Dimentica l'ebollizione! Usa meno sale! Più altri suggerimenti per una pasta migliore e più facile

0
8

Per molti di noi, la pasta è il primo pasto che ci prepariamo. Ma solo perché ci vuole poco più di una pentola di acqua bollente non significa che il processo non possa essere migliorato. Nel corso degli anni, abbiamo testato e ottimizzato, accettato i racconti di vecchie mogli e sfatato molti miti sulla pasta. Caso in questione? Risulta che non hai nemmeno bisogno di acqua bollente per una perfetta ciotola di pasta. Quindi lascia le tue supposizioni alla porta e dai un'occhiata ai nostri suggerimenti, tutti raccolti in un unico posto per la prima volta.

Aggiungi sale, non olio, all'acqua della pasta

Se sei cresciuto con l'impressione che l'olio d'oliva aiuta a evitare che la pasta bollente si attacchi insieme, sei tutt'altro che solo. Ma in verità, l'olio non impedirà alla pasta di attaccarsi più dell'aceto. Senza un'agitazione intensa, anche a piena ebollizione, l'olio che aggiungi a una pentola di pasta galleggia sull'acqua, non molto buono per la pasta che cuoce sotto.

La pasta si attacca quando gli amidi superficiali si gelificano e si legano tra loro, e questo avviene durante le prime fasi di cottura. Quindi l'unica cosa che devi fare per evitare che si attacchi è dare alla pasta qualche bella mescolata dopo il primo minuto o due. Ciò non significa che dovresti rinunciare del tutto all'olio d'oliva, però: dopo che la pasta è scolata, un filo e un lancio veloci manterranno la pasta scolata da un grumo post-cottura.

Il sale, d'altra parte, gioca un ruolo cruciale quando si tratta del sapore del tuo piatto finale … a condizione che tu lo usi correttamente. Contrariamente alla credenza comune, la quantità di sale che va nell'acqua della pasta non farà nulla per abbassare il suo punto di ebollizione, ma renderà la tua pasta più gustosa.

Hai sentito che l'acqua della tua pasta dovrebbe essere salata come il mare? Quindi abbiamo, ma indovina cosa? Sbagliato di nuovo. Un'acqua veramente salata come l'oceano produrrà una pasta quasi immangiabile. Abbiamo provato un'intera gamma di rapporti acqua / sale per offrirti la quantità ideale di sale in peso, da 0,5% (circa 3/4 cucchiaino di sale marino fine per litro) al 2% (circa 1 cucchiaio di sale marino fine sale per litro) ti farà benissimo.

Dimentica l'ebollizione

Shutterstock

C'è qualcosa di esplicitamente sbagliato nel seguire le istruzioni della casella alla T? No, neanche un po '. Ma se sei stufo di aspettare che una grande pentola d'acqua arrivi a ebollizione o stai cercando di ridurre la tua impronta di carbonio, abbiamo buone notizie! Prima di tutto, puoi iniziare a cuocere la pasta in acqua fredda per quello che ci interessa: non influirà minimamente sulla consistenza. Inoltre, farlo richiede una maggiore attenzione alla pentola: dovrai controllare regolarmente la tua pasta per evitare che si cuocia troppo.

Per mantenere le cose un po 'più controllate, ti consigliamo di ridurre drasticamente la quantità di acqua che usi effettivamente: basta solo per coprire la tua pasta farà il trucco. * Arriva a ebollizione più rapidamente e si traduce in un contenuto di amido molto più elevato in l'acqua, che è ottima quando si tratta di salse (ne parleremo a breve). Ed ecco il kicker: anche se una piccola pentola di acqua bollente mostrerà un calo di temperatura maggiore di una pentola grande, la piccola pentola d'acqua tornerà effettivamente a ebollizione più velocemente della pentola grande dopo aver aggiunto la pasta. Questo perché un vaso piccolo ha una superficie minore e quindi perde energia per l'ambiente più lentamente di uno grande.

Ovviamente, se stai lavorando con spaghetti simili a spaghetti, dovrai attenersi ai metodi tradizionali o lavorare in un'ampia padella che possa adattarsi alla loro lunghezza.

Certo, tutto ciò è puramente accademico una volta che ti rendi conto che non devi nemmeno bollire la pasta per cucinarla. Mettete la pasta in acqua fredda, portate a bollore, quindi coprite la pentola e spegnete il fuoco. Il tuo tempo di cottura rimarrà lo stesso e risparmierai a te stesso (e all'ambiente) la bolletta energetica.

Vuoi diventare ancora più pazzo efficiente? Prova a mettere a bagno la pasta nell'acqua mentre prepari gli altri ingredienti. Quando il sugo è pronto, puoi semplicemente aggiungere la pasta (insieme a un po 'del suo liquido di ammollo) nella padella e, con un minuto circa di cottura, il tuo pasto sarà pronto. Una pentola in meno da pulire e un trucco magico piuttosto soddisfacente per l'avvio. Ancora scettico? Ecco la scienza per sostenere tutto. L'unica eccezione qui è la pasta fresca: poiché contiene uova, deve cuocere in acqua bollente per fissarsi correttamente.

Risparmia l'acqua per la pasta!

Robyn Lee

La pasta non ha bisogno di più di un filo d'olio d'oliva e una spolverata di sale e pepe per preparare un pasto. Ma anche nelle sue iterazioni più ridotte, beneficia di una spruzzata di acqua per la pasta: grazie al suo alto contenuto di amido (soprattutto se stai usando il nostro metodo a basso volume), l'acqua agisce come un meraviglioso addensante ed emulsionante per le salse, anche se quella salsa non è altro che burro o olio. Per sfruttare al massimo il suo potere di coesione, consigliamo di togliere la pasta dall'acqua appena è al dente e di finirla in padella con il sugo che preferite e un mestolo di acqua amidacea. Man mano che la miscela di acqua e salsa si riduce, vi accorgerete che aderisce uniformemente alla pasta; anche l'olio e l'acqua amidacea della pasta si legheranno quasi perfettamente. Se stai usando una salsa già pronta o acquistata in negozio, non hai nemmeno bisogno di una padella in più: ti basta riservare un po 'd'acqua per la pasta e rimetterla nella pentola una volta che i tuoi spaghetti sono scolati, insieme al sugo che preferisci. Quindi, mescola con la pasta che preferisci a fuoco moderato fino a quando la salsa non raggiunge la tua consistenza preferita.

Finire la pasta nel suo sugo offre anche un altro vantaggio: poiché la maggior parte delle salse sono acide, in realtà inibiranno la velocità di cottura della pasta. Tirando la pasta fuori dalla sua acqua presto e aggiungendola alla salsa, ti stai acquistando un periodo di tempo molto più ampio tra il momento in cui la pasta è perfettamente cotta e quando è troppo cotta. Dì addio alla pasta pastosa.

Rivisita l'insalata di pasta

Daniel Gritzer

Se ami l'insalata di pasta spalmata di maionese, tutta la potenza per te. Ma se vuoi qualcosa di un po 'meno, beh, goopy, tieni semplicemente la maionese. Le nostre insalate di pasta preferite non si sforzano di essere insalate, tanto quanto ottimi piatti di pasta che hanno un sapore altrettanto delizioso anche dopo che si sono raffreddati. Con questo spirito in mente, abbiamo alcune semplici regole. Per cominciare, pensa alle salse piuttosto che ai condimenti; dimentica le verdure crude e scegli ingredienti cotti che possono effettivamente essere integrati in quella salsa; cuocere troppo la pasta per una consistenza superiore; far cadere il formaggio; e lascia che raggiunga la temperatura ambiente prima di scavare: questa è l'insalata di pasta che vuoi davvero assaggiare.

Prova a farlo da zero!

Vicky Wasik

Se sei un fanatico della pasta fresca, fallo da zero. In effetti, se hai farina e uova nella tua cucina, puoi montarne un lotto subito. Abbiamo semplici istruzioni passo passo per la migliore pasta fresca, insieme a ricette per ravioli fatti in casa, tortellini e persino uno splendido piatto di uovo in raviolo.

Ma anche se stendere la pasta suona come il tuo peggior incubo, non c'è motivo di evitarlo. Prova un lotto di gnocchi di patate fresche, gnocchi di pâte à choux alla parigina leggeri come l'aria, o questi gnocchi di ricotta che, non scherzo, impiegano meno tempo di quanto non faccia per fare la pasta secca dall'inizio alla fine.