Alimentazione neonatale, salute mentale e altro

0
75

Dopo mesi di attesa, incontrare il tuo bambino per la prima volta sarà sicuramente una delle esperienze più memorabili della tua vita.

Oltre al grande adattamento di diventare un genitore, incontrerai anche una nuova serie di sintomi fisici ed emotivi che iniziano una volta che il bambino è nato. Questi sintomi saranno probabilmente diversi da quelli che hai sperimentato prima.

Il sintomo più comune che potresti riscontrare dopo la nascita è una scarica chiamata lochia. Questa scarica sanguinolenta sembra simile a un periodo mestruale e può durare fino a 8 settimane dopo la nascita.

Le persone in genere sperimentano anche forti sensazioni di crampi uterini mentre l’utero si restringe alle dimensioni che aveva prima della gravidanza.

Altri sintomi variano da persona a persona, a seconda del metodo di consegna e se decidi di allattare. Questi sintomi includono:

Molti non sono sicuri di cosa aspettarsi e si chiedono cosa sia considerato “normale” dopo il parto. La maggior parte delle persone si riprende completamente dopo il parto.

Tuttavia, ci sono alcune complicazioni e sintomi meno comuni di cui dovresti essere a conoscenza.

La durata del tuo soggiorno in ospedale dipenderà dalla tua esperienza di nascita. Alcuni centri di parto consentono alle persone che subiscono un parto non medicato di partire lo stesso giorno del parto.

La maggior parte degli ospedali, tuttavia, richiede un soggiorno di almeno 1 notte. Le persone che hanno un parto cesareo dovrebbero aspettarsi di rimanere in ospedale fino a 3 notti, a meno che non siano presenti altre complicazioni.

Mentre sei in ospedale, avrai accesso a pediatri, infermiere di maternità e consulenti per l’allattamento. Avranno tutte molte informazioni e consigli per te sul viaggio fisico ed emotivo che ti aspetta.

Prova a sfruttare questa opportunità per porre domande sui cambiamenti del corpo dopo il parto e sull’allattamento al seno.

Gli ospedali con unità di travaglio e parto hanno asili nido in cui il tuo bambino sarà sorvegliato e tenuto pulito. Sebbene sia forte la tentazione di tenere il bambino al tuo fianco 24 ore su 24, 7 giorni su 7, usa questa risorsa per cercare di riposarti, se puoi.

Molti ospedali richiedono che tu abbia un movimento intestinale prima di poter lasciare la struttura. Ti verrà offerto un ammorbidente delle feci dopo il parto per alleviare il dolore del primo movimento intestinale dopo la nascita.

Se mostri segni di infezione, come febbre, potresti dover rimanere presso la struttura fino a quando i sintomi non si risolvono. La tua ostetrica o il tuo medico di consegna potrebbe eseguire un breve esame prima della tua partenza, solo per assicurarti che tu abbia iniziato il processo di guarigione.

Se opti per un parto in casa, la tua ostetrica sarà il supervisore principale delle tue cure dopo il parto. La tua ostetrica esaminerà te e il bambino per assicurarsi che tutti stiano bene prima di controllare periodicamente durante le settimane successive al parto.

Il primo test medico che il tuo bambino avrà in ospedale si chiama test APGAR. Avviene appena nati.

I test APGAR effettuati da 5 a 10 minuti dopo la nascita sono i più accurati. Tuttavia, la maggior parte dei medici registra regolarmente anche il punteggio APGAR di 1 minuto. Il punteggio APGAR si basa su cinque fattori:

  • UNpresenza
  • Pulse
  • Grimace
  • UNattività
  • Respirazione

Il punteggio massimo è 10 e qualsiasi punteggio compreso tra 7 e 10 è considerato normale. Un punteggio APGAR basso potrebbe indicare che il bambino potrebbe essere stato stressato durante la fine del processo di nascita.

