per chiedere sostegno.

Molte persone che affrontano uno stress grave usano anche cibo o sostanze per gestire i propri sentimenti. Potresti trovarti:

In poco tempo, lo stress può portare a brusche diminuzioni della qualità della vita, contribuendo anche alla depressione o ai pensieri suicidi.

Segni fisici

Lo stress può causare anche molti sintomi fisici, tra cui:

Questi sintomi possono avere un impatto di vasta portata. Se hai problemi a dormire, probabilmente ti sentirai stanco durante il giorno. Potresti avere difficoltà a concentrarti o notare che commetti molti errori.

La tensione e il dolore che accompagnano lo stress possono influenzare il tuo livello di energia, lasciandoti con poca motivazione per l'attività fisica. Riflettere sull'angoscia che ti impedisce di svolgere le tue solite attività può eventualmente scatenare sentimenti di depressione e disperazione.

Il Family and Medical Leave Act (FMLA) offre diverse importanti protezioni per i lavoratori che hanno problemi di salute.

Questa legge ti consente di prendere tempo non retribuito lontano dal lavoro se devi prenderti cura di un familiare malato o se stai vivendo sintomi di salute fisica o mentale abbastanza gravi da impedirti di lavorare.

Alcuni fatti rapidi su FMLA:

  • In genere non riceverai la retribuzione in base alla FMLA. Alcune aziende potrebbero continuare a pagare i lavoratori in congedo, ma FMLA non lo richiede.
  • Il tuo posto di lavoro potrebbe consentirti di utilizzare giorni di malattia o di ferie accumulate in modo da essere pagato per una parte delle ferie. Dipende dalla politica aziendale.
  • Continuerai a ricevere i benefici dell'assicurazione sanitaria ai sensi della FMLA.
  • Se la tua azienda ha meno di 50 dipendenti, potrebbe non offrire questo tipo di congedo. Le agenzie pubbliche e le scuole, tuttavia, devono seguire FMLA, indipendentemente dal numero di dipendenti che hanno.
  • Per qualificarti, devi aver lavorato per il tuo datore di lavoro per almeno 12 mesi. Nell'ultimo anno devi aver lavorato almeno 1.250 ore, ovvero circa 26 ore settimanali.
  • FMLA consente fino a 12 settimane di congedo non retribuito. Il tuo lavoro è protetto durante questo periodo. Se il tuo datore di lavoro non può darti lo stesso identico lavoro al tuo ritorno, deve darti una posizione simile con all'incirca la stessa retribuzione.

FMLA potrebbe non sembrare particolarmente utile, dal momento che probabilmente non verrai pagato. Ma pensala in questo modo: anche 1 o 2 settimane di distanza potrebbero essere sufficienti per alleviare lo stress. Inoltre, potresti avere diritto a un'assicurazione per invalidità temporanea (ne parleremo più avanti).

Per ricevere i benefici FMLA dal tuo datore di lavoro, in genere avrai bisogno della documentazione di un operatore sanitario. Questa documentazione dovrebbe indicare che si verificano sintomi persistenti che influiscono negativamente sulla salute e sulla capacità di lavorare.

Ecco dove torneranno utili gli appunti che hai preso. Può sembrare ingiusto che tu debba "dimostrare" quanto sei angosciato, ma i sintomi dello stress spesso non sono visibili agli altri. I medici non possono diagnosticare lo stress con un rapido tampone o un esame del sangue, quindi devi fornire dettagli su come ti senti.

Se possibile, consultare un medico che abbia familiarità con la tua storia medica. Se lavori già con un terapista, assicurati di annotare eventuali connessioni tra i tuoi sintomi attuali e altri problemi per i quali stai già cercando aiuto.

Assicurati di menzionare:

  • sintomi fisici ed emotivi
  • come i sintomi influenzano la salute e le prestazioni lavorative
  • da quanto tempo hai avuto i sintomi
  • se sono peggiorati nel tempo

Il tuo terapista o operatore sanitario potrebbe anche chiederti come gestisci lo stress da solo, quindi preparati a condividere alcune tecniche di coping che hai provato. Un quadro dettagliato aiuta il tuo fornitore di cure a comprendere meglio il prezzo che lo stress ha avuto sulla tua vita.

