Trattamento del travaglio pretermine: steroidi, antibiotici, altro

80

Il tuo medico potrebbe aiutarti a prendere precauzioni per evitare un parto pretermine. Più a lungo il tuo bambino può svilupparsi nel grembo materno, meno è probabile che avrà problemi associati alla nascita pretermine.

Il parto pretermine può causare problemi ai polmoni, al cuore, al cervello e ad altri sistemi corporei di un neonato. Tuttavia, la buona notizia è che i progressi nello studio del parto pretermine hanno identificato farmaci efficaci che possono ritardare il parto.

Se hai segni di travaglio prematuro, chiama immediatamente un medico.

I sintomi del travaglio pretermine includono:

  • contrazioni frequenti o costanti (irrigidimento nella pancia)
  • lombalgia che è sordo e costante
  • pressione nella pelvi o nella zona addominale inferiore
  • lievi crampi all'addome
  • rottura dell'acqua (secrezione vaginale acquosa in un rivolo o in uno zampillo)
  • un cambiamento nelle perdite vaginali
  • individuazione o sanguinamento dalla vagina
  • diarrea

Farmaci e terapie per il parto pretermine

Se sei incinta da meno di 37 settimane quando manifesti sintomi di travaglio pretermine, il tuo medico può provare a prevenire il parto offrendo determinati farmaci.

Oltre a somministrare farmaci tocolitici per prevenire le contrazioni, il medico può prescrivere steroidi per migliorare la funzione polmonare del bambino.

Se la tua acqua si è rotta, potresti anche ricevere antibiotici per prevenire l'infezione e aiutarti a rimanere incinta più a lungo.

Se sei ad alto rischio di parto pretermine, il tuo medico può suggerire l'ormone progesterone.

Continua a leggere per saperne di più su queste diverse terapie del travaglio pretermine.

Alcune persone entrano in travaglio molto presto. Se partorisci prima delle 34 settimane, ricevere iniezioni di corticosteroidi può aumentare le possibilità che il tuo bambino stia bene. Questi aiutano i polmoni del bambino a funzionare.

Gli steroidi vengono solitamente iniettati in uno dei grandi muscoli (braccia, gambe o glutei) della persona incinta. Le iniezioni vengono somministrate da due a quattro volte nell'arco di 2 giorni, a seconda dello steroide utilizzato.

Lo steroide più comune, il betametasone (Celestone), viene somministrato in due dosi, 12 milligrammi (mg) ciascuna, a 12 o 24 ore di distanza. I farmaci sono più efficaci da 2 a 7 giorni dopo la prima dose.

I corticosteroidi non sono gli stessi degli steroidi per il bodybuilding usati dagli atleti.

Gli studi hanno dimostrato che i corticosteroidi sono interventi importanti e ampiamente utilizzati. C'è poco supporto scientifico che causino un aumento dei rischi.

Quali sono i vantaggi degli steroidi?

Il trattamento steroideo riduce il rischio di problemi polmonari per i bambini nati presto, in particolare per i nati tra le 29 e le 34 settimane di gravidanza.

Uno studio del 2016 sui topi ha dimostrato che i trattamenti steroidei possono ridurre il rischio di displasia broncopolmonare, una condizione che può portare a malattie polmonari croniche nei bambini. Uno studio del 2020 ha dimostrato che il trattamento precoce è importante per massimizzare i benefici.

Gli steroidi possono anche ridurre altre complicazioni nei bambini. Una revisione degli studi del 2017 ha mostrato che alcuni bambini hanno meno problemi con il loro intestino e con sanguinamento nel cervello quando il loro genitore incinta ha ricevuto un ciclo di betametasone prima della nascita.

Se vieni ricoverato in ospedale per un travaglio pretermine o hai un problema medico che i tuoi medici temono richiederà un parto precoce, probabilmente ti verrà offerto un ciclo di steroidi.

Rimanere incinta per quei primi 2 giorni dopo un'iniezione di corticosteroidi è il primo importante traguardo per te e il tuo bambino (o bambini).

Quali sono i rischi dell'assunzione di steroidi?

I dati più vecchi non hanno mostrato rischi significativi associati a un singolo ciclo di steroidi.

Una revisione degli studi del 2017 ha mostrato un piccolo aumento del rischio di un labbro leporino con l'uso di corticosteroidi nel primo trimestre. L'uso di steroidi all'inizio della gravidanza non è comune.

Uno studio del 2019 ha indicato un legame tra l'uso di corticosteroidi e il basso peso alla nascita, ma la ricerca è ancora in corso.

Una revisione dei dati del 2019 ha rilevato che i corticosteroidi prenatali ripetuti somministrati a persone in gravidanza con rischi in corso di parto pretermine possono ridurre la probabilità che il bambino abbia bisogno di supporto respiratorio alla nascita.

Tuttavia, i cicli ripetuti erano anche associati a peso alla nascita, lunghezza e circonferenza della testa inferiori.

Al momento, i corsi ripetuti non sono consigliati, a meno che tu non stia partecipando a uno studio di ricerca.

Chi dovrebbe prendere gli steroidi?

L'American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) ha riaffermato le loro raccomandazioni nel 2020 per quando dovrebbero essere usati gli steroidi:

  • Un ciclo unico è consigliato quando la madre incinta è a rischio di parto pretermine tra le 24 e le 34 settimane di gravidanza.
  • Un singolo corso è consigliato tra le 34 e le 37 settimane per coloro a rischio di parto pretermine entro 7 giorni e che non hanno già ricevuto un corso.
  • Un singolo ciclo ripetuto di corticosteroidi può essere preso in considerazione per coloro a rischio di parto pretermine entro 7 giorni, il cui ciclo precedente era stato somministrato più di 14 giorni prima.

Chi non dovrebbe assumere steroidi?

Gli steroidi possono rendere il diabete (sia di lunga data che correlato alla gravidanza) più difficile da controllare. Se somministrati in combinazione con un farmaco beta-mimetico (terbutalina, marca Brethine), possono essere ancora più problematici.

Le persone con diabete richiedono un attento monitoraggio della glicemia per 3 o 4 giorni dopo aver ricevuto steroidi.

Inoltre, quelli con infezione attiva o sospetta nell'utero (corioamnionite) non dovrebbero ricevere steroidi.

Alcune persone incinte hanno maggiori probabilità di altre di iniziare il travaglio precocemente. Quelli ad alto rischio di parto pretermine includono coloro che:

  • hanno già dato alla luce un bambino pretermine
  • stanno trasportando più di un bambino (gemelli, terzine, ecc.)
  • è rimasta incinta poco dopo una precedente gravidanza
  • utilizzare tabacco o alcol o abuso di droghe
  • concepito mediante fecondazione in vitro
  • ha avuto più di un aborto spontaneo o di un aborto
  • ha altri problemi di salute (come un'infezione, anomalie anatomiche nell'utero o nella cervice, o alcune condizioni croniche)
  • hanno carenze nutrizionali
  • sperimentare un evento molto stressante o traumatico durante la gravidanza (fisico o emotivo)

È importante notare che molte persone in gravidanza che manifestano sintomi di parto pretermine non hanno nessuno dei fattori di rischio noti.

Se in passato hai avuto un parto pretermine, il tuo ostetrico potrebbe consigliarti di farti un'iniezione di progesterone o un pessario (supposta vaginale). La forma più comune di ormone progesterone somministrato per prevenire la nascita pretermine è il 17-OHPC shot, o 17-alfaidrossiprogesterone caproato.

Il colpo 17-OHPC è un progesterone sintetico che viene spesso somministrato prima della 21a settimana di gestazione. Ha lo scopo di prolungare la gravidanza. L'ormone agisce impedendo all'utero di contrarsi. Il colpo viene in genere somministrato al muscolo su base settimanale.

Se il progesterone viene somministrato come pessario, viene inserito nella vagina.

Per questo trattamento ormonale è necessaria una prescrizione e sia i colpi che le supposte devono essere somministrati da un medico.

Quali sono i vantaggi dei colpi di progesterone?

Una revisione del 2013 degli studi clinici sul 17-OHPC ha dimostrato la sua capacità di prolungare la gravidanza. Le persone a rischio di partorire prima delle 37 settimane possono essere in grado di rimanere incinta più a lungo se ricevono 17-OHPC prima del completamento delle 21 settimane di gravidanza.

Uno studio del 2003 ha dimostrato che se si verifica un parto pretermine, i bambini che sopravvivono hanno meno complicazioni se il loro genitore ha ricevuto 17-OHPC prima della nascita.

Quali sono i rischi dei colpi di progesterone?

Come con qualsiasi iniezione e somministrazione di ormoni, i colpi di 17-OHPC possono causare alcuni effetti collaterali. I più comuni includono:

  • dolore o gonfiore della pelle nel sito di iniezione
  • una reazione cutanea al sito di iniezione
  • nausea
  • vomito

Alcuni sperimentano altri effetti collaterali come:

  • sbalzi d'umore
  • mal di testa
  • dolore addominale o gonfiore
  • diarrea
  • stipsi
  • cambiamenti nel desiderio sessuale o nel comfort
  • vertigini
  • allergia
  • sintomi influenzali

Le persone che ricevono il pessario hanno maggiori probabilità di avere secrezioni o irritazioni spiacevoli nella loro vagina.

Non vi è alcuna indicazione che i colpi di 17-OHPC abbiano alcun effetto negativo su aborto spontaneo, natimortalità, parto pretermine o rischio di difetti alla nascita.

Non si sa abbastanza sugli effetti a lungo termine su genitori o bambini per raccomandare iniezioni a coloro con altri fattori predisponenti per la nascita pretermine.

Sebbene i colpi di 17-OHPC possano ridurre il rischio di parto pretermine e alcune delle sue complicanze, non sembra ridurre il rischio di morte infantile.

Uno studio del 2019 ha contraddetto studi precedenti e ha scoperto che il farmaco non era efficace nel prevenire la nascita pretermine. Dopo che i risultati sono stati pubblicati, l'ACOG ha rilasciato una dichiarazione raccomandando di prendere in considerazione l'organismo di prova collettivo e di utilizzare 17-OHPC principalmente in situazioni di rischio molto elevato.

Chi dovrebbe ricevere colpi di 17 OHPC?

Alle persone incinte che hanno già sperimentato un travaglio pretermine viene spesso offerta questa iniezione ormonale. L'ACOG raccomanda che solo quelli con una storia di travaglio prima della gestazione di 37 settimane ricevano un'iniezione di 17 OHPC.

Chi non dovrebbe ricevere colpi di 17 OHPC?

Le persone senza un parto pretermine precedente non dovrebbero ricevere iniezioni di 17-OHPC fino a quando ulteriori ricerche non confermeranno la loro sicurezza ed efficacia per altri fattori di rischio. Inoltre, coloro che soffrono di allergie o reazioni gravi allo sparo potrebbero voler interrompere il loro uso.

Inoltre, ci sono alcune situazioni in cui una gravidanza più lunga può essere dannosa. La preeclampsia, l'amnionite e le anomalie letali (o la morte imminente del feto) possono rendere pericolosa una gravidanza prolungata.

Consultare sempre attentamente un professionista della salute prima di decidere di ricevere iniezioni o supposte 17-OHPC.

I farmaci tocolitici vengono utilizzati per ritardare la consegna di 48 ore o più. I farmaci tocolitici includono i seguenti farmaci:

  • terbutalina (sebbene non sia più considerata sicura per l'iniezione)
  • ritodrina (Yutopar)
  • solfato di magnesio
  • bloccanti dei canali del calcio
  • indometacina (Indocin)

I tocolitici sono farmaci da prescrizione che devono essere somministrati solo tra le settimane 20 e 37 di gravidanza se esistono sintomi di parto pretermine. Non dovrebbero essere combinati se non sotto la stretta supervisione di un medico.

In generale, i farmaci tocolitici ritardano solo la consegna. Non prevengono complicazioni di parto pretermine, morte fetale o problemi materni associati al travaglio pretermine. Vengono spesso somministrati con corticosteroidi prenatali.

Quali sono i vantaggi dei tocolitici?

Tutti i tocolitici, ma in particolare gli inibitori delle prostaglandine, sono efficaci nel ritardare il parto tra 48 ore e 7 giorni. Ciò consente ai corticosteroidi di accelerare lo sviluppo del bambino.

I tocolitici stessi non diminuiscono le possibilità di morte o malattia per il neonato. Invece, danno semplicemente tempo extra per lo sviluppo del bambino o per far funzionare altri farmaci.

Tocolytics può anche ritardare il parto abbastanza a lungo da consentire il trasporto della persona incinta in una struttura con un'unità di terapia intensiva neonatale se sono probabili parto pretermine o complicazioni.

Quali sono i rischi dei tocolitici?

I tocolitici hanno una varietà di effetti collaterali che vanno da molto lievi a molto gravi.

Gli effetti collaterali comuni includono:

Effetti collaterali più gravi possono includere:

  • cambiamenti di zucchero nel sangue
  • difficoltà respiratorie
  • cambiamenti nella pressione sanguigna

Poiché alcuni farmaci tocolitici comportano rischi diversi, il farmaco specifico scelto dovrebbe dipendere dai rischi per la salute e personali.

C'è qualche controversia sul fatto che i tocolitici stessi possano causare problemi alla nascita, come problemi respiratori per il bambino o infezione nella madre incinta, quando il farmaco viene somministrato dopo la rottura delle membrane.

Chi dovrebbe prendere i tocolitici?

Le persone incinte che manifestano i sintomi del travaglio pretermine, in particolare prima della 32a settimana di gestazione, dovrebbero essere considerate di ricevere farmaci tocolitici.

Chi non dovrebbe entrare in tocolitici?

Secondo ACOG, le persone non dovrebbero assumere farmaci tocolitici se hanno sperimentato una delle seguenti condizioni:

  • grave preeclampsia
  • distacco della placenta
  • infezione dell'utero
  • anomalie letali
  • segni di morte o parto imminente del feto

Inoltre, ogni tipo di farmaco tocolitico presenta rischi per le persone con determinate condizioni. Ad esempio, quelli con diabete o problemi alla tiroide non dovrebbero ricevere ritodrina e quelli con gravi problemi al fegato o ai reni non dovrebbero ricevere inibitori della sintetasi delle prostaglandine.

Un medico dovrebbe avere una conoscenza approfondita di tutti i problemi di salute prima di prescrivere uno specifico farmaco tocolitico.

Gli antibiotici vengono regolarmente somministrati alle persone in gravidanza in travaglio pretermine quando la sacca d'acqua che circonda il bambino si è rotta. Questo perché le membrane rotte mettono una persona incinta e il loro bambino a maggior rischio di infezione.

Inoltre, gli antibiotici sono spesso usati per trattare infezioni come la corioamnionite e lo streptococco di gruppo B (GBS) durante il travaglio pretermine. Gli antibiotici richiedono una prescrizione e sono disponibili sotto forma di pillola o soluzione endovenosa.

Quali sono i vantaggi degli antibiotici?

Molti studi di grandi dimensioni hanno dimostrato che gli antibiotici riducono i rischi e prolungano la gravidanza dopo che l'acqua si rompe precocemente.

È possibile che gli antibiotici ritardino o prevengano il parto pretermine trattando condizioni (come infezioni) che possono causare parto pretermine.

D'altra parte, non è chiaro se gli antibiotici possano ritardare il parto per coloro che sono in travaglio pretermine ma non hanno rotto l'acqua. Per ora, l'uso di antibiotici per aiutare a trattare tutto il travaglio pretermine rimane controverso.

Ci sono anche dati che dimostrano che gli antibiotici sono utili durante il travaglio pretermine per le persone portatrici di batteri GBS. Circa 1 persona in gravidanza su 4 sarà portatrice di GBS e i bambini che vengono infettati durante il travaglio e il parto possono ammalarsi gravemente.

Gli antibiotici possono trattare la GBS e ridurre le complicanze di una successiva infezione nel neonato, ma comportano rischi per il genitore.

La maggior parte degli operatori sanitari esegue il test per i batteri GBS tra le settimane 36 e 38 della gravidanza. Il test prevede il prelievo di campioni di tampone dalla parte inferiore della vagina e del retto.

Poiché possono essere necessari alcuni giorni per la restituzione dei risultati del test, la pratica generale è iniziare il trattamento per GBS prima della conferma dell'infezione.

L'ampicillina e la penicillina sono gli antibiotici più comunemente usati per il trattamento.

Quali sono i rischi degli antibiotici?

Il rischio principale di antibiotici durante il travaglio pretermine è una reazione allergica. Inoltre, alcuni bambini possono nascere con un'infezione che ha resistenza agli antibiotici, rendendo più difficile il trattamento delle infezioni postpartum in quei bambini.

Chi dovrebbe assumere antibiotici?

Secondo ACOG, solo quelli con segni di infezione o rottura delle membrane (rottura precoce dell'acqua) dovrebbero ricevere antibiotici durante il travaglio prematuro. Attualmente non è raccomandato per l'uso di routine in persone senza nessuno di questi problemi.

Chi non dovrebbe assumere antibiotici?

Quelli senza segni di infezione e con membrane intatte probabilmente non dovrebbero ricevere antibiotici durante il travaglio pretermine.

Inoltre, alcuni possono avere reazioni allergiche a particolari antibiotici. Una persona con allergie note agli antibiotici dovrebbe ricevere antibiotici alternativi o nessuno, seguendo le raccomandazioni degli operatori sanitari.