Mentre è in ospedale, verranno testati anche l’udito e la vista del tuo bambino. Il tuo bambino sarà anche testato per il suo gruppo sanguigno. Alcuni stati hanno leggi o raccomandazioni che impongono ai bambini di ricevere determinati vaccini o farmaci prima di lasciare l’ospedale.

Il resto dell’esperienza del bambino in ospedale dipenderà dal suo peso alla nascita e da come sta dopo la nascita.

Alcuni bambini che non sono considerati a termine (nati prima delle 37 settimane) o sono nati con un basso peso alla nascita vengono tenuti in osservazione in un’unità di terapia intensiva neonatale (NICU) per garantire che possano adattarsi alla vita dopo l’utero.

L’ittero neonatale, che comporta un ingiallimento della pelle, è abbastanza comune. Secondo March of Dimes, circa il 60% dei neonati soffre di ittero. I bambini con ittero dovranno essere trattati in un’incubatrice.

Prima di lasciare l’ospedale, dovrai fissare un appuntamento con un pediatra fuori dall’ospedale per pesare ed esaminare il bambino. Questo appuntamento di 1 settimana è una pratica standard.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda che i bambini vengano allattati esclusivamente durante i primi 6 mesi di vita.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda l’allattamento al seno fino a 2 anni o anche di più a causa degli enormi benefici.

Anche iniziare entro 1 ora dalla nascita offre grandi vantaggi.

L’allattamento al seno è un’esperienza intensamente fisica per entrambi. Durante la gravidanza, potresti notare l’oscuramento dell’areola e l’aumento delle dimensioni dei capezzoli. I neonati non vedono bene, quindi questo li aiuterà a trovare il tuo seno e a mangiare per la prima volta.

Il primo latte che entra nel tuo seno si chiama colostro. Questo latte è sottile e ha un colore torbido. Il liquido contiene preziosi anticorpi che aiuteranno a stabilire il sistema immunitario del tuo bambino.

Entro i primi 4 giorni di vita del bambino, il resto del latte entrerà, provocando il gonfiore del seno. A volte i condotti del latte si ostruiscono, causando una condizione dolorosa chiamata mastite.

Continuare a nutrire il bambino e massaggiare il seno con un impacco caldo può sbloccare il condotto e ridurre il rischio di infezione.

I neonati tendono a “nutrirsi a grappolo”. Ciò significa che a volte può sembrare che stiano mangiando quasi costantemente. L’alimentazione a grappolo è normale e avviene principalmente nelle prime settimane.

Non tutti sono in grado di allattare. Alcuni hanno anomalie del seno o del capezzolo che impediscono un’adeguata lattazione o un corretto attaccamento. A volte alcune condizioni mediche vietano l’allattamento al seno.

Nutrire il bambino dal biberon richiederà di tenere d’occhio quanto mangiano e quanto spesso. Se non sei in grado di allattare al seno o se scegli di nutrire con latte artificiale il tuo bambino per un altro motivo, discuti questa decisione con il tuo pediatra.

Possono aiutarti a imparare quanto e quale tipo di formula è meglio usare per il bambino.

Il piano alimentare di un genitore che allatta è simile a qualsiasi programma ben bilanciato. Comprenderà:

  • carboidrati ricchi di fibre
  • grassi sani
  • frutta
  • proteina
  • verdure

Se stai allattando, potresti sentirti spesso affamato. Ciò indica che è necessario consumare calorie extra per compensare le calorie perse per produrre il latte per il tuo bambino.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), vorrai mangiare circa 2.300 a 2.500 calorie al giorno. Questo dipenderà dal tuo corpo, dai livelli di attività e da altri fattori. Discuti il ​​tuo fabbisogno calorico con il tuo medico.

Continua a prendere le vitamine prenatali mentre allatti. Anche bere molta acqua è fondamentale.

Continua anche a limitare le sostanze che hai evitato durante la gravidanza, in particolare:

  • alcol
  • caffeina
  • pesce ad alto contenuto di mercurio, come il tonno e il pesce spada

Sebbene non sia necessario evitare completamente l’alcol o la caffeina, la Mayo Clinic consiglia di essere consapevoli della quantità che si consuma e dei tempi del consumo. Ciò contribuirà a evitare che il bambino sia esposto a queste sostanze potenzialmente dannose.

Potresti voler saltare direttamente a un piano alimentare che ripristinerà il tuo “corpo pre-bambino”. Ma la cosa più importante che puoi fare nelle prime settimane dopo il parto è guarire e ripristinare le vitamine e i minerali che potresti aver perso durante il parto.

Durante il processo di guarigione, assicurati che il tuo corpo sia pronto prima di riprendere determinate attività fisiche. Se hai subito un’episiotomia, una lacrima vaginale o un parto cesareo durante il parto, il tempo prima di poter riprendere determinate attività può variare.

Parla con la tua ostetrica o ostetrica al tuo appuntamento di follow-up su come tornare a un’attività sicura.

Esercizio

L’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) afferma che la maggior parte delle persone può riprendere l’esercizio entro pochi giorni dal parto.

Un’attività aerobica moderata, come il jogging e il nuoto, può persino ridurre le possibilità di sviluppare la depressione postpartum.

Ma se hai avuto complicazioni durante il parto, parla con il tuo medico e fatti guarire prima di riprendere qualsiasi routine di esercizio.

Non esercitare pressioni su te stesso prima di sentire che il tuo corpo è pronto.

Sesso

I medici generalmente consigliano di aspettare circa 6 settimane dopo un parto vaginale e 8 settimane dopo un parto cesareo, prima di avere rapporti sessuali.

I cambiamenti ormonali durante la gravidanza e l’atto stesso del parto potrebbero inizialmente mettere a disagio il sesso.

Inoltre, tieni presente che immediatamente dopo il parto e prima che riprenda il ciclo mestruale, è particolarmente probabile che tu rimanga incinta di nuovo.

Assicurati di aver scelto un metodo di controllo delle nascite prima di fare sesso con un partner in grado di metterti incinta.

Un sintomo della vita postpartum che potresti non prevedere sono i cambiamenti di umore.

Gli ormoni del parto e dell’allattamento al seno possono combinarsi con l’esaurimento e la responsabilità della genitorialità per creare un’esperienza psicologica difficile.

Sebbene il “baby blues” e la depressione clinica postpartum condividano molti sintomi, non sono la stessa cosa.

È normale sentirsi in lacrime, emotivamente fragili e stanchi durante le prime settimane dopo la nascita del bambino. Alla fine, inizierai davvero a sentirti di nuovo te stesso.

Se inizi ad avere pensieri suicidi o pensieri di danneggiare il bambino, potresti soffrire di depressione postpartum (PPD). Anche l’ansia che ti tiene sveglio o che ti fa battere il cuore, o travolgenti sentimenti di colpa o inutilità, potrebbero indicare che è necessario aiuto.

Concediti il ​​permesso di entrare in contatto con gli altri. Secondo il CDC, circa 1 persona su 8 manifesta sintomi di depressione postpartum. Non sei solo.

Raramente, la depressione postpartum può accompagnare una condizione chiamata psicosi postpartum. Questa è una situazione di emergenza ed è caratterizzata da delusioni e paranoia.

Se in qualsiasi momento ti senti come se stessi sperimentando sintomi di depressione postpartum o psicosi postpartum, è disponibile aiuto.

Se vivi negli Stati Uniti, puoi contattare il National Suicide Prevention Lifeline al numero 800-273-8255. Possono consigliarti 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana.

Quando sei pronto per l’esame post-parto, 6-8 settimane dopo il parto, potresti iniziare a sentirti più come te stesso fisicamente.

Ma se in qualsiasi momento dopo aver lasciato l’ospedale l’emorragia diventa più pesante, si verifica una febbre superiore a 38 ° C (100,4 ° F) o si vede una secrezione simile a pus proveniente da una delle incisioni, chiamare il medico.

Non fa mai male avere un po ‘di tranquillità con eventuali domande o dubbi che potresti avere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui