Come bollire il riso integrale {come la pasta}

404

Nel caso in cui pensi di vederne il triplo, sì, abbiamo già tutorial sul riso qui e qui. Quindi sì… forse un po’ eccessivo. Ma non proprio, perché, che tu ci creda o no, il riso è complicato: i tuoi risultati possono variare a seconda di molti fattori come la grana del riso, il tipo di riso, la tua posizione, l’umidità, l’altitudine, le pentole che stai usando, le cose che aggiungi all’acqua e il tipo di fornello su cui stai cucinando, solo per citarne alcuni. Può essere così incredibilmente frustrante provare (e fallire) ancora e ancora per fare qualcosa che dovrebbe essere così semplice, ma la verità è che il riso può essere complicato.

Il metodo del riso integrale di Sara è fantastico, ma adoro anche questo, per alcuni motivi:

1) Ci vuole solo un po’ più di tempo rispetto al normale riso bianco al vapore.

2) Il fattore acqua; quando cuoci a vapore il riso integrale a basse quote, hai bisogno di un po’ meno acqua e ad altitudini elevate, ne hai bisogno di più, e trovare il punto debole può essere complicato. Qui, è praticamente infallibile.

3) Non c’è bisogno di riscaldare la tua casa in questa folle calura estiva.

4) Cuoce il riso in modo super uniforme, non ti imbatterai in chicchi croccanti, bruciati o mollicci.

Allora, qual è questo metodo super magico? Ne ho sentito parlare e poi ho trovato un articolo a riguardo nel numero di luglio/agosto di Cook’s Illustrated, quindi ho dovuto provarlo. Ed è stato praticamente incredibile come avevano promesso. Fondamentalmente, stai facendo bollire il riso in molta più acqua di quella usata per cuocere il riso a vapore, quindi lo stai cucinando come la pasta. Ed è incredibile.

Nello spirito della piena divulgazione, questa potrebbe non essere la risposta a TUTTI i tuoi problemi con il riso integrale (se è una cosa); se stai cercando un riso più appiccicoso, questo non è il tuo metodo: i chicchi sono molto separati e non sono affatto appiccicosi, quindi è perfetto per cose come patatine fritte, insalate e zuppe, ma potrebbe non essere il “comfort” riso che stai cercando.

Avrai bisogno di 1 1/2 tazze di riso integrale a grana lunga, 3 litri d’acqua, 2 cucchiaini di sale e 2 cucchiaini di aceto o succo di agrumi.

Riempi una pentola grande con i 3 litri d’acqua (non 3 tazze, qui viviamo al limite)

e aggiungere il sale.

Portare ad ebollizione. Mentre l’acqua bolle, foderate una teglia con carta da forno e tenete da parte.

Quando l’acqua bolle, aggiungere il riso

e cuocere senza coperchio per 22-25 minuti (o finché il riso non sarà tenero), mescolando di tanto in tanto. Scolare in un colino a maglia fine e stendere uniformemente sulla teglia preparata (questo passaggio non è necessario se stai mangiando il riso subito e ti sembra di aver tolto tutta l’acqua, ma per cose come insalate e mescolare- patatine fritte, vorrai sicuramente stendere il riso su una teglia).

Irrorate con il succo di agrumi o l’aceto e mescolate per amalgamare. Trasferire su un piatto da portata per servire o coprire e conservare in frigorifero per un uso successivo nelle ricette.

Stampa questo!

Come bollire il riso integrale
Metodo perfezionato da Cook’s Illustrated

Ingredienti:

1 1/2 tazze di riso integrale a grana lunga
3 litri di acqua
2 cucchiaini di sale
2 cucchiaini di aceto o succo di agrumi

Istruzioni:

Riempi una grande pentola con i 3 litri d’acqua (non 3 tazze, stiamo vivendo sul bordo qui) e aggiungi il sale. Portare ad ebollizione. Mentre l’acqua bolle, foderate una teglia con carta da forno e tenete da parte.

Quando l’acqua bolle, aggiungere il riso e cuocere senza coperchio per 22-25 minuti (o finché il riso non sarà tenero), mescolando di tanto in tanto. Scolare in un colino a maglia fine e stendere uniformemente sulla teglia preparata (questo passaggio non è necessario se stai mangiando il riso subito e ti sembra di aver tolto tutta l’acqua, ma per cose come insalate e mescolare- patatine fritte, ti consigliamo sicuramente di stendere il riso su una teglia). Irrorare con il succo di agrumi o l’aceto e mescolare per unire. Trasferire su un piatto da portata per servire o coprire e conservare in frigorifero per un uso successivo nelle ricette.