Se la tua situazione attuale ti impedisce di agire, spiega anche questo. Forse sei un genitore single che si affretta tra il lavoro e le responsabilità di assistenza all'infanzia con appena il tempo di respirare, per non parlare della cura di sé.

Per richiedere le ferie, dovrai parlare con il dipartimento delle risorse umane, anche se probabilmente vorrai tenere informato anche il tuo supervisore diretto.

Se lavori per una grande azienda, il tuo manuale sulle politiche dei dipendenti può fornire indicazioni specifiche su chi contattare. Quando prendi un appuntamento, fai sapere al tuo responsabile delle risorse umane di cosa vuoi parlare dicendo qualcosa del tipo: "Vorrei richiedere un permesso per una condizione di salute".

Porta la tua documentazione all'appuntamento e preparati a rispondere alle domande su come lo stress ha influito sulla tua salute e sulle tue prestazioni lavorative. Sii onesto riguardo ai tuoi sforzi per gestire lo stress e le tue difficoltà ad affrontarlo.

Se determinate politiche sul posto di lavoro, come ambienti pericolosi o requisiti di straordinari, hanno aumentato il tuo stress, comunicale in modo chiaro e rispettoso.

Ad esempio, potresti dire: "Capisco che scadenze rigide consentono ai nostri clienti di ricevere i loro ordini in tempo, ma gli ordini continuano ad arrivare e non ho abbastanza supporto per fornire i tempi di consegna che promettiamo".

Parla con il tuo datore di lavoro non appena sai che devi prenderti una pausa. Molti datori di lavoro richiedono un preavviso di 30 giorni, quando possibile. Se hai bisogno di un congedo più urgente, ti consigliamo comunque di fornire il maggior preavviso possibile.

Il dipartimento delle risorse umane può anche offrire ulteriori indicazioni o informazioni su altre possibili opzioni.

Alcuni luoghi di lavoro offrono un'assicurazione di invalidità temporanea, un tipo di congedo medico retribuito. Questo beneficio non copre sempre i problemi di salute mentale, come lo stress, ma vale comunque la pena chiederlo, poiché può compensare parte della retribuzione che perderai quando prendi le ferie.

Una volta che inizi a lasciare lo stress, potresti sentire come se l'immenso peso che ti trattiene si fosse finalmente sollevato. Ma il congedo per stress non è esattamente la stessa cosa di una vacanza. Il tuo "lavoro" durante il congedo è lavorare per il recupero.

Queste strategie possono aiutare:

Dai la priorità alla cura di te stesso

La libertà dal normale programma di lavoro può significare più tempo per dormire, preparare pasti nutrienti, godersi del tempo di qualità con i propri cari ed esercitare.

Questi cambiamenti possono fare una grande differenza, ma la cura di sé include anche il tempo per gli hobby e altre attività divertenti che ti rilassano e ti ricaricano, come:

Se hai affrontato lo stress per così tanto tempo che fai fatica a ricordare come sia una buona cura di sé, un buon primo passo potrebbe essere la creazione di un piano di cura di sé.

Ottieni supporto professionale

È importante tenere il passo con i trattamenti consigliati durante le ferie. Senza tecniche di coping sane in atto, potresti ritrovarti nella stessa situazione una volta tornato al lavoro.

Imparare a identificare e affrontare i fattori scatenanti dello stress nella fase iniziale può avere un grande impatto sul benessere futuro. Ecco alcune risorse a cui potresti rivolgerti:

  • Il tuo medico può offrire suggerimenti per la gestione dei sintomi fisici.
  • Puoi lavorare con uno specialista del sonno per affrontare i modelli di sonno interrotto.
  • Un terapista può insegnarti le abilità per gestire lo stress in modo più efficace. Se provi ansia, depressione o altri sintomi, la terapia della parola o le tecniche cognitivo-comportamentali possono aiutarti a far pratica di coping nel momento. Il tuo terapista può anche consigliarti approcci alternativi, come una pratica di meditazione quotidiana o una terapia artistica.

Identifica gli obiettivi chiave

Se rimani bloccato sulla necessità di attuare grandi cambiamenti durante il tuo tempo libero, il tuo congedo per stress potrebbe finire per diventare un'altra fonte di stress. Invece, esplora modifiche più piccole e gestibili che puoi mantenere nel tempo.

Per iniziare, dedica del tempo a visualizzare i potenziali risultati del tuo congedo per stress.

Ti vedi tornare al lavoro molto riposato e in grado di affrontare meglio lo stress man mano che si presenta? In tal caso, il tuo obiettivo principale potrebbe incentrarsi sull'esplorazione di modi per mantenere le tue abitudini di riduzione dello stress.

Forse prevedi che la tua situazione lavorativa e le circostanze della vita rimangano le stesse. In tal caso, prendere in considerazione opzioni alternative per il tuo futuro potrebbe avvantaggiarti. C'è solo così tanto che puoi fare per far fronte allo stress, e non c'è da vergognarsi nel riconoscere che non puoi continuare un lavoro altamente faticoso.

Alla fine della giornata, il tuo obiettivo principale dovrebbe essere proteggere il tuo benessere.

Man mano che la tua salute emotiva migliora, potresti sentirti pronto a tornare al lavoro. Adattarsi nuovamente al proprio ambiente di lavoro può essere un po 'snervante, quindi non preoccuparti se devi prenderlo con calma.

Questi suggerimenti possono aiutarti a tornare al lavoro più facilmente:

Decidi cosa dirai

I tuoi colleghi probabilmente esprimeranno preoccupazione per la tua salute e, molto probabilmente, curiosità per i motivi della tua assenza. Avere una risposta pianificata in anticipo può aiutarti a evitare di sentirti messo in difficoltà da domande difficili.

Ad esempio, potresti dire: "Grazie per la tua preoccupazione. Avevo a che fare con alcuni problemi di salute, ma ora sto molto meglio. "

Va benissimo offrire più dettagli, se lo desideri, ma dipende interamente da te.

Tieni informato il tuo supervisore

Mentre torni al tuo normale flusso di lavoro, mantieni il tuo supervisore e il dipartimento delle risorse umane aggiornati sulla tua salute.

Assicurati di chiedere tutto il supporto di cui hai bisogno. Hai il diritto di chiedere sistemazioni ragionevoli, come ad esempio:

  • portando piante per il tuo spazio di lavoro
  • trasferirsi su una scrivania o un ufficio con luce naturale
  • trasferirsi in uno spazio di lavoro più tranquillo o privato
  • regolazione del tempo di pausa, ad esempio facendo quattro pause di 10 minuti invece di due pause di 20 minuti

Prendilo un giorno alla volta

Il recupero richiede tempo, quindi non sentire di doverti sforzare di fare troppo prima di essere pronto.

Cerca di rimanere presente in ogni momento e usa le tue nuove capacità di coping per prendere nota di cosa migliora la tua giornata lavorativa e cosa no.

Forse lavori meglio quando fai una breve passeggiata durante la pausa mattutina, per esempio, o ti senti ansioso e nervoso se bevi più di due tazze di caffè.

Non esitare ad apportare modifiche che massimizzano la tua produttività e il tuo benessere.

Rotolando in discesa verso il burnout? Il congedo per stress può offrire l'opportunità di riposarsi e ricaricarsi durante una pausa tanto necessaria.

Puoi scoprire di più sulle tue opzioni e avviare il processo contattando il tuo terapista o operatore sanitario.

Crystal Raypole ha già lavorato come scrittrice ed editrice per GoodTherapy. I suoi campi di interesse includono lingue e letteratura asiatiche, traduzione giapponese, cucina, scienze naturali, positività sessuale e salute mentale. In particolare, si impegna ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